I poeti della domenica #105: Guido Cupani, Cosmologia minima

cupani2

 

Cosmologia minima

Una ragazza piange.

Un pianto improvviso
come una scarpa slacciata fra un passo
e l’altro, in piena regola, a capo chino,
sola, le due mani sul viso.

Io che le passo
accanto e vorrei farmi albero o mosca o muro, imparo
che il pianto è prima di ogni motivo,
quotidiano, dimenticabile,
qualcosa di noto e sacro, che accade

sulla terra, un mercoledì, lungo la strada.

*
© Guido Cupani, Cosmologia minima, da Le felicità, Samuele editore, 2015

2 comments

  1. La delicatezza, l’umanità e la profondità di Guido sono doti rarissime e preziosissime in poesia.
    E che poesia questa.
    Grazie anche da parte mia.
    Christian

    Piace a 2 people

I commenti sono chiusi.