Marco Mantello – poesie

berlino 2011 -foto gm

berlino 2011 -foto gm

 

All´entrata Roma sud dell´ateneo
che ci passano tante magliette
c´è una camera ardente
l´apriranno alle sette

Ogni giorno lo stesso corteo
sotto agli occhi divertiti dell´agente
Vedi il padre, l´amico, il parente
stare in bilico lí sulle porte

E di fronte all´edicola verde
dove cambia colore il tuo viso
resta come una linea mediana
tra la vita e la morte

il confine diventa preciso

.

Conoscenza della transitorietà

Si era messo il baffo finto
e una cuffia sui capelli
se ne stava davanti allo specchio
e dopo aver sorriso
come ridono tutti i pischelli
si accorse che era vecchio
All´inizio soltanto perplesso
alla fine con occhi di pianto
a fissare quell´altro se stesso
che era vero altrettanto
con il viso del padre riflesso
e uno sguardo piuttosto severo
il figliolo e quell´altro se stesso

.

 

Il sorriso era ben disteso
come quello di un santo
che ti ama senza pietà.
Se non era cosciente di amare
voleva dire che la sua paralisi
doveva essere permanente
e che il ghigno, lo sbuffo, lo sbrego
non potevano esprimere niente
non arroganza, né intelligenza
con quell´aria che passava dalla bocca
e mutava di colpo in fiato
il sorriso non si era salvato.

.

L´uccisione di Isacco R.

Vorrei essere un fabbro ferraio
per forgiare catene ed un paio
di lame affilate e colpire
tutto questo pollame e la tua
svogliatissima prosa volgare
Vorrei prendere e considerare
l´assoluta mancanza di prove
come un film con effetto speciale
dove tu l´antagonista
hai vissuto bevendo cicuta
hai voluto soltanto la pace
educando tuo figlio nel nome
di una legge che mi è sconosciuta
Ma dove io senza una terra,
terrorista e mi dispiace
se ogni tanto facevo a parole
perché ritornasse la guerra
e questo lo chiamo dolore.
La mia bocca non è sulla scia
di una stella che brilla a ponente
Per uccidere il mio presidente
come Davide miro a Golia
all´altezza del cranio ma piano
Perché cazzo il mio paese
sembra come un gigante
sulle spalle di un nano
e adesso io, da israeliano

.

 

Il cenacolo si svolse in un salotto
Quella massa di bare con foto
digiunò fino alle otto
poi arrivarono le cameriere
e versarono la pace universale
in un calice rimasto vuoto
I divani parevano rami secchi
e la padrona di casa
sparava acuti dal deretano
Quando lessi a voce alta “Il cimitero”
si svegliarono due tizi in dialisi
e una donna bellissima (chiaramente in nero)
mi strappò le parole di mano
con un bacio che durò trent´anni

.

 

Le vetrine

È probabile
che nelle vetrine del duemila
e cento uno o giù di lì
al posto dei soldatini di piombo
con la baionetta, il cappellaccio
e le mani che gli scoppiano in diretta
ci sarà uno del mio stabile
Camicia aperta a mo´di straccio
la schiena magra e la maglietta
dei Dead Boys prima del laccio
L´avvocato trasformato per la notte
l´ingegnere volontario nell´Angola
ed un mucchio di ragazze danzatrici
per le quali fare a botte e andare a scuola
Nelle vetrine del duemila e cento uno
ci saranno i miei amici

.

 

Le classi sociali

Hanno fatto la Luiss negli ottanta
perché costa denaro al paese
Abitavano in molti al Prenestino,
al Tiburtino, a Piazza Zama
e da quando guadagnano bene
sono i massimi esperti di un vino
comperato col loro stesso sangue

I laureati in legge, a luglio
rimanevano tutti in città.
Un´estate, due estati il concorso statale
il senato o la banca centrale.
A studiare studiavano in gregge
E poi, ogni sabato mattina
finivano tutti così, a bocca aperta
davanti a un ufficio postale:

“Li hai presi i soldi?“
“Li ho presi i soldi, si, scendo a Natale“.
Anche oggi organizzano feste
dove portano bambini appena nati
perché i vivi si sono sposati
con donne a metà
fra una notte a Milano
e un risveglio campano

Provengono dal sud
dallo stesso paese dei magistrati
e le carni sono fuse al piombo

Anche la lingua, le orecchie, gli ani
Alle volte le bocche dei cani
brillano: e tutti li credono umani.
Le ragazze che a testa rasata
vassoiano nei pub sono robot
e si fanno pagare a nottata
per mentire sulla propria identità
o sul numero di esami che gli manca…
Alcuni si organizzano in città
ma non hanno che polvere bianca
e una gran dimestichezza
con lo stato di ubriachezza

.

 

Quando vede il suo negozio di vestiti
apparire fra un foglio di via
ed il cuore tricolore
dell´omino sul cartello elettorale
si comincia finalmente a innamorare.
Ora posa davanti alla cassa
la borsetta e si sfila il cappotto
disinnesca l´allarme e si gira
a raccogliere cartacce da là sotto
Gradualmente la saracinesca
dà l´immagine completa degli interni
C´è una lapide a forma di insegna
e un terribile odore di vermi.
Quando vedo il suo negozio di vestiti
con il nome del parente fondatore
dieci lettere incassate nel soffitto
quattro chiodi che brillano al sole
Penso è strano che fai vivere tua figlia
chiusa dentro la cappella di famiglia.

.
Nota.
Le poesie L’uccisione di Isacco R. e Il sorriso era ben disteso sono inedite. Le altre poesie uscite originariamente su Standards (Zona, 2006), sono state riviste da Marco Mantello. La prima poesia, pubblicata in Standards fu pubblicata anche su Storie e Nuovi Argomenti in una versione più ampia.

 

Altre poesie di Marco Mantello pubblicate nel 2012