Tag: Pier Paolo Pasolini

ROMAMARA, in alcuni quadri d’autore. Ipotesi di letture multiple e suggestioni

Rome est une/ ville trop/ lourde pour son/ sol mou et /son ciel léger. Elle s’enfonce/ nous ne la voyons/ plus qu’à mi-corps./ Le spectacle du/ Forum consterne un/ esprit actif. On/ arrive trop tard dans/ la chambre; les bijoux ont/ disparu. Il ne… Continue Reading “ROMAMARA, in alcuni quadri d’autore. Ipotesi di letture multiple e suggestioni”

Ricordo troppe cose dell’italia – Giovanni Raboni

Buon 25 aprile (la redazione) Ricordo troppe cose dell’Italia. Ricordo Pasolini quando parlava di quant’era bella ai tempi del fascismo. Cercavo di capirlo, e qualche volta (impazzava, ricordo, il devastante ballo del miracolo) mi è sembrato persino di riuscirci. In fondo, io che ero… Continue Reading “Ricordo troppe cose dell’italia – Giovanni Raboni”

FUTURE TRADIZIONI – poeti del Novecento nel cuore di poeti contemporanei (rassegna)

Parte da Lunedì prossimo, e avrà cadenza mensile, questa nuova rassegna  dal titolo: FUTURE TRADIZIONI – poeti del Novecento nel cuore di  poeti contemporanei. In ogni incontro un poeta contemporaneo parlerà  e leggerà  i testi del suo poeta preferito che, nella quasi totalità  dei… Continue Reading “FUTURE TRADIZIONI – poeti del Novecento nel cuore di poeti contemporanei (rassegna)”

La (mal)educazione musicale

In quest’epoca di pazzi, dove non mancano di certo gli idioti dell’orrore, a volte mi chiedo se in Italia esista ancora un po’ di cultura nel campo musicale. Cultura dalla parte di chi ascolta (e a volte da parte di chi la produce). Quando… Continue Reading “La (mal)educazione musicale”

Alla fine resta sempre qualcosa

Pasolini è seduto al tavolo coi gomiti stretti. Ha con sé un panino avvolto nella carta stagnola e un bicchiere d’acqua. Il bicchiere è macchiato da un filo di saliva, una traccia sottile come una larva. Aspira le briciole del pane con un gesto… Continue Reading “Alla fine resta sempre qualcosa”

Pier Paolo 88

Cosa importano le grida di tua madre se dal corpo sgrava l’utero della civiltà? Sotto l’ampia fronte il tuo pensiero, arricciato tra i solchi delle raggrinzite rughe, grondava le parole del suo privilegio sui tetti gialli che otturavano le case, fino a che non… Continue Reading “Pier Paolo 88”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: