Fabio Maria Serpilli, poesie da “Mal’Anconia”

Setanta verzi

 

Cucàle (gabbiano)

Vivémo fra dô blu
de aqua e d’aria
e su sta tera stamo
come su na nave
o ‘n arioplano
Cucàle
in mezo al celo
cun dô lale                         (ali)

E slalo alto
fin’al sol lucóre
sopro de ogni
silenzio e rimore
Sempre più ‘n zu
d’un sagrilegio
movendo l’ale
movendo el celo

 

Angonia (agonia d’Ancona)

   Sota ‘n celo tramonto
mal’anconia conoscio           (malinconia e male di Ancona)
un bel balo de vele
int’un intorno roscio
Sopr’al sacro Còtano          (Sasso, Colle Guasco)
incendia bianco el Dòmo
el Porto giù a baso
abisa pog’a pogo
Cità de l’angonia
quanto meno t’aspeti
alza tut’i canpanili
viè’ su cun tut’i teti

 

Dì’-nun-dì’ (Dire non dire)

Quanta pace c’è ntel tuto
quanta ancó ntel gnente
In quanti fòi cercavo
de méte sti dô verzi
a incastro propio
indove ce diceva
Chisà si ho fato bè
a nun li scancelà?

Si è fadiga a dì
nun dì è più fadiga
Quando
imparo el silenzio

 

Fà disfà (fare disfare)

Tante le volte ’n’ora è ferma
e tanta ferma che pare
fra pogo trema
l’esata confusió

E te cum’arimedi
al sbrego mundiale
si le parole nun fa
che fadisfà le trame?

Te cun qûi diti rompe!      (Tu con quelle dita rompi)
Te séguita a cuge!

 

Fantàsimi

Io stanote salto qua e là,
a spizigando i verzi più beli,
i fili dei capéli tui,
el ride de l’aqua che cure
nun so’ indó ma cure
dal tempo dei tempi
su ‘n fil che cuge
tute le luntananze
come el mato de cità
che ndava dindo in giro:       (andava dicendo)
“Io nun mòro io nun vivo”

Sémo fantàsimi

 

Parole

E tuto viè per caso,
e viè che nun te acorgi, no’   (… noi)
damo solo la boca al spirto
che sta ntel gran silenzio
e ogni tanto crina l’aria            (incrina)
come la dòna e Dio…
A te te pare d’esse invece no
è loro che te pìa!

Le poesie sono tratte dalla raccolta Mal’Anconia, pubblicata nel 1999 da Humana Editrice.

 

Fabio Maria Serpilli, nato ad Ancona nel 1949, studia Filosofia a Roma. Nel 1987 esce la raccolta di poesie in dialetto Castelfretto nostro, con prefazione di Valerio Volpini che definisce Serpilli (su «Famiglia Cristiana», ott. 1994) “L’erede di Franco Scataglini”. Uno dei volumi più fortunati e originali è considerato I luoghi dell’anima (peQuod 2002). Del 1999 è la silloge Mal’Anconia (Humana editrice). Dal 1996 dirige il laboratorio di scrittura poetica in Ancona e Falconara M.ma. Dal 2011 al 2016 è stato Docente di Scrittura Creativa presso Accademia di Belle Arti di Urbino. Tra libri di poesie in italiano e dialetto, curatele di antologie, ha pubblicato decine di volumi. Nel 2010 esce il Dizionario dialettale aguglianese. Dal 1996 cura l’antologia LA POESIA ONESTA, che raccoglie le sillogi in lingua e dialetto di autori italiani. Dal 2005 cura le antologie di poeti dialettali marchigiani del Festival del Dialetto di Varano (AN), giunto alla 42ª edizione. Nel 2005 è il volume “Poeti e Scrittori dialettali” (Ed. QuattroVenti di Urbino) in coabitazione con Fabio Ciceroni e Giuseppe Polimeni, docente di Storia della lingua italiana all’Università di Milano. Nel 2018 pubblica assieme al Prof. Jacopo Curi (Macerata) l’Antologia POETI NEODIALETTALI MARCHIGIANI (per la collana de I QUADERNI del CONSIGLIO REGIONALE delle MARCHE)

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.