Inediti: Giovanna Iorio, Il filo

14875210_10154024785358297_494751915_n

Da IL FILO

 

***

E se domani non ci fosse più il mondo
ma solo il cielo e le rondini
io sarei il filo – dondolo
da un nulla all’altro
unisco distanze

 

 

***

Ora posso unire l’invisibile
sotto di me c’è il respiro di un pesce
che sfiora una roccia
un osso antico e un granchio
cammina all’indietro
mi mostra il meccanismo fragile del ricordo
chiudere gli occhi e pregare a ritroso

 

***

E se mi fermassi tra questi fiori gialli
e se respirassi al ritmo dei cespugli?
Ho ingannato una farfalla
Era la più ingenua di tutte
E mi ha sfiorato la spalla.

 

***

C’è una festa di grilli sul sentiero
e il mondo tace
sono calde le pietre
non disturbarne il canto
in punta di piedi Sul filo lo attraversiamo.

 

***

età di pietra
l’inverno senza fuoco
gela la voce

 

Giovanna Iorio vive a Roma. Ha pubblicato diverse raccolte di poesie; la più recente è  Frammenti di un profilo (Pellicano 2015, con Post poesia di Renzo Paris). È presente in diverse antologie tra cui Cuore di preda (CFR) e SignorNo (SEAM). Collabora con Roma&Roma, DiarioRomano e Erodoto108.
Ha pubblicato una raccolta di racconti ambientati a Roma, Dormiveglia (ReginaZabo).
In uscita per Fusibilia, Gli haiku dell’inquietudine.

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...