Electrocamp 2014

10583856_916489791701269_4844244627914598514_n

LIVE ARTS CULTURES PRESENTA
ELECTRO CAMP 2014
II edizione
Dall’11 al 14 settembre
Laboratori per movers e musicisti (11-13/09)
Festival di arti performative (11-14/09)
C32perfomingartworkspace- Forte Marghera
Venezia Mestre

L’Associazione Culturale Live Arts Cultures è lieta di invitarvi a partecipare a Electro Camp 2014, seconda edizione: un appuntamento che favorisce una visione delle arti performative come spazio di fusione tra diverse espressioni artistiche unite nella definizione di un solo processo creativo. Gli ambiti di pratica e di studio riguarderanno, in due percorsi paralleli, il corpo e il movimento, la sperimentazione sonora.
Il laboratorio per movers sarà condotto da Marta Ciappina, danzatrice e ricercatrice, oggi interprete del Leone d’Argento alla Nona Biennale Danza di Venezia Michele di Stefano.
Il laboratorio rivolto a musicisti elettronici e sperimentatori sonori esplorerà modi e metodi di espressione delle relazioni corpo-movimento-suono e suono spazio; condotto da Johann Merrich e con la partecipazione di Aldo Aliprandi e Karine Dumont, vedrà la presenza di un performer per tutto il percorso di indagine.
Live performances e live electronics aperti al pubblico chiuderanno, come di consueto, ogni giornata di pratica.

MOVIMENTO > > > MARTA CIAPPINA

“BRILLIANT MIND AND POWERFUL BODY”
Il laboratorio si presenta come un autentico kit di training somatico ed intellettuale per “sopravvivere” sulla scena contemporanea con corpo vigile e mente brillante. Al centro dell’indagine somatica ipotizziamo la vocazione del performer all’esplorazione dello spazio reale e la valorizzazione di condizioni fisiche metamorfiche e disponibili al cambiamento. Verranno assegnate azioni semplici, stratificate e monotematiche, finalizzate alla strutturazione di un percorso di ricerca tecnico ed improvvisativo che sia coerente rispetto all’indagine proposta e che abbia la potenzialità di affinare ed espandere le composite fisicità del mover. Il processo tenterà di traghettare verso l’elaborazione consapevole di un’identità dinamica che apprezza l’istinto e riconosce nella trasmissione logica del movimento uno strumento per ridefinire il corpo e trovare alternative possibili.

SUONO > > > JOHANN MERRICH, ALDO ALIPRANDI, KARINE DUMONT

“M (momenti) MUSICA PER UN CORPO”
La finalità del laboratorio è quella di ricondurre a un’unica visione i momenti della scrittura, dell’esecuzione e dell’ascolto. Le sessioni di lavoro si rivolgono in particolar modo a quanti vogliano includere nel proprio percorso di ricerca produzioni di eventi sonori dedicati alle arti performative.
Grazie al lavoro diretto sui suoni e alla presenza di un performer, esploreremo i molteplici modi e metodi di espressione eterofonica delle relazioni corpo-movimento-suono e suono-spazio. Saranno prese in esame metodologie impiegate da autori del passato aprendo nuove proposte di ricerca nel tentativo di creare così uno o più sentieri di rielaborazione personale.

“La musica è infine l’occasione per la società di esercitare lo spirito con l’ascolto di un qualcosa che, essendo eminentemente astratto e impalpabile, riesce ad elevare l’attenzione dell’ascoltatore oltre la materia per portarlo a contatto con un mondo sottile e nascosto, aiutati anche dalla tecnologia e dal suo progressivo processo di smaterializzazione della cultura”.
Massimiliano Viel

Entrambi i laboratori si svolgeranno dalle 11 alle 13 e dalle 14 alle 17 nei giorni 11 12 13 settembre.

CHI PUÒ PARTECIPARE
 
MOVIMENTO

Il laboratorio è aperto a movers, performers, attori, a persone che abbiano già una conoscenza base sul movimento. E’ dedicato a chi ha messo al centro della propria ricerca analisi e pratica della dinamica, è aperto poiché il metodo di lavoro si deposita su più strati, dando la concreta possibilità al singolo partecipante di conquistare il massimo successo all’interno del proprio percorso.

SUONO

Musicisti sperimentatori. Le sessioni di lavoro d’insieme prevedono l’impiego di uno (o più) strumenti musicali. Portate con voi il vostro “mezzo”. Inviate la vostra scheda tecnica allegata al modulo di adesione.
Fondamentale è la volontà di mettersi in gioco e di includere nel percorso di ricerca le relazioni tra suono e movimento. I posti sono limitati, sarà data precedenza a chi impiega strumenti elettronici.

Per info ed iscrizioni consultare il sito: www.liveartscultures.org