Flashback 135 – Facciate

Cronaca del viaggio in una terra sconosciuta tra immagini e parole
Cronaca del viaggio in una terra sconosciuta tra immagini e parole

4

Ci sono persone nuove da salutare e altre da evitare, giorno dopo giorno, tra falsi sorrisi e domande inutili. Ci sono facciate da mostrare e pensieri da nascondere. C’è chi parla tanto e chi se ne sta in disparte senza dire nemmeno una parola, fumando un miccio o bevendo una birra. In una selva di sguardi da scambiare io osservo e faccio le mie scelte. Fuori dal locale c’è anche Santo, quarant’anni, laureato e disoccupato. Parla di cambiare le cose e poi consiglia alle altre persone di non sprecare energie per realizzare progetti per la propria città. Io ci sorrido sopra e, mentre mi chiedono cosa si potrebbe organizzare per la giornata contro tutte le mafie, mi domando se esiste davvero tutta questa differenza tra un uomo di mafia e uno che agisce come Santo.

© Marco Annicchiarico

Leggi dal primo flashback     –     Leggi il flashback precedente     –     Leggi il flashback successivo

2 commenti su “Flashback 135 – Facciate

    • Pensa: senza conoscere l’interessato hai azzeccato l’aggettivo che meglio lo descrive.
      Poi, però, queste persone (perché non è il solo) si lamentano che le cose non cambiano mai. Ca va sans dire…

      "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: