Gianni Montieri – Friuli

FRIULI

I

Poi  è calata la sera, la gente
si è seduta in silenzio (disposta
su panche, o su sedie portate
da casa) ad ascoltare poesia
qui le lingue si mischiano:
lo sloveno, il dialetto friulano
il ceco, quindi l’italiano
accade nelle terre di frontiera
tutto si fonde in una nota sola
nelle strette di mano date dopo

è tarda notte quando Francesco
dice: “Felice d’averti conosciuto
di persona” sento che è vero
allora dico o penso: “Anche per me”.

II

Cormòns: i nomi qui sono così
a volte manca la vocale in fondo
c’è terra tra una casa e l’altra
luce verso le montagne
ti giri nel sonno e sussurri:
“Ci vorremo bene per sempre?”
e io dico “Sì” poi lo ripeto
sorrido, il chiaro filtra da fuori
ti stringo e penso a domattina
quando a colazione negherai
d’averlo detto e dividerai la torta
a metà come un confine, la linea
del letto attraversata, o l’amore
senza barriera, un passo prima
o dopo la dogana del perdono.

:

:

:

inedito giugno 2012

15 comments

  1. Sulla prima non dico niente se non grazie, sono troppo coinvolto…
    La seconda è splendida: come si dice, interiorizzare un luogo dove ti trovi?

    Francesco t.

    Mi piace

  2. Eh! Neanch’io so dire quanto siano belle e quanto mi siano piaciute. Lo voglio dire ugualmente e ancora aggiungo: quando rimango così, senza fiato e altro, allora sono sicura di avere incontrato un pezzo di perfezione. Due, in questo caso.
    Grazie!

    Mi piace

  3. Sono stato in Friuli un paio di settimane fa. Quella sera chiacchierando con Francesco (Tomada) gli dissi di come mi avessero sempre affascinato le terre di confine. I confini, in generale, lasciano sempre intravedere un “possibile” poco distante, un varco, una via d’uscita o un ritorno. I confini anche di un semplice quartiere segnano le vite, nascere cento metri più in là, dalle mie parti faceva la differenza e forse la fa ancora. La poesia stessa è una specie di confine, la cui frontiera è l’equlibrio e chi scrive, a volte, è un doganiere, altre un contrabbandiere.

    Grazie a tutti, siete cari

    Mi piace

    1. Grazie a te Sparz, per il sostegno che mai mi fai mancare e per questo bellissimo articolo…il cui contenuto condivido totalmente. A presto

      Mi piace

  4. bellissime, Gianni.. e mi fai ripensare alla mia terra, che è terra di stranieri destinati a rimanere stranieri, terra di confini creati e attraversati sempre, per generazioni e generazioni. uomini e donne migrati e ritornati, o uomini che non si sono mai mossi ma che il territorio stesso rende stranieri, a se stessi, ai propri simili…grazie ancora :)

    Mi piace

  5. Pingback: Riepiloghi «

I commenti sono chiusi.