Francesca Pellegrino: poesie

Doppia mandata

Fuori sembra tutto così perfetto
che ad allungare la mano
pare di sciupare persino il vento
e le parole giuste degli altri
che ce la fanno a dire di sé
con la voce che parla
e dice che vogliono
che fanno
che sono. Sanno chi sono io
molto meglio di me
e hanno persino le risposte
alle cose che non ho mai capito
compreso sparare con gli indici
sulle mie serrature.

.

È evidente che laverò i piatti a questo giro

Il silenzio delle vacche tristi
si sente fin qui

più assordante che mai
anche se ho chiuso tutto fuori
e ho una carabina in mano

che uccide le mosche
incastrate come me e puttane
dentro la loro povera fame di merda.

Che l’amore fosse un lusso
dovevano dirlo prima
di presentare il conto.

 

Alcatraz

Da una prigione non si esce mai per davvero.
Chi ci è stato
ha la normale inclinazione a tornarci
per lasciarsi macerare nell’arroganza di credersi

niente.

Sebbene anch’esso
sia sicuramente stato un feto, una volta.

 

Ufficio parole smarrite

Questa volta
sarò spietata più del solito.
Non avrò pena alcuna per le parole
né sogni a redimermi
divagando cosa non È.
Non guarderò che nelle tasche
nei cassetti, nel freezer
e gli specchi – tutti gli specchi
che posso
– per capire cosa resta
dopo un inventario.
E guarderò in faccia le ore
certa di trovarvi il nome che
hanno le cose che mancano.

 

L’acquario

Siamo due – io e lui
due pesci rossi nella boccia
a pescare i silenzi dentro la rètina.
Manca l’aria alle parole, così restiamo zitti
e giochiamo a nascondino con la faccia dentro le mani
ignorando la trasparenza friabile del vetro.
Vince sempre lui e io applaudo al suo talento
di non sapere altri mondi fuori di qui.
Ché due è un numero dispari, talvolta.

 

Surgelati

una casa
camere buone per coltivare
fiori di solitudine
che soltanto l’assenza c’è
presente e vera
come il ghiaccio nel freezer
vuoto

24 comments

  1. Bentornata, Francesca.
    Fa bene leggerti, e sei brava.
    …e fin qui a dirti sinceramente ma troppo veloce, l’apprezzamento. A fermarmi, invece, incontro i tuoi occhi che vagano in cucina e di porte in specchi raschi poesia, quella che si concretizza ovunque ma non tutti sanno raccontare.
    c.

    Mi piace

  2. Molto bello per me ritrovare la scrittura di Francesca, che già apprezzo da quando la ho conosciuta, e vederla in costante evoluzione. Brava, brava davvero.

    Francesco t.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...