Alessia D’Errigo, Gestuazione (comunicato stampa)

Alessia D’Errigo (foto di ©Stefano Borsini)

 

Dopo il primo esperimento torna La GESTUAZIONE di Alessia D’Errigo
improvvisazione totale corpo/gesto nel silenzio
sul tema de “LA CASA DI BERNARDA ALBA” di F.G. Lorca

Due serate di ricerca teatrale performativa centrate sul corpo come mezzo estatico e ritualistico di racconto. Due serate differenti, un percorso (poiché si tratta d’improvvisazione totale) di ‘poesia fisica’ sulle tematiche archetipiche del femminile.

2 MARZO ore 21.00

Seconda Gestuazione
BERNARDA NON DANZA

3 MARZO ore 21.00

Terza Gestuazione
VENGANO TUTTI AD AMMAZZARLA

improvvisazione corpo/gesto: Alessia D’Errigo
scenografie: Marco Curatolo
disegno e improvvisazione luci: Ortensia Macioci

Presso CINETEATRO ROMA via Valsolda 177

INGRESSO: 10 euro

PROMO DELLE DUE SERATE: 15 euro (su esibizione del biglietto)

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: 339.2601057 visionivisioni@gmail.com

DESCRIZIONE:
Un fantasma si aggira in scena. Non ha il dono della parola. Solamente il corpo e il gesto nel silenzio si susseguono nella quotidianità della casa, nella ripetizione disperata dell’azione come unica radice di interazione con la realtà. Una donna in scena, ma è molte donne: la Donna, quella dei mille archetipi resuscitati da Garcia Lorca ne “La casa di Bernarda Alba” ma non c’è riferimento o citazione al testo, si vuole andare oltre, raccontare la tragicità poetica ed evocativa dei personaggi attraverso l’atto muto del gesto/corpo, si vuole raccontare… come se si entrasse in un sogno…

COS’È LA GESTUAZIONE?

La GESTUAZIONE è una nuova forma d’arte performativa sacra figlia della PERFORMAZIONE di Antonio Bilo Canella  centrata sull’improvvisazione totale del corpo/gesto nel silenzio ideata da Alessia D’Errigo. A differenza della PERFORMAZIONE in cui viene utilizzato oltre il corpo anche voce e musica, la GESTUAZIONE nasce da una necessità di lavoro sul silenzio e come base di ricerca degli archetipi corporeo-emotivi. Rimane invece ben salda come nella Performazione l’idea dell’evento gestaltico e dello stato alterato di coscienza. La ricerca della D’Errigo verte da molti anni sulla ripetizione del gesto/corpo portato al suo paradosso come cardine di mutazione da una ‘forma’ all’altra, da una ‘condizione’ all’altra, da un movimento all’altro. L’idea è anche quella di far convivere l’azione quotidiana nel suo sviluppo ripetitivo ed emotivo, ripristinando un’azione primitiva del gesto e del linguaggio.

ALESSIA D’ERRIGO
Ricercatrice in campo teatrale e cinematografico.
Scrittrice, interprete e regista di varie opere teatrali. Co-fondatrice del Cineteatro di Roma.
Nel 2004 apre, insieme al suo compagno, l’artista e regista Antonio Bilo Canella, il “CineTeatro di Roma” (www.cineteatro.it) centro di ricerca formazione e produzione in campo teatrale e cinematografico.
Proprio al CineTeatro inizia un lungo percorso sull’improvvisazione totale (la Performazione: http://www.performazione.com) e porta avanti una ricerca personale sull’Improvvisazione Poetica.
Da questa ricerca – nel 2011 – Alessia D’Errigo apre il progetto IMPROMPTU THEATRE l’intento è quello di voler fondere varie arti (musica, poesia, danza, pittura e teatro) in uno scenario d’improvvisazione totale.
Progetto sancito dall’omonimo spettacolo “Impromptu” con il pittore-performer Orodè Deoro, e da altre due performance “Variazioni Belliche (LamentAzione)” e “Per i tuoi occhi bianchissimi”
Dal 2012 ad oggi, ritorna a lavorare con Antonio Bilo Canella con la Performazione, aprendo insieme a lui il “Collettivo Performativo” e collaborando con vari artisti, scrittori, danzatori, musicisti, pittori e poeti.
Nel 2011 ha pubblicato la sua prima silloge poetica ‘Carne d’aquiloni’ con l’editrice Zona Contemporanea.
I suoi testi sono presenti in numerosi blog, riviste web e in alcune antologie.
Tra il 2011 e il 2012 Ha curato la rubrica di poesia “Rediviva Donna (classica e contemporanea)” sulla fanzine Versante Ripido.
A dicembre 2013 una ventina di testi inediti della raccolta ‘Pasto Vergine’ escono sulla rivista “Poesia” di Crocetti Editore con un’introduzione di Maria Grazia Calandrone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.