Ciò che disse il legno: Twin Peaks attraverso i monologhi della Signora Ceppo #10

Ogni episodio di Twin Peaks (in attesa dei nuovi, annunciati per quest’anno) è introdotto da un monologo di Margaret Lanterman, conosciuta da tutti come la Signora Ceppo perché gira abbracciando un ciocco di legno con cui si confida e dal quale ottiene rivelazioni. Potrebbe essere la pazza del paese, se a scarseggiare a Twin Peaks non fosse proprio la normalità. Quei monologhi, scritti dallo stesso Lynch, sono in definitiva una successione di poemetti in prosa, misteriosi, surreali, bellissimi. Hanno un valore poetico autonomo, e al tempo stesso sono una chiave di accesso al mondo immaginato dal regista e dai suoi collaboratori (Mark Frost, co-ideatore, su tutti). Dalle parole cercherò ogni volta di andare alla storia e ai personaggi, senza però svelare troppo per chi ancora ha la fortuna di non aver visto la serie. E tuttavia ogni spiegazione sarà solo l’inizio di qualcosa: nel linguaggio di Lynch, sia verbale che cinematografico, permane un residuo di non significato, un nodo di oscurità, un ceppo che non brucia e che parla.

.Pierre

.

[Episodio nove – Coma]
As above, so below. The human being finds himself, or herself, in the middle. There is as much space outside the human, proportionately, as inside. Stars, moons and planets remind us of protons, neutrons and electrons. Is there a bigger being walking with all the stars within? Does our thinking affect what goes on outside us and what goes on inside us? I think it does. Where does creamed corn figure into the workings of the universe? What really is creamed corn? Is it a symbol for something else?

Come sopra, così sotto. L’essere umano trova se stesso, o se stessa, nel mezzo. C’è in proporzione tanto spazio fuori dell’umano quanto dentro. Le stelle, le lune e i pianeti ci ricordano protoni, neutroni ed elettroni. C’è un essere più grande che cammina con tutte le stelle dentro? Il nostro pensiero influenza quello che succede fuori di noi e dentro di noi? Io penso di sì. Dove figura la crema di mais nei disegni dell’universo? Cos’è realmente la crema di mais? È un simbolo per qualcos’altro? (trad. di Andrea Accardi e Alessandra Zarcone)

.

Ronette Pulasky, testimone dell’ultima notte di Laura Palmer, esce dal coma e riconosce da un ritratto il misterioso uomo sognato da Cooper e dalla madre di Laura. Mentre la storia continua a girare la vite della paura, la Signora Ceppo sembra provare a distrarci, verso l’infinitamente grande di starsmoons planets, e verso l’infinitamente piccolo di protonsneutrons ed electrons. Fa un grande miscuglio, teologico (“a bigger being“) e scientifico, tutto per dire che ogni cosa è collegata, che il basso e l’alto si rispondono, che perfino il nostro pensiero può agire sull’esterno. È un’idea magica, ma sappiamo già che lo stesso Cooper la condivide. Come sempre avviene in Lynch, l’immagine altisonante è però subito rovesciata, accostata al dettaglio incongruente che la mette apparentemente in crisi. Creamed corn, quale posto occupa la crema di mais nei meccanismi dell’universo? La crema di mais rimanda simbolicamente al di fuori di sé? In realtà l’allusione è diretta all’episodio, Donna ha sostituito la sua amica Laura nelle consegne di pasti a domicilio, per indagare senza destare sospetti, e fa la conoscenza dell’anziana signora Tremond e del suo inquietante nipotino Pierre. La signora Tremond si lamenta proprio del fatto che nel suo vassoio ci sia della crema di mais che lei non ha mai ordinato, e Pierre la fa scomparire (“my grandson is studying magic!“): ecco la magia, fosse pure un trucco da prestigiatore, portato però fuori da ogni contesto di intrattenimento e perciò divenuto sinistro. E allora il presentimento che cresce è che non esista più pace domestica, che perfino una crema di mais, per giunta non richiesta, riassuma un destino che la oltrepassa, che i disegni dell’universo possano entrare nelle nostre stanze e sconvolgerle. Stars, moons planets ci spiano dall’alto, nemmeno chiudendo le finestre si può mangiare in pace una crema di mais, per quanto non richiesta.
 .
@Andrea Accardi
.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...