Cartoline persiane#9

dinant

Caro Rhédi,

dalla Francia mi sono spostato in Belgio, da quelli che i francesi considerano i loro cugini un po’ zotici (chiederò ai diretti interessati se è davvero così). Mi trovo proprio nella parte meridionale e francofona, la cosiddetta Wallonia, e in particolare nella cittadina di Dinant. Si tratta di un piccolo centro orizzontalmente longilineo, tutto costruito lungo le rive del fiume Meuse, e incassato tra questo e la roccia. Spicca una strana cattedrale, dalla cupola a forma di melanzana, a sua volta sovrastata da un’antica cittadella. I ristoranti si affacciano sull’acqua, oltre i vetri passano barche a motore e canottieri, velocissimi per l’agonismo e per il freddo. Un tempo nell’abbazia Notre-Dame de Leffe veniva prodotta la famosa birra, e dagli stessi monaci, perché pare che l’alcol favorisca le visioni mistiche. Ho girato poi per la campagna wallona, incontrando altri centri più piccoli, o semplici agglomerati di case. C’è molto verde, mucche, altalene, e galli di rame sopra i tetti. Passo molto tempo a fissarli, che è un modo come un altro per aspettare il vento.

@Andrea Accardi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: