Se la Letteratura diventa un luogo comune

Helene Hegemann – nuova stella del panorama letterario berlinese e autrice del già best-seller Axolotl Roadkill – ha ammesso di aver scritto il “suo” romanzo “saccheggiando” la rete qui e lì, dopo essere stata accusata di plagio da Deef Pirmasen, autore di un romanzo online a cui la Hegemann più si è “ispirata“. Ma è davvero questa la notizia? A mio modo di vedere, assolutamente no.

Dietro questa storia, c’è molto più di una ragazzina (l’autrice ha solo diciassette anni) smaniosa di atteggiarsi all’ultima Virginia Wolf made in Berlin. Avranno pure un ruolo la casa editrice, gli editor e la critica, o no? Che dire, poi, dell’artificio derivante dal famoso “effetto esposizione“, meglio conosciuto come “effetto museo“, tanto studiato dai sociologi: centrerà pur qualcosa, o no?

Dico questo perché credo che questa storia vada al di là della vicenda in sé. Ad esempio, potrebbe rappresentare il lassismo di una critica che ha smesso, come parte di quella italiana, di leggere i libri che recensisce. Oppure, se così non fosse, potrebbe voler dire che il web è pieno di scrittori geniali e incompresi almeno tanto quanto sconosciuti. Se neanche si fosse d’accordo su questo, l’unica cosa che mi rimane da pensare è che abbiamo seriamente bisogno di rivedere i canoni estetici e stilistici con cui siamo soliti approcciarci alla Letteratura. Perché, allo stato attuale delle cose, un buon romanzo è quello che vende più copie, il Best-Seller appunto. Che è un po’ come dire che il buon scrittore è quello che scrive più libri. Ma così, sappiamo benissimo tutti non essere.

La Letteratura sta rischiando di morire schiacciata dal peso dell’invadenza di una narrativa spicciola, il cui unico pregio è quello di adeguarsi perfettamente ai gusti estetici del mercato corrente. Una letteratura (e non Letteratura) come questa non è più in grado di offrire nulla al mondo che la accoglie. Anzi: dal mondo essa prende gli elementi che non è più capace di creare, reinventare, proporre, e si limita a raccontarli, a volte con romanticismo e buonismo altre con piglio più lucido e sadico, riempiendo pagine e pagine di retorica e messaggi edificanti non richiesti, perdipiù scritti male. E ci ritroviamo pieni di “fiction” in biblioteca così come in TV. Come se la vita che abbiamo, così com’è, ci piacesse così tanto che sentiamo la necessità di ripetercela, rivivendola ogni volta nelle pagine di un libro. Oppure è la definitiva sconfitta dell’immaginazione, la bandiera della realtà piantata nella testa cava del sogno. Realtà a cui sempre più uomini sembrano adeguarsi con sempre maggiore facilità e velocità, perché, in fin dei conti, è quel che c’è. Ma dov’è quella Letteratura che re-inventa la realtà? Dove quella che ri-pensa l’uomo e la sua inutile presenza su questo mondo?

Della Hegemann mi hanno colpito molto le due dichiarazioni/giustificazioni rilasciate  in risposta alle critiche giunte un po’ da tutte le parti. La prima è “L’originalità in ogni caso non esiste più, solo l’autenticità”, come dire: la Letteratura è morta, non possiamo che ripeterci e sperare di vedere il nostro nome sotto il titolo di un romanzo che non abbiamo scritto. La seconda è “Credo che il mio comportamento e il modo di lavorare sia stato del tutto legittimo; non mi faccio rimproveri, ciò può dipendere anche dall’ambiente dal quale provengo e nel quale si cerca l’ispirazione un po’ dappertutto”, definendo gli scrittori (futuri o attuali) del suo ambiente (quindi anche della sua generazione) come degli amanti del decoupage.

Tra le due, ciò che più mi spaventa è la possibilità che possa aver ragione, anche alla luce di alcuni “best-sellers” che hanno abitato e tutt’ora abitano gli scaffali delle nostre librerie.

5 commenti su “Se la Letteratura diventa un luogo comune

  1. Grande articolo! …e anche veritiero… Per esempio, con tutto il rispetto per l’attore Fabio Volo che amo come attore, non comprerei mai un suo libro, di cui ho letto alcuni estratti tempo fa, estratti che mi confermarono che i miei pregiudizi (fino ad allora) non erano stati fallaci… Sono scelte puramente commerciali, e in questo la colpa non è di Volo, che tenta solo di arrotondare i guadagni. Il guaio è che c’è qualcuno che glielo permette…

    "Mi piace"

  2. sono d’accordo Luigi, a volte mi chiedo se ci si può salvare soltanto confidando nella nostra capacità di scegliere. Intendo dire che tu, gino, natàlia..ecc. gente che legge e che si aspetta qualcosa in più da un libro, sa pure dove andarlo a cercare. Chi, invece, entra in libreria per scegliere un romanzo…prende il nome, guarda la classifica e compra. Qualche volta gli va pure di culo e trova “il libro”; ma nella maggior parte dei casi si porta via libri che non consiglierei al mio peggior nemico.

    quakche mese fa ho avuto la fortuna di fare una chiacchierata con Antonio Moresco, parlando di libri ed editoria disse una frase che non dimenticherò mai:

    “A me non interessa scrivere libri che anestetizzino le presone fra una fermata e l’altra della metropolitana”.

    e a me non interessa leggerli.

    grazie

    "Mi piace"

  3. Gianni, personalmente mi tolgo dalla lista. Non solo sento l’esigenza di qualcuno della cui “sapienza” possa fidarmi perché mi aiuti a compiere delle scelte piuttosto che altre. Ma, oltre alla cultura dello scrivere (che non è sinonimo di raccontare o narrare, sta venendo meno la cultura del leggere. Perché io, ad esempio, (a proposito di Fabio Volo) sto provando a leggere l’Ulisse di Joyce (mi butto sul classico che vado sul sicuro) ma non ce la posso fare. Non so se ho reso l’idea.
    Luigi

    (Grazie per gli apprezzamenti a entrambi!)

    "Mi piace"

  4. Ecco, appunto.

    Le domande, a questo punto, sono:

    1. Dove sono gli scrittori di Ulisse?

    2. Dove sono quelli che mi dicono: è appena uscito un “ulisse” in libreria, secondo me dovresti dargli uno sguardo se vuoi continuare a vedere”

    3. Dove sono quelli che mi insegnano a leggere ciò che la mia piccola mente o la mia bassa cultura non mi consentono di leggere?

    Al primo che mi risponde esaustivamente e con una soluzione una copia dell’Ulisse. Quello di Joyce.
    Luigi

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: