Marina I. Cvetaeva – poesie da riscoprire (terza puntata)(post di natàlia castaldi)

I versi crescono come le stelle e come le rose,
come la bellezza - inutile in famiglia.
E, alle corone e alle apoteosi -
solo una risposta: "Di dove questo mi viene?"
.
Noi dormiamo, ed ecco, oltre le lastre di pietra,
il celeste ospite, in quattro petali.
Mondo, cerca di capire! Il poeta - nel sonno - scopre
la legge della stella e la formula del fiore.
(14 agosto 1918)
*
.
La spensieratezza è un caro peccato,
caro compagno di strada e nemico mio caro!
Tu negli occhi m'hai spruzzato il riso
e la mazurca mi hai spruzzato nelle vene.
Poiché mi hai insegnato a non serbare l'anello,
con chiunque la vita mi sposasse.
A cominciare alla ventura - dalla fine,
e a finire - ancor prima di cominciare.
A essere come uno stelo, ad essere come l'acciaio.
Nella vita, in cui così poco possiamo,
a curare la tristezza con la cioccolata
e a ridere in faccia ai passanti.

(1918)
*
.
All'Achmatova
.
Non puoi restare indietro. Io sono il galeotto.
Tu sei la scorta. Un solo destino.
E un comune foglio di via ci è dato
nel vuoto senza contenuto.
.
La mia indole è tranquilla!
Ma sono chiari i miei occhi!
Lasciami dunque, mia scorta,
fare due passi fino a quel pino!

(26 giugno 1916)
*
.
Un bianco sole e basse, basse nubi,
lungo gli orti - dietro il muro bianco - un cimitero.
E sulla sabbia file di spauracchi di paglia
sotto le traverse a statura d'uomo.
.
E, penzolandomi oltre i paletti dello steccato,
vedo: strade, alberi, soldati sbandati.
Una vecchia contadina, cosparso di sale grosso
mastica e mastica un tozzo di pane nero...
.
Come hanno potuto incollerirci queste nere capanne,
Signore! e perché a tanti mitragliare il petto?
Passa un treno e ulula, e si mettono a ululare i soldati,
e leva polvere, leva polvere la strada che indietreggia...
.
- No, Morire! Meglio non essere mai nati,
che questo lamentoso, penoso, carcerario ululato
per le belle dalle nere ciglia. - Ah, e pure cantano
adesso i soldati!? Oh, Signore, Dio mio!

(3 luglio 1916)
*
.
Un mondiale nomadismo è cominciato nel buio:
sono gli alberi che vagano sulla terra notturna.
Sono i grappoli che fermentano in vino dorato,
sono le stelle che di casa in casa peregrinano,
sono i fiumi che il cammino cominciano a ritroso!
E io ho voglia di venire da te sul petto - a dormire.

(14 gennaio 1917)

____________

traduzioni a cura di Pietro A. Zveteremich
(Marina I. Cvetaeva - Poesie - I classici Feltrinelli)
____________

Poesie da riscoprire:
Wilcock (prima parte)
Wilcock (seconda puntata)

7 commenti su “Marina I. Cvetaeva – poesie da riscoprire (terza puntata)(post di natàlia castaldi)

  1. …e questa poesia la formula del fiore la individua molto bene…grazie per queste meraviglie mattutine

    "Mi piace"

  2. Una delle mie poetesse preferite che seguo da tempo nei cammini tra i fiori e i voli tra le stelle… grazie per questa selezione, un post che rinfresca il weekend…

    "Mi piace"

  3. Rimango sempre più convinto e felice di esser entrato in questo sito per la prima volta e non lo mollerò più; è interessante questo fiore di selezione, sia per la presentazione sia per i poeti presentati.
    La poesia russa (al pari di quella inglese) gode di uno status letterario di alto livello, ma se è vero che da una parte hanno raggiunto questa grandezza per un’ossessione onnipresente per la parola poetica, è anche vero che in Italia ci sono stati grandi traduttori per passione che li hanno fatti scoprire al lettore e di cui Natalia ci dona un assaggio grazie alla traduzione di Zveteremich: architetti della parola come Renato Poggioli, Remo Faccani, Angelo Maria Ripellino, Michele Colucci, Giovanni Buttafava (traduttore di Brodskij nonché amico di Nanni Moretti) si sono appassionati e hanno riversato questo amore nella traduzione.
    Grazie a Natalia, ora e sempre ;-)

    "Mi piace"

  4. quante poesie e quanti poeti ho scoperto grazie a questo sito. Come scoprire un’oasi nel deserto!!

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: