MEDUSA

Tu che di me fai preda
con i tuoi capelli
trappole dolcissime
per le mie dita.
Tu che mi rapisci
nel gorgo dei tuoi occhi
e mi fai cadere senza pace
nella tua anima bruciante.
Tu che mi accarezzi
con morbide labbra
e poi mi fai a pezzi
con il feroce morso.
Abbi pietà di questo
corpo inerme
e di quest’anima
che s’affanna
nella palude del desiderio.

5 commenti su “MEDUSA

  1. l titolo già da se mi cattura avviluppandomi…
    il testo è tremendamente sensuale…ghiotta.

    "Mi piace"

  2. ci si sente avvinghiati, come alla vita.
    o ad un preludio di morte.
    bella, grazie!
    api

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: