Salvatore Sblando: tre poesie inedite

L’UOMO DELLE ROSE

Giampaolo Talani - L'ombra delle rose (2005)

Ho chiuso la cerniera agli stivali, conosciuto la forma delle scarpe
ed il giro degli alluci che ti curvano la schiena.
So delle tue gambe lunghe che han calpestato petali
e percorso spazi infinitamente brevi come lo sguardo
che ha saputo solo il bianco appeso delle bandiere

Hai visto fiori contare anni, notti spezzarsi sull’uscio di casa.
Hai preso battiti non tuoi e smozzicato pane a piccole dosi
come fosse un segreto il lento incedere fra le carezze

Ti sei persa in tanti assolutamente sì
nel gioco della falsità e degli occhi opposti alla scena.
Hai creduto di poter vincere il secondo
per non calarti nell’attimo e morire una vita

non serve chiudere gli occhi di che regala rose
scordandosi del tutto, nella comprensione delle spine

(maggio ’09)

*

COME NOI

Concedo tutto me stesso ad una passeggiata
di portici e schiamazzi, di profumi ed erbe
di vento e di bandiere.
Siamo in questo esistere di cose non dette
un garbuglio di giochi e silenzi
nell’abbandono di un’apparenza disattesa

Parliamo di strade, fra mendici e rimandi
di vento, solitudini d’asfalto e sigarette.
Preghiamo ché sia la distanza
l’inappetenza del destino a renderci
singolare moltitudine fra specchi deformati

E che non sia la curva di una rotaia
ad indicarci la precisa direzione

(giugno ’09)

*

GENERAZIONE

E’ bastato un silenzio di poche parole
per conoscere l’importanza del tempo
degli ultimi giorni d’aprile

Un battito senza cuore nell’indecidibile
fra aria e vento, affluenza e sguardo

Perché siamo generazione che regge l’alcool
ma non l’amore

un brivido, un passo, un’incertezza nell’assenza
di Madre morente

(maggio 2010)

__________________

Salvatore Sblando è nato nel 1970 a Torino dove attualmente risiede e lavora. Dipendente della locale azienda di trasporti, scrive poesie dal 2004.
Finalista a concorsi nazionali ed internazionali, tra i più recenti “Verba Agrestia 2009”; alcune sue liriche sono state pubblicate in antologie edite da Il Filo e Aletti editore.
Ha partecipato a readings e manifestazioni poetiche, tra queste l’edizione 2008 di Parco Poesia a Riccione.
Con “Era Caorle e Bibione” è presente nel “Segreto delle fragole 2009” edito da LietoColle.
Nello stesso anno, con LietoColle pubblica la sua prima racconta poetica: “Due granelli nella clessidra”, segnalazione di merito al Premio “Beppe Manfredi” Ed. 2009.

7 commenti su “Salvatore Sblando: tre poesie inedite

  1. mi si diceva che non avevo ancora letto niente.
    in effetti è vero, ma stasera ho colmato la lacuna…e son belle le sue parole.
    profumano di ricordi e di ombre e portici

    Piace a 1 persona

  2. Valeva la pena di leggerle e poi rileggerle di nuovo. Cristalline e apparentemente immobili fanno correre il pensiero e in alcuni passaggi accelerare i battiti (ovviamente a mio sentire). Mi sono piaciute molto.
    Grazie.

    clelia

    Piace a 1 persona

  3. Si vede tanto che Gianni è amico mio? A proposito, ci vediamo tra qualche ora in quel di Acqui Terme. :-)

    Cara Natalia, anche tu troppo buona ed indulgente, ringrazio ancora di cuore :-)

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: