Tutto fu. Ieri non esiste più. – f.f.

.

La storia è caduta.

Precipitata dalla rupe di questa primitività nuova: di zecca

le farse   studiate a tavolino per un ventunesimo secolo senza vergogna.

La parola

è morta.  Trucidata da avventori che hanno tradito

la sua semplicità

sta sul fondo della discarica sotto quintali di immondizia

e tossici     rifiuti sociali.

Il dialogo

è caduto in un attentato di terrore.

Si è trattato di un  assassinio (in) pubblico

e  nessuno può parlarne perché  ora

la parola è morta.

Quelle che uso le ho raccattate per strade di campagna

e da  pozzi d’acqua in disuso     da deserti luoghi

dai respiri risparmiati     tessuti come lenzuola di canapa ruvida e nodosa

dove i popoli   sfruttati

consumati come  miniere  da estrazione

nei campi da mietere e sotto le pietre delle loro storie

hanno lasciato sillabe di fame   hanno lasciato le braccia  e le gambe

hanno lasciato    una bocca che non tace.

La guerra è oggi

non è sulla linea di un fronte o alla frontiera.

Circola di casa in casa a far fronte all’ immortale immorale

barbarie del forte

cresciuta oltre ogni  misura: dissangua

chi di sangue non ne ha più e lavora lavora

sgravandosi del corpo

crepando di cancro

prima che il favore gli sia restituito.

Tutto fu: ieri

quando la storia dice  con chiarezza cosa

succede. In tutti i tempi del tempo succede.

In questi frangenti i salvagenti non sono i valori

commerciali

non sono i conti in banca

qui crolla l’uomo si uccide

la sua fragilissima sostanza

fatta

di un fiato di vento e qualche sogno alla rinfusa.

.

f.f.- inedito – Il due giugno 2010 la RES non è più pubblica.

7 comments

  1. non c’è tempo per dormire, le mani si sono allungate anche sul sonno della gente.Non si può riposare più, si dovrà lavorare fino all’orlo della deposizione.f

    "Mi piace"

  2. ci sono stati i moti ora si usano solo le moto,questo è il problema, e i cervelli sono andati a farsi fossili, non solo a farsi fottere. E’ un continuo tradimento,la parola che lo dice è una parola molto vecchia, che non si usava più, ma è diventata corrente: IGNOMINIA, ma non appartiene solo a quelli che agiscono ma anche a quelli che non facendo nulla stanno scegliendo anch’essi la stessa strada.

    "Mi piace"

  3. anche l’astore vola basso
    sotto nuvole che nuvole non sono,
    macramè di scie a cui domandare
    del cielo a quadri, dopo il volo
    di bianco mortale addossato all’azzurro.
    si demandano interrogativi
    sfuggendo con veloce ripulsa
    al proprio incredibile
    moribondo senso e,
    alla rinfusa, di fretta,
    qualcuno conta voti e santi
    inutile racconto e raccolto
    da piccoli borghi vicini,
    facendo di vite le proprie catene,
    d’olio e di miele
    i pali dove conficcare pensieri
    di versi e di moti,
    immoti immobili immutati.

    di getto brutto o brutale, di fiato stanco.
    ché di terra e bosco ora, respiro.

    – ‘cacciata’ di getto a casa di Fernanda, qui…
    http://fernirosso.wordpress.com/2010/06/01/tutto-fu-e-ieri-non-esiste-piu/#comment-6163

    "Mi piace"

  4. grazie Api, l’ho riletta anche oggi, la tua poesia, dovremmo tutti arrivare a fare i conti come li hai fatti tu e se poi riusciamo a scegliere “la composita semplicità” del bosco e della terra, allora forse c’è una possibilità.
    Grazie Gino. Vi abbraccio.f

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.