Questo formaggio che mi sta cavallo

Questo formaggio che mi sta cavallo
di un’epoca che da mia nonna parte
mi fa venire in mente quella curva
che dalla villa comunale girava dolcemente verso est.
Alla mia infanzia scocca quasi arco
la freccia scatta schizza vola
fermandosi al bordo di una strada.
Noi eravamo tutte piccoline
sette cugine sette come i nani
mancava biancaneve per fortuna
così eravamo libere di andare
a provare l’ebbrezza della puzza
che fuoriusciva da quel magazzino
nel quale si favoleggiava giacessero
le forme di formaggio detto cacio,
tutte precise belle allineate
col marchio impresso a fuoco e l’olio giallo
che scivolava dalla crosta a goccia
come se fosse cibo degli eroi.
Perché di eroi si tratta cari miei
lo eravamo noi le sette nane
che di formaggio poco gustavamo
ci avevano insegnato la tal cosa:
al pane un morso grande
ma al formaggio va un morso piccolino.

3 comments

I commenti sono chiusi.