Noli me tangere – Viola Amarelli (post di natàlia castaldi)

Jerry Uelsmann

-come un’estranea in fuga  di
rabbia ignava morde la  mano

 – presto, un collare tutto pizzo nero
   a risalto di zigomi e occhi ghiaccio

– volevo solo insegnarle  un altro Amore
come un fiume caldo e luminoso

 – e catene , con borchie
   a difesa la carne, questa,
    fresca ed esca

– un aprirsi umile e cantante
da raccogliere sciogliendolo il dolore

roteando le palpebre allungate e la bocca
  quante volte chiusa, sputo e morso,
  contro i porci, gli ipocriti e gli untori

– un andare cortese alla  pietà, seminando
parole, soffio nudo

– una notte lunghissima e infinita
  *per guarire*, mamma mamma, 
  zitta bugiarda
  la lametta un fiotto  tra le cosce

– un fratello, un padre, un amico
pronto a riconoscere le colpe,
in ricerca di luce, franco affianco

sempre errore, sempre errata,
  un’esaltata , referto  medico e legale
  mio padre Ponzio preferì
  credere a mia madre

– guardarla fissa e calmo
prendendo il suo dolore, la vergogna del maschio
genuflessa, esci, amica, sorella l’aria intorno

– e con gli occhi bendati  le parole
   la musica coi suoni, la salvezza, la fuga, la mia voce
   rotto l’assedio, sulle barricate

– la notte, l’alcool, il fumo e il sesso
il ringhio di frastuono,l’ansia di distruggere la  vita

– piccola sempre, rossa e bionda e nera recitando
  roca acuta la mia nota, sola a sola,  sul palco di lavoro
  incassando ogni colpo, ogni abbraccio, ogni sorriso
  tenerissima cercando un altro buio

–  e che  bruci  la  fiamma,  un arco di bagliori
rossi e cupi, ma là sulle pagine,  un rogo,
a liberarsi dei dèmoni oscuri

– con la lametta incisi rigo a rigo, seguendo le istruzioni, diligente
   ogni maestro è un incantatore, smonta e risucchia midollo nel respiro

– le risate la pasta  il letto fatto
l’ordine chiaro e leggero
poche cose, provando miniatura di smalto,
oro e cobalto, così esatta, acuta,
lagrima e cuore

–  che nel ridirsi diritti dentro gli occhi
    fila la seta che è ogni corpo
   tutto, unirsi, nel ritorno
   e scorrere daccapo come mai  stato

– se scegli l’aria, se tendi alla luce
perché invischiare le vene con la terra
un peso, un nodo, un abbaglio
da purificare, lasciami andare

– esangue fariseo biancofunereo
  sepolcro ottuso
  animuccia di mamma
  vigliacco logorroico

 n  o n    m  i   t o c c a r e
 n  o n    m  i   t o c c a r e

 
– se speri di ferirmi ci riesci
ma  non mi fermo, cammino
più lontano, più in alto, se

 n o  n   t r a t t e n e r m i
n o n   t r a t t e n e r m i

A margine del tempo
prima e dopo

– sempre è la stessa musica, amor sacro e profano

– l’opera al bianco e al nero, anabasi e catabasi

– mal essere intrecciato

– ma tu, ricordi

– tutto, tutto il dolore, gli ostacoli,

le perdite, le crepe e i cunicoli

– spersi

– entrambi, strade diverse

– la prossima puntata

– ancora?

– ahimè tocca

– solo una via alla fine

– la stessa, sopra e sotto

– e tu?

– noi e loro insieme, è questo

– quello che c’è da dire

*

– per te, Viola –

17 commenti su “Noli me tangere – Viola Amarelli (post di natàlia castaldi)

  1. Volevo congratularmi con Viola. E’ riuscita a seminare dubbi atroci sulla mia comprensione ( e sulle sicurezze!) dell’universo femminile (senza retorici sessismi). Ho paura nel rileggere alcuni passi:”mio padre Ponzio”, “in ricerca di luce franco affianco”, “la vergogna del maschio” perchè mi accentuano un vigliacco complesso di castrazione.
    Quanto poco sappiamo di Gea e di Venere e quanto nulla sappiamo di chi genera vita e ci rende amanti!
    Non soffrirò di claustrofobia ma ho bisogno adesso di uscire da questa stanza. Grazie, Viola….

    "Mi piace"

  2. non trovo le parole… forse perché stanno tutte qui, in questi versi stupendi…
    grazie
    stefania

    "Mi piace"

  3. Poesia autentica, come la sai fare tu.
    Un saluto a te e a Natalia e ai presenti.

    "Mi piace"

  4. Anche io ringrazio tutti per aver letto, convinta – più che mai – che la poesia (come ben dice Cristina) sia un dono *da condividere*.

    un saluto a Nadia ed un abbraccio a Viola.
    n.

    "Mi piace"

  5. molto colpita da questa scrittura e mi spiace non conoscere Viola se non ora, adesso.
    Dove si può leggere?

    i miei complimenti!

    "Mi piace"

  6. …”a margine del tempo
    prima e dopo”…

    l’adesso.
    null’altra parola: è meraviglia.

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: