Poesie inedite di Roberto Batisti

da Legni achei

legni achei

prose immani, prore grame
vocativo alla gola della Troade:
salpa un ossame lieve
stupendamente.
-
-
*
-
-
con in bocca le blatte, nere flotte
masticate dal crotalo del sonno
-
accalcano la luce come mosche,
sgorgheranno in pasto al vuoto.
-
-
*
-
-
ronzio tossico di dèi
l’Egeo cigola e cricchia, s’incifra.
-
-
*
-
-
appoggia scafi sulla schiuma
al rombo delle prime ossa.
-
attende un maggese di sillabe
la consegna del decesso.
-
-
*
-
-
progetta un canto cavo, la rubrica
atroce:
-
ma lui è il supplemento della notte
la buttata della morte.
-
-
*
-
-
morsi ciechi delle chiglie
sulla sagoma amara della costa.
-
schioccano i rostri. vettori gonfi
di fiamma puntano l’interno
e solcano il dicibile,
ne sventano la trama.
-
il sangue sale ad allacciare i popliti,
a dirimere, allibrare i caduchi.
-
allora un duro mosto ruota nelle tazze.

100 anni, Mario Luzi e una lettera

lettera LuziIntendeva scusarsi con me, Luzi!
Mario Luzi, il maestro, mi aveva scritto una lettera per scusarsi: sentiva di avermi in parte deluso non venendo più a tenere una lezione al corso di Letteratura contemporanea che frequentavo quell’anno (tema del corso: Vittorio Sereni).
Invece la sua lettera fu un regalo immenso per me, perché, e non tardai a farglielo sapere, in quel periodo, insieme alla (ri)scoperta di Sereni, passavo intere giornate a leggere e rileggere i suoi versi, e poi i suoi saggi, fino alle pièces per il teatro, come Ipazia.
Ciò che non sapevo è che da lì a poco di occasioni per incontrarlo, per parlargli di persona, ce ne sarebbero state altre, e di tutte conservo un ricordo vivo perché ciò che Luzi sapeva trasmettere a chi sapeva ascoltarlo era l’amore per la vita, che in lui coincideva con la poesia, che a sua volta coincideva con la parola da ricercare. Sì! la parola esatta, quella che più di altre sapeva avvicinare l’idea del verso balenatagli improvvisa e fissata sulla carta prima come abbozzo, e poi sviluppata e qualche volta limata fino a raggiungere il punto più prossimo alla perfezione. Ma non era certo la perfezione ciò che interessava a Luzi: la vita e ciò che lo aspettava dopo questa vita, da buon cristiano (critico, molto critico, nei confronti della linea indicata dalla Chiesa Romana).
In poche parole non posso, non so dire chi sia stato Mario Luzi. Il suo cammino poetico ha percorso per intera la seconda metà del Novecento, per insinuarsi quindi nei primi anni Duemila e non con voce stanca (certo!, bisognava saperlo ascoltare con un piccolo sforzo in più).
Mi ha sempre disturbato, e ancora mi disturba, aprire i manuali di letteratura italiana prodotti per la scuola e leggere “esponente dell’ermetismo” quando la sua adesione ha sia una data di inizio sia una che ne indica la fine. E basterebbe, del resto, da parte dei compilatori fare quel piccolo sforzo che permetterebbe loro di riconoscere, nelle tappe indicate dallo stesso poeta, la scansione di un’evoluzione che fino alla fine non ha conosciuto sosta.
Ecco chi è stato Mario Luzi: un poeta che non ha conosciuto la parola “sosta”, ma al massimo quest’altra “attesa”. Con Nel Magma seppe attendere il momento giusto per virare col proprio dettato verso la prosa, abbandonando un terreno aulico che rischiava di imprigionarlo (anche se parte della critica proprio nella prima fase ermetica ha voluto ingabbiarlo). E non solo sopravvisse a ogni sorta di accusa mossagli da chi, in gruppo, non sopravvisse nemmeno alla computazione del proprio nome, ma arrivò, con la successiva fase poematica, là dove la parola si spinge sempre di più a diventare tutt’uno col pensiero (tanto che il legame con Dante si fece pure, per me, pietra di paragone).
Gli inviai pure delle poesie (non finite in nessuna raccolta). Da grande maestro quale è stato non mi disse mai nulla al riguardo.

© Fabio Michieli

Premio Ciampi 2014: Francesco Targhetta e Petr Hruška

PREMIO CIAMPI – VALIGIE ROSSE
2014

ciampi

Con la quinta edizione del Premio, la collana Valigie Rosse Poesia abbandona felicemente la stagione della sua «infanzia» e raggiunge l’importante tappa di dieci libri pubblicati.
La sensazione di incipiente maturità, naturalmente, non deriva soltanto da uno sguardo retrospettivo su quanto si è fatto con un entusiasmo ripagato dall’attenzione che i nostri libri hanno suscitato, ma anche dalle prospettive future, dal ritrovarsi già al lavoro per l’allestimento delle future edizioni 2015 e 2016 che, sul versante della poesia straniera, saranno dedicate rispettivamente alla Svizzera e alla Romania.
La «credibilità» del Premio, conquistata passo dopo passo mediante scelte indipendenti e proposte sempre all’insegna del dialogo, aperte con curiosità e passione al diverso da sé, ci sta offrendo la possibilità di collaborazioni sempre più articolate, che danno vita a progetti di sempre più ampio respiro.
La collezione di plaquettes di autori italiani si arricchisce quest’anno della brillante voce di Francesco Targhetta – già autore di Perciò veniamo bene nelle fotografie (Isbn, 2012), romanzo in versi su un’epoca precaria – che con tagliente leggerezza attraversa le nebbie della provincia settentrionale, in cerca di una lampadina che rischiari almeno lo spazio di una stanza se non proprio un paesaggio. Le fotografie artistiche di lampadari che accompagnano il libro scandiscono proprio questa ricerca, inespressa ma sempre velatamente presente, mentre fruga meticolosa nella sera che filtra «nei conventi, nelle anime, nelle banche». (altro…)

Interviste credibili #15 – Riccardo Falcinelli (Critica portatile al visual design e altro)

10291721_10154745735315370_4648786775516807209_n

Interviste credibili #15 – Riccardo Falcinelli (Critica portatile al visual design e altro)

Il Libro – Critica portatile al visual design, Einaudi, 2014

Facciamo la fila di fronte alla Gioconda per ammirare l’originale di una copia che abbiamo già conosciuto altrove.. In maniera simile, ogni giorno davanti allo specchio, attuiamo sul nostro volto la copia di un modello che abbiamo imparato a desiderare altrove.

Critica portatile al visual design è stato pubblicato la scorsa primavera, l’ho scoperto sui Social (e poi dicono…). Quando il libro uscì credevo di non conoscere Riccardo Falcinelli, quando l’ho acquistato e poi letto, entusiasta, ho voluto approfondire. Intanto ho scoperto di avere in casa molto del lavoro di Falcinelli, tra le altre cose, sono suoi i progetti grafici di Minimum Fax e Einaudi Stile Libero. Sto un po’ esagerando, perché ricordo perfettamente, in passato, di aver esultato davanti a copertine ideate da Falcinelli e dai suoi collaboratori; non è passato troppo tempo da quando ho affermato che la cover di Dieci Dicembre di George Saunders (Minimum fax, 2013), è molto più bella nella versione italiana che in quella originale. Quello che intendo per approfondire è il voler conoscere meglio chi ha scritto quello che ritengo essere uno dei migliori libri del 2014 e scoprire come lavora.
Il libro fa insieme quello che dovrebbero fare i saggi e le opere letterarie: appassionare, aiutare a immaginare, a capire, a conoscere. Riccardo Falcinelli fa scienza e storia, comunicazione e letteratura. È un libro che stabilisce connessioni, in un certo senso, mette insieme – davanti ai nostri occhi – elementi che sono già dipendenti l’uno dall’altro. Impariamo quindi, ad esempio, come Barbie e il Parmigiano siano legati, o come il Layout sia presente più che mai nelle nostre vite. Tutto (o quasi) è Visual Design. Come c’è scritto in quarta di copertina Molte cose sembrano innocenti, e sono invece visual design. In sintesi ci troviamo davanti a un libro che seduce mentre genera domande ed è per questo che invece di scrivere una recensione classica ho preferito fare una chiacchierata con Riccardo Falcinelli.

(altro…)

Leonhard Frank, L’uomo è buono

Leonhard-Frank-Luomo-è-buono

A 100 anni dallo scoppio della Grande Guerra, in questo anno 2014, oggi, 19 ottobre, in concomitanza con la Marcia per la Pace, dopo aver letto e apprezzato i testi del volume L’uomo è buono di Leonhard Frank, che Del Vecchio Editore ha pubblicato nella traduzione di Paola Del Zoppo, proponiamo un estratto dal racconto Il padre.

La redazione di Poetarum Silva

Leonhard Frank, L’uomo è buono

Un corteo di pace scivola per le strade della Germania dilaniata dalla guerra.

Nel ciclo di cinque novelle L’uomo è buono, Frank mette in scena una lenta e inesorabile presa di coscienza del popolo della necessità della pace. Nel primo racconto, Il padre, un cameriere d’albergo con una avviata carriera si annichilisce nella disperazione per la morte dell’unico amato figlio finché non trova la forza di reagire e di trascinare con sé, a manifestare per strada, donne e vecchi rimasti a casa a vivere la difficoltà della solitudine e dell’abbandono derivanti dalle molte morti sul fronte. Di racconto in racconto – in ognuno una figura centrale che focalizza il dolore e la forza per chiedere la pace – frotte di persone si riversano in strada fino a formare un enorme corteo che comprende idealmente tutti coloro che ritengono di dover gridare a gran voce che la guerra è utile solo a conservare lo stato delle cose e ad aumentare la disperazione.

Da Il padre:

Settecento paia d’occhi di settecento persone cupamente mute fissavano l’oratore. Alle donne, che avevano le pentole vuote, o quelle i cui mariti erano sul campo o già caduti, le guance si erano fatte rosse. La cappa di ferro che da due anni schiacciava tutta l’Europa, evidentemente schiacciava anche questi settecento animali da soma, rattrappiti da dolore e miseria. Un ragazzino aveva preso il piccolo fucile da dietro il pianoforte che stava sul palco, e appoggiandolo alla guancia grigia mirava verso il basso, verso le settecento persone immobili. Tutti guardavano il buco della canna di latta. E fuori, col fucile sulla guancia, stavano milioni di uomini contro milioni di uomini, nella colpa e nel peccato.

Allora Robert spiccò il salto. Fu un salto lento. Si mosse con una sicurezza da sonnambulo verso il ragazzo, gli tolse il giocattolo dalla guancia e avanzò fino al palco. […] – Ecco, questo qui è un fucile. L’ho… l’ho comprato io stesso per il mio unico ragazzo. E con questo ha giocato. Con questo, senza accorgersene, ha estirpato l’amore dal suo cuore. Con questo ha imparato a sparare. Sono io che gli ho insegnato a sparare, che gli ho insegnato a uccidere. Mio figlio è caduto. È morto. Sono io il suo assassino… Orgoglio paterno, brama di gloria, superficialità dei pensieri e abitudine hanno fatto di me un assassino. E però ho solo fatto quello che avete fatto anche voi. Anche tra voi c’è chi ha perso un figlio. (altro…)

Janice Kulik Keefer – Riflessioni ucraine

keefer

Janice Kulik Keefer, poeta, narratrice e critica letteraria, nasce a Toronto il 2 giugno 1952  da genitori di origine ucraina. Dopo gli studi universitari, completati in Inghilterra e Francia, vive a Toronto. Ha insegnato letteratura inglese e scrittura creativa all’Università di Guelph. È autrice di quattro raccolte di poesia: White of the Lesser Angels (1986), Marrying the Sea (1998), Midnight Stroll (2007) e Foreign Relations (2010; frutto di una collaborazione con la pittrice, anch’essa di origini ucraine, Natalka Husar). La scrittrice è spesso tornata, soprattutto nella più recente produzione, a riflettere sulla propria identità culturale, legata alle origini ucraine della famiglia. Numerosi i riconoscimenti ottenuti, sia in patria che all’estero. Un’ampia raccolta di traduzioni italiane dei suoi testi, a cura di Valentina Morana, è apparsa su ‘Poesia’ (n° 248, aprile 2010).

(altro…)

Il futuro alle spalle – ritorno sulla carriera di Luigi Bernardi (Bologna, 18/10/2014)

10516841_736376463105873_2214218782285363999_n

L’Associazione Culturale Luigi Bernardi invita  a partecipare all’incontro intitolato “Il Futuro alle Spalle”, che si terrà sabato a partire dalle 16 in Cappella Farnese a Bologna.
L’incontro sarà la prima occasione di analizzare in maniera critica il contributo di Luigi Bernardi al mondo dell’editoria, attraverso interventi di Luca Raffaelli sul lavoro di Luigi nel mondo del fumetto, di Giancarlo De Cataldo, sullo studio dei crimini a cui Luigi si è dedicato ad un certo punto della sua carriera, di Antonio Paolacci e Marcello Fois sull’approccio di Luigi al lavoro di editore, e infine di Sergio Altieri alla carriera di scrittore di Luigi.
Questi contributi saranno anche accompagnati da ricordi più personali di Vittorio Giardino e Fabio Bonifacci.
Inoltre, l’incontro sarà l’occasione di presentare l’Associazione Culturale dedicata al lavoro di Luigi, annunciando i primi progetti, già in divenire con l’ Alliance Française di Bologna e il Dipartimento Filologia Classica e Italianistica dell’Università di Bologna.
Il tutto sarà moderato da Alberto Sebastiani con interventi introduttivi di Mauro Felicori e Marco Bernardi e il contributo di Matteo Lepore per il Comune di Bologna.

Il centro del mondo di Domenico Cipriano

218_Front_cover_cipriano

Il centro del mondo di Domenico Cipriano, edizione Transeuropa, 2014, postfazione di M. Cucchi,  è un libro complesso con una sua ben precisa architettura compositiva, in cui ogni sezione ha una dimensione propria, ma è intrinsecamente collegata al resto dell’opera in una trama di sottili passaggi tematici e stilistici. Al tempo stesso, però, si mostra unitario nell’ispirazione, guidato da un’idea centrale che calamita e organizza intorno a sé tutti i versi e le parti dell’opera. Quest’ idea è a sua volta una domanda: Cos’è casa? Cosa ci (altro…)

Carissimo Luigi

luigi

Carissimo,

fossi vivo non esordirei così, ma tu sei andato a farti il giro lungo, e poi sarà un ricordo pubblico, quindi consentimi un po’ di scenografia. Avevo pensato di scrivere, uno dietro l’altro, tutti gli sms o whatsapp che avrei voluto mandarti quest’anno, sarebbe stata una cazzata. Insomma, dove li avrei mandati? Non so nemmeno che prefisso ci sia dalle tue parti, di sicuro non vale il +39. Per farti stare tranquillo, ti dico subito che la tua Juve è prima, certe cose non cambiano, solo che degli arbitri non si occupa più Moggi, secondo me col primo rigore concessovi contro la Roma c’entri tu, ma non voglio approfondire. Siamo sotto Nobel e vendemmia, nessuno dei nostri ha vinto, nemmeno quest’anno. Ha vinto Modiano, che non è nemmeno dei loro, da Einaudi son tutti lì a cancellare il nome di Murakami dalle fascette. La buona notizia (per me, per te e per tutti quelli che hanno un po’ di fantasia) è che Michele Mari è arrivato in finale sia al Campiello che al Viareggio, no, non ha vinto, ma per fortuna hanno vinto due bravi scrittori con due ottimi libri: Pecoraro e Fontana. Un po’ di luce, un po’ di respiro.

Davvero vuoi sapere dello Strega? Secondo me sai già tutto, non perché tu adesso veda ogni cosa, ma perché nulla è cambiato. Scurati ha sfiorato la vittoria, ma non ha vinto, pare sia fissato con i massaggi, li piazza in ogni libro e per farli venire bene li copia dai romanzi precedenti, vabbè ma queste sono fesserie. Siamo a ottobre, pazzesco che sia già passato un anno, non trovi? È stato un anno fortunato, ho letto dei bei libri. Tre, credo, ti sarebbero piaciuti particolarmente: Stati di grazia di Davide Orecchio, perché è un libro che porta via senza abusare della pazienza del lettore, ed è bellissimo. Il secondo è Critica portatile al visual design di Riccardo Falcinelli (e qui c’entra Rachele), perché è un libro che insegna un sacco di cose e a te piace imparare. Il terzo è Cartongesso di Francesco Maino, per la maniera in cui usa la lingua. Lui mi ha ricordato quel “passo di Palassolo” (e il complimento lo sto facendo a Maino). Tante cose belle, in ogni caso, è appena uscito Pynchon e sto leggendo Lagioia, che promette bene. Adelphi ha da poco pubblicato I Diabolici, qualcuno l’ha fatta passare per una novità, cose che capitano, me l’avevi detto che l’editoria è un mondo dove le omissioni regnano sovrane.

(altro…)

Goliarda Sapienza: scrivere per il teatro

Goliarda Sapienza, Tre pièces

Goliarda Sapienza,
Tre pièces e soggetti cinematografici
Introduzione e cura di Angelo Pellegrino
La Vita Felice, 2014

€ 14,50

in libreria dal 16 ottobre 2014

.

.

.

.

«Non ti spaventare, animella tenera e smarrita! Non ti spaventare! Tutto questo è per noi: i morti sono per noi. Non ti spaventare: per voi è tutta un’altra cosa in questa vita e dopo la vita.»[1]

Recita così una battuta di Anna, protagonista di La grande bugia, prima delle tre pièces teatrali di Goliarda Sapienza, fino a oggi inedite. In questa battuta e nella locuzione che la precede, «voi del Continente», si palesa tutta Goliarda Sapienza e il suo rapporto sia con la morte sia con la scrittura che è la manifestazione della gioia di vivere. So che può sembrare un paradosso ciò che ho appena affermato, eppure basterebbe soffermarsi un solo istante sulla prima poesia scritta da lei, quella A mia madre che, seppur seconda nell’ordine, apre in verità Ancestrale perché è la prima poesia a essere stata composta in assoluto dalla scrittrice, nella piena consapevolezza di volersi concedere alla scrittura poetica. E ora, ancora una volta, la scrittura si apre con una riflessione sulla morte.
(altro…)

Le cronache della Leda #26: Il tè, Saverio e Raboni

 

Le cronache della Leda #26: Il tè, Saverio e Raboni

2014-10-13 19.17.24

 

Starsene un pomeriggio, e poi una serata intera con le poesie di Raboni, smettere di leggere soltanto quando gli occhi non ce la fanno più e cominciano a bruciare. Ritornare indietro, aprire, uno per uno, i cassetti della memoria e lasciare che le cose tornino, sentire le voci e le paure di quando eri ragazzina. E così nei versi torna la guerra, ed era così, era terrore e speranza. Era sgomento. Ed è vero quel che scrive Raboni: “Con tutta quella morte in giro / nessuno moriva”. Noi bambini ancora meno, si giocava e quando c’era da scappare, lo si faceva ridendo. Più che paura, la nostra, era suggestione. Avevamo paura, ma era una proiezione della paura degli adulti. Per quel che ricordo, avremmo continuato a giocare anche sotto i bombardamenti. Gli stati d’animo che ci trasmettevano i nostri genitori erano un altalenarsi continuo tra paura e sicurezza. Le corse a perdifiato che faceva mio padre per andare in campagna a procurarsi da mangiare, e com’era bello vederlo spuntare dal fondo del nostro sgangherato viale; come il padre di Raboni raccontato in quella splendida poesia che è La guerra. Poesia che nella seconda parte diventa rimpianto per la lontananza dai figli, rimpianto che arriva lancinante. Ed ecco la grandezza della poesia, ecco come diventa degli altri, di chi legge. Non conta più l’origine della lontananza, conta la lontananza soltanto. Allora un figlio lontano sa comunque di rimorso, di rimpianto. Per ore ho fatto avanti e indietro tra le poesie del poeta milanese ritrovando quelle che ho più amato, e riscoprendone altre che non ricordavo o che non conoscevo, come le due meravigliose, tra le prime di Barlumi di storia:

(altro…)

Proust, ancora

5

La Ricerca, con quell’ordine architettonico tutto suo, frutto di un’infinita elaborazione, di scomposizioni e ricomposizioni continue, è cattedrale poetica per eccellenza. Con un equilibrio trovato infine sull’idea dello stare. Fissando a lungo i giorni ordinari fino a vederli svanire nel loro rumore, il Passato, rinato nel silenzio di un attimo in mezzo al presente, ne prende improvvisante il posto, ed è lì vicino a noi, dopo tutta la distanza che da noi quello stesso silenzio aveva stabilito, seppellendolo nel Tempo.[1]
Un romanzo-pozzo, per così dire, dove non è difficile veder ristagnare, sul fondo, acqua mista a petrolio. Una volta cadutoci dentro, il lettore, come fosse uno sventurato cormorano, dovrà affrontarne l’inevitabile pericolo, divincolarsi, trovare una via d’uscita.
Sappiamo che più di un romanzo è un tout vivant l’opera di Proust: tra scavi e ritrovamenti, anche (e forse soprattutto) violenti, la grazia della sua osservazione, capace di permearne la scrittura, fiorisce sulla ferocia di un fardello che ha voluto implacabilmente assegnarsi, rispondendo così a una vocazione, il cui “racconto” in effetti è il fuoco centrale della Ricerca.[2]
Questo compito, immenso, generatosi in lui tramite un desiderio d’immortalità coltivato nell’arco di tutta una vita, andava assolto. Doveva ridurre, fino a eliminarla, la “distanza d’anima” fra tempo interiore e tutto ciò che fuori di lui (fosse semplice chronos[3] o spicciola materia o rassegna sociale in cui passano le esistenze) si consumava, pulsando con altra meccanica, lontana dal suo cuore.
Lo scrittore (più in generale l’artista, per meglio corrispondere al pensiero di Proust), grazie a un «istinto religiosamente ascoltato in mezzo al silenzio imposto a tutto il resto»,[4] deve essenzialmente creare, fedele soltanto alla sua verità più profonda, un linguaggio nuovo.
(altro…)