Parola pellegrina

non sostare sulla soglia

per cercare dimora occasionale

insopportabile nella notte

la tua voce

attraversa le stanze del mio inverno

di poche ingiallite foglie

non starmi addosso

nel portare all’orecchio canzoni

 dal candore antico

sia balsamo solo una preghiera

poiché mi svesto ormai

dell’abito a fiori piccoli

trascorri nuovi giorni

abbi pace di giochi

giovanili risate, sorrisi

forse (erano) la mia grazia.

5 commenti su “Parola pellegrina

  1. qualcosa che va ben dentro un ripensamento, elina! bello…questo tuo passare. sai di te e del tuo sogno. api

    "Mi piace"

  2. …e so stare sulla soglia
    orante
    prima che le luci ci svelino
    l’uno all’altro

    e mai riusciremo a raggiungerci

    Ciao Elina.ferni

    "Mi piace"

  3. quasi una preghiera rivolta al passato, all’infanzia, all’adolescenza con quel tono sommesso che è proprio della tua scrittura, Elina. Ciao!

    "Mi piace"

  4. Un invito al volo Elina…non restare sulla soglia parola pellegrina….un caro saluto!

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: