Virgole di poesia

Virgole di poesia: la quarta stagione dal 25 febbraio

virgole profilo facebook nero

VIRGOLE DI POESIA riparte domani, 25 febbraio su Radio Ca’ Foscari

a cura di Anna Toscano e Alessandra Trevisan

tutti i mercoledì alle ore 22.00

su Radio Ca’ Foscari

www.radiocafoscari.it

alessandra_anna_radio

Domani, mercoledì 25 febbraio alle ore 22 ritorna onair il programma di cultura poetica: Virgole di poesia. Il programma radiofonico, ideato e condotto dalle cafoscarine Anna Toscano e Alessandra Trevisan, giunto alla sua quarta stagione, proseguirà anche quest’anno la sua programmazione tutti i mercoledì alle 22.00 sul sito www.radiocafoscari.it, arricchendo la programmazione della web radio dell’Ateneo veneziano.

Virgole di Poesia con circa sessanta puntate all’attivo tra il 2011 e il 2013 ha ospitato le voci di Poeti del Novecento e del Duemila, diventando ormai una trasmissione di culto nel web.

In questa stagione radiofonica prosegue il proprio percorso nella lirica italiana contemporanea ospitando le parole e i versi di poeti contemporanei: in studio verranno letti alcuni autori e altri verranno a leggere se stessi.

Virgole sfrutta un mezzo di comunicazione congeniale come la radio che, facendo perno sulla voce e sull’ascolto, parla all’immaginazione, al cuore e alla mente, ed è perfetta per la diffusione della poesia.

Anche in questa edizione alcuni poeti saranno ospiti negli studio di Radio Ca’ Foscari, come da tradizione. Già son stati ospiti, solo per fare qualche nome, Anna Maria Carpi, Bianca Tarozzi, Renzo Favaron, Silvia Bre, Guido Oldani, Elisa Biagini, Andrea Longega, Maria Grazia Calandrone. A chi partecipa è affidata sia la scelta di un itinerario di lettura tra le proprie liriche e la risposta alla domanda “Poesia perché?”, diventata oramai di rito.

Ad altri autori, per lo più ormai trapassati, saranno le ideatrici del programma, Anna Toscano e Alessandra Trevisan, a dare voce.

Ogni mercoledì alle 22.00 su http://www.radiocafoscari.it si potrà ascoltare mezz’ora di reading & musica: ogni nuova puntata andrà in replica il mercoledì successivo la messa in onda e resterà online quindici giorni. Sarà comunque possibile riascoltare il podcast dal sito della Radio alla pagina del programma www.radiocafoscari.it/programmi/virgole-di-poesia/

Invariata resta la sigla che contiene una rarissima lettura di versi in italiano di Chet Baker, dall’album “Chet On Poetry” (Novus, 1988) e ogni puntata di Virgole di poesia avrà come sempre una soundtrack ad hoc, che spazierà dal jazz alla classica, alla musica d’improvvisazione contemporanea. La scelta della musica per ogni puntata – rigorosamente strumentale – risulta diegetica, narrativa; operando in un contesto giovane e sperimentale quale è quello di una web radio universitaria come Radio Ca’ Foscari, la colonna sonora di certo apporta nuova qualità al programma e concede di differenziare ancora di più il format nonché dà valore aggiunto ai testi poetici che si ascolteranno.

Il logo di Virgole di poesia è stato creato da © Marco Fracasso.

Ancestrale di Goliarda Sapienza presentato a Napoli e in onda a Virgole di poesia su Radio Ca’ Foscari

975973_10151445221692001_386051697_o

Si tratta della prima presentazione ufficiale del volume di poesie Ancestrale di Goliarda Sapienza, da poco edito per La Vita Felice di Milano (di cui abbiamo parlato qui), con Gerardo Mastrullo e Angelo Pellegrino, prefattore delle opere di Sapienza, e Anna Toscano, postfattrice del volume; le letture saranno a cura di Imma Villa e Cecilia Lupoli.

L’occasione vedrà anche la presentazione della raccolta poetica Doso la polvere di Anna Toscano (La Vita Felice, 2012), di cui ci siamo occupati qui. Coordinano Antonella Cilento e Claudio Finelli.

***

ancestrale

VIRGOLE DI POESIA su Radio ca’ Foscari, infine, conclude la sua terza stagione mercoledì 5 giugno alle 22.00 su www.radiocafoscari.itCristiana Raggi, attrice e regista, di recente coinvolta in uno spettacolo su Goliarda Sapienza da lei scritto, leggerà alcuni testi da Ancestrale. La soundtrack sarà di Elena Camerin e Landon Knoblock, di cui potete avere informazioni qui.

Andrea Longega: poesie

Da Finìo de zogar, edizioni Il Ponte del sale 2012

 

Da picolo no go mai scavalcà i mureti
né slargà da sóto le redi
par entrar ne i orti a rubar l’ua
o i àmoli rampegà su i alberi.
E sì che l’orto quelo più grando
lo gavevo là – de là da i véri
alti de la fornasa – ma dopo le quatro
a giugno niente me fasseva saltar
zo tra le erbe alte, restavo invense
a vardar dentro
ne i forni el fògo, a ‘scoltar
quel so bel rumor che imaginavo
dovesse far anca de nòte le stéle
e tuto intorno i scagni, i séci, le càne lustre
e nel cantón dove i se spogiava
le canotiere, le savàte nere de i operai
el straniamento par la prima volta
davanti a le copertine tacae su i muri
le pagine de i Skorpio,co le done nue.

Da piccolo non ho mai scavalcato i muretti | né slargato da sotto le reti | per entrare negli orti a rubare l’uva | o le susine arrampicato sugli alberi. | E sì che l’orto più grande | l’avevo là – di là dai vetri | alti della fornace – ma dopo le quattro | a giugno niente mi faceva saltare | giù, tra le erbe alte – restavo invece | a guardare dentro | nei forni il fuoco, ad ascoltare | quel suo bel rumore che immaginavo | dovessero fare di notte anche le stelle | e tutto intorno gli scanni, i secchi, le canne lucide | e nell’angolo dove si spogliavano | le canottiere, le ciabatte nere degli operai | lo straniamento per la prima volta | davanti alle copertine attaccate sui muri | le pagine di Skorpio,con le donne nude.

 

Sédese giorni a Venessia miss Nancy
with the dollar very weak te vedo
incantàda davanti ai quadri in giro
par ciése e musei ti disi a 81 ani
sarà par l’ultima volta ma chi lo sa
ti me par cussì bela miss Nancy
in the morning having breakfast
co le man che te trema
al Floriàn.

Sedici giorni a Venezia miss Nancy | with the dollar very weak ti vedo | rapita davanti ai quadri in giro | per chiese e musei dici a 81 anni | sarà per l’ultima volta ma chissà | mi sembri così bella miss Nancy | in the morning having breakfast | con le mani che ti tremano | al Florian.

 

«Dighe che ‘l vada pian
                                      che me manca ancora un ocio»                                 

De matina presto in batèlo
le done se dà
el truco sul viso
ingrotoìe dal fredo le briga
svelte co specéti e penèli
e mi là davanti sentà
speto che riva
el momento crucial
co le ga da tirar – contro onde
e atràchi sbagliai –
drita quela riga fina
a la base de i oci.

Di mattina presto in motoscafo | le donne si truccano | il viso | intirizzite dal freddo armeggiano | svelte con specchietti e pennelli | e io là di fronte seduto | aspetto che arrivi | il momento cruciale | quando devono tracciare | – contro onde | e attracchi sbagliati – | dritta quella linea sottile | sotto gli occhi.

 

Forse da picolo
i me tirava su par el còlo
invense che par sóto i scagi
forse xe sta tuto quel umido
le matine presto a pescar
gambe e brassi
a mògie nei ghèbi

ma me so messo a girar
de nòte par l’isola
(sóra i ponti me fermo
un poco a vardar)

«ti farà la fine
de un can senza parón»
me ga dito un pèr de volte
mia mama a oci bassi
prima de star mal.

Forse da piccolo | mi tiravan su tenendomi per il collo | invece che per sotto le ascelle | forse è stato tutto quell’umido | le mattine presto a pescare | gambe e  braccia | immerse nei canali || ma mi sono messo a girare | di notte per l’isola | (sopra i ponti mi fermo | un poco a guardare) || «farai la fine | di un cane senza padrone» | mi ha detto mia mamma | un paio di volte a occhi bassi | prima di star male.

 

::::::::::::::::::::::::::::::::::a Diego

In fondo al campo
porsèi e cani serai insieme
da drio le rédi, più zo le galine
a rassolar tra le piere,
tra le gambe el gato rosso
co na recia scortegada e intorno la casa,
la vècia dise, le péste de la vólp
e ‘l pensier de l’orso.

Tuto un inverno
– na vita? – che xe un miracolo
fato solo de bestie
e de neve, e mi che so bon solo
a pensar e veder
che le savàte bele
de feltro ai pìe, qua fora,
a far fatùre, ghe deventa nere.

In fondo al campo d’erba | cani e maiali chiusi insieme | dietro le reti, più giù le galline | a razzolare tra le pietre, | tra le gambe il gatto rosso | con l’orecchio scorticato e intorno alla casa, | la vecchia dice, | le orme della volpe | e il pensiero dell’orso. || Tutto un inverno | – una vita? – che è un miracolo | fatto solo di bestie | e di neve, e io che riesco solo | a pensare e vedere | che le ciabatte belle | di feltro ai piedi, qui fuori | a far mestieri, le diventano nere.

 

Che stupido l’ocio del poeta
che co ti te alzi dal lèto
finìo de zogàr
de ti varda i pìe bianchi
el segno
de i calzéti su le caviglie.

Che stupido l’occhio del poeta | che quando ti alzi dal letto | finito di giocare | di te guarda i piedi bianchi | il segno | dei calzini alle caviglie

 

Ancora quasi a quaranta ani
fasso le scale drio de ti.
La braga che se alza ad ogni scalìn
te segna la gamba magra, gamba de chi
ga fato poco sport, e mi – diverso
anca in questo – sèro la fila,
drio de ti.

Ancora quasi a quarant’anni | salgo le scale dietro a te. Il pantalone che si alza ad ogni scalino | ti segna la gamba magra, |gamba di chi | ha fatto poco sport, ed io – diverso | anche in questo – chiudo la fila, | dietro a te

 

Inediti

 

::::::::::::::::::::::::::::::::::venezia-monaco, dicembre 2011

Dal ponte de la ciésa te vedevo
venir vanti par la riva longa
e da come ti movevi i brassi
capivo tuto – estri e novità

Beati i tempi
de finìa la guera (a casa tua
gera pena rivada la corénte)
e mi abituada a vardar
fora da balconi che butava
sul scuro de na cale
desso de inverno me svegiavo
co davanti el spetacolo
de le montagne coverte de neve
e a un palmo de luce
el campanil storto
de Buran.

Dal ponte de la ciésa ti vedevo | avvicinarti lungo la riva longa | e da come muovevi le braccia | capivo tutto – umori e novità || Beati i tempi | finita la guerra (a casa tua | era appena arrivata l’elettricità) | e io abituata a guardare | fuori da finestre che davano | sul buio di una calle | adesso d’inverno mi svegliavo | con davanti lo spettacolo | delle montagne coperte di neve | e ad un palmo di luce | il campanile storto | di Burano.

 

CANDELÒRA

So ‘ndada dabasso a tòrme
do litri de late e na bòssa
de varechìna (e diséme in che altra cità
ti pol girar par la strada in savàte
senza esser ciapàda par mata)

go tirà zo le tende
go netà le lastre co aqua e aséo
(le gaveva propio bisogno
de na bela desgossàda)
go messo tuti i pitèri sul pèrgolo
ghe go dà na passada
al pàto de le scale

gero cussì stufa
de piove e aque alte
che stamatina co go visto el cielo
e tuto sto bel sol
anca se xe pena scominzià febraio
(ma no sarà minga ancùo
la madona candelòra?)

go fato primavera.

CANDELÒRA.   Sono scesa a comperare | due litri di latte e una bottiglia | di varechina (e ditemi in quale altra città | puoi girare per strada in ciabatte | senza esser presa per matta) || ho tolto le tende | ho lavato i vetri con acqua e aceto | (avevano proprio bisogno | di una bella pulita) | ho messo i vasi da fiori sul poggiolo | ho spolverato | il corrimano || ero così stufa | di piogge e acque alte | che stamattina quando ho visto il cielo | e tutto questo bel sole | anche se è appena iniziato febbraio | (ma non sarà mica oggi | la madonna candelora?) || ho fatto primavera.

 

Dentro sta aqua so nata
e dentro sta aqua morirò –
semo lontre nuialtri venessiani
semo rane, e no stene creder
co se lagnemo de l’aqua che cresse –
co le fondamenta va soto
co va soto le cali
dentro quel aqua se inpianta
le nostre raìse
e co serve come i sorzi trovémo
senpre na piera più alta – na sfesa
che ne salva.
Dentro quest’acqua sono nata | e dentro quest’acqua morirò – | siamo lontre noialtri veneziani | siamo rane, e non credeteci | quando ci lamentiamo dell’acqua che sale – | quando le fondamenta affondano | quando affondano le calli | dentro quell’acqua si piantano | le nostre radici | e quando serve come topi troviamo | sempre una pietra più alta – una fessura | che ci salva.

 

Andrea Longega è nato a Venezia nel 1967 e vive a Murano. Ha pubblicato le seguenti raccolte di poesie: Ponte de mèzo (Campanotto, 2002), Fiori nòvi (Lietocolle, 2004), El tempo de i basi (Edizioni d’if, 2009), Da staltra parte de la riva (tre poesie e un’incisione, Edizioni dell’Ombra, 2010) e Finìo de zogàr (Il ponte del sale, 2012). Sue poesie sono contenute nel libro fotografico venicevenezia di Leonard Freed e Claudio Corrivetti (Postcart, 2006) e nelle seguenti riviste di poesia: “L’Ulisse” di Lietocolle (n. 7-8), “Poeti e Poesia” (n.10, aprile 2007), “Tratti” (n.78, estate 2008 e n.83, inverno 2010), “Il monte analogo” (n.8, novembre 2008).

Per chi volesse ascoltare Andrea Longega leggere i suoi testi:  Virgole di poesia – Longega

 

Silvia Bre (testi scelti da Alessandra Trevisan e Maddalena Lotter con una nota di Anna Toscano)

Silvia Bre, Le barricate misteriose (Einaudi, 2001)

da Passi

 

Quali ripari vado immaginando…
È dove non s’avverte che universo
remoto al mio dolere e le sere
farsi previsione sterminata, case
libere al vento. Sono le illuse strade
dove la fortuna d’un momento
sparendo mi ritrova e io m’accendo
alla più magra luna senza cielo:
con tanti minuscoli bagliori
si fa il sereno d’una notte.
Così il tempo mi svola, le ali accosta
nella fine di una lucciola stanca
a cercar sosta – ma pure i fili d’erba tra le rovine
sono contenti della primavera
e per la quercia grande che m’invento
s’allunga in belvedere una finestra
via dal deserto, e l’ombra piove,
come se fossi già quel che divento.

*

da Edere

Ascolta, un viale avevo
di sterminate rose
da guardare la sera,
cieli di viole
che l’edera rampava a grandi tele,
avevo corde amorose.
E guarda adesso
com’è tutto raccolto in un mirino,
che finalmente la mia strada ho perso
nel mondo delle cose
e mi sento salire rami nuovi
e il cielo ce l’ho steso sulle dita
e amo, e mi rinchiudo
tutta nella vita.

*

da Il parco

Io vado destinata a un sentimento
che ha la forma del parco che ora vedo,
e ciò che vedo è il viale in cui l’inverno
è rami, pietra, acque, tramontana,
e passi di una donna che cammina.
Ma per come procede e come leva
lo sguardo secolare sulle foglie,
lei è la specie, a lei torna la rima
nella quale riposa il mondo intero –
così la qualità del giorno vaga
continuamente tra le parole e il cielo.

***

Marmo (Einaudi, 2007)

da L’argomento

Tutto l’essere qui
non viene detto –
resta da solo in noi
già benedetto
se solo lo si lascia respirare
vagamente
come un fiato continuo dentro un flauto
con noncuranza
come un verso un cielo non guardato.

*

da La figura

Ognuno vuole avere il suo dolore
e dargli un corpo, una sembianza, un letto,
e maledirlo nel buio delle notti,
portarlo su di sé tenacemente
perché si veda come una bandiera,
come la spada che regala forze.
Ma c’è persa nell’aria della vita
un’altra fede, un dovere diverso
che non sopporta d’esser nominato
e tocca solamente a chi lo prova.
È questo. È rimanere
qui a sentire come adesso
l’onda che sale nelle nostre menti,
le stringe insieme in un respiro solo
come fosse per sempre,
e le abbandona.
Ma nemmeno la pupilla d’un cieco
dimentica l’azzurro che non vede.

*

da L’opera dell’arte

Che baci appassionati
si danno di nascosto le tue rime
quale piacere stringe tra loro i versi

è  godimento avere in bocca il senso
da capire.

(È sera, dico le tue poesie
confesso lenta al buio
brevissime bugie.
Così è l’incontro,
nel tempo che s’arrende
e mentre la rete larga
della grammatica
della poca sintassi
si rapprende
nell’impressione acuta
d’essere vicini
forse è da qui che passa
semmai ne esiste una
la storia impensabile
della letteratura).

_______________________

Dice di lei Anna Toscano

Silvia Bre è una poetessa straordinaria. Silvia Bre vive la poesia come vivere una casa: della poesia e delle parole che vanno a formare la poesia, Silvia Bre ha fatto una casa, una casa a volte senza pareti e a volte con le pareti, una casa a volte molto viva e una casa a volte molto dolorosa, e una casa nella quale a volte ci si entra per errore, come a volte ci si va appositamente. Questa è la poesia, qualcosa che si attraversa, in cui si entra, si esce e si rientra, qualcosa che si visita o la poesia è qualcosa che visita noi. Silvia Bre io la leggo così, la leggo così da quando ho amato moltissimo Marmo, uscito per Einaudi e vincitore del Premio Viareggio nel 2007, perché Silvia Bre è una poetessa quotidiana ma non di una leggibilità spicciola, come potrebbero essere molti poeti contemporanei. È una poetessa del quotidiano, una poetessa contemporanea che legge la quotidianità attraverso delle parole complesse, attraverso una ristrutturazione della poesia, che implica un sé, implica un luogo, implica un’intensità che è l’intensità della persona che mette tutta se stessa. Ovviamene il riferimento e la polemica è a quella poesia di oggi che è fatta solo di parole senza nessuna sostanza, parole di bella facciata, ecco. Silvia Bre, che scrive da molti anni ed è una delle poetesse più considerate nel panorama internazionale, e anche italiano, è una poetessa assolutamente non di facciata, è una poetessa che fa ‘poesia da abitare’. Le sue sono poesie molto belle, molto forti, forti in quanto autentiche, e per questo emozionano e provocano. Provocano che cosa? Provocano un pensiero, una riflessione, provocano il provare ad essere profondi col pensiero come lo è lei, nell’entrare nelle cose e non fermarsi sulla soglia, né sulla soglia della vita, né sulla soglia della poesia, né sulla soglia delle parole. Entrare nelle sue poesie è entrare nelle poesie di tutti, entrare e attraversarle: solo così possiamo vedere che la poesia di alcuni autori come Silvia Bre è una poesia che ha una sostanza, dove si entra come in una casa, e si esce completamente mutati, modificati; solo così si può vedere che in molti autori si entra e si esce immutati: così si capisce qual è la poesia da scartare, e quella da tenere. Da aggiungere è che per Silvia Bre è fondamentale identificarsi con la propria poesia, con le proprie parole: è fondamentale esserci, esserci dentro con il proprio corpo, con lo spirito, e anche con l’amore, con il sentimento, per vedere e vivere le cose.

I suoi libri sono usciti per Einaudi, Le barricate misteriose (2001) e Marmo (2007) e Nottetempo, Sempre perdendosi (2006), e in riviste ed antologie. In attesa di nuove poesie ci ricordiamo che c’è una poesia in cui si entra e si esce sempre trasformati, quindi dato che la vita è un’evoluzione ringraziamo la poetessa Silvia Bre e la sua poesia perché ci fa evolvere, perché come dice lei stessa ‘abita nelle parole vivamente, come a casa’.

Virgole di poesia – Seconda Stagione

al via la seconda stagione del programma radiofonico

 

Virgole di Poesia

a cura di Anna Toscano e Alessandra Trevisan

 

 

tutti i mercoledì alle ore 22.00

su Radio Ca’ Foscari

www.radiocafoscari.it

Da mercoledì 7 dicembre, alle ore 22.00, andrà in onda la seconda stagione di Virgole di poesia, programma di cultura poetica di Radio Ca’ Foscari, la radio web dell’Università Ca’ Foscari Venezia da ascoltare su www.radiocafoscari.it .

Il problema della poesia oggi è che se ne parla ma non la si legge; solo in questi ultimi anni si può assistere a reading e a poetry slam che danno la possibilità di ascoltare la poesia ‘dal vivo’, performarla.

Le curatrici e conduttrici del programma Anna Toscano e Alessandra Trevisan, rispettivamente professoressa e studentessa di Ca’ Foscari, sono convinte che la poesia vada letta ma vada anche, e soprattutto, ascoltata.

Per un’altra stagione dunque ogni puntata di Virgole di poesia in una manciata di minuti vi farà ascoltare le poesie di un autore con un suo breve profilo, chi è quando è vissuto e poc’altro: il tramite è la voce che in radio è la protagonista, quella voce che abbinata alla parola poetica fa vivere la poesia.

Le curatrici abbinano, come per la precedente stagione, sacro e profano: autori italiani dal 900 a oggi, stramorti e superviventi, che con le loro poesie incrociano le nostre esistenze; finora sono stati ospiti di Virgole di poesia Anna Maria Carpi, Gianmarco Busetto, Bianca Tarozzi, Renzo Favaron, e molti altri autori sono attesi quest’anno ai microfoni di RCF.

Grandi autori molto conosciuti e anche autori emergenti con un’attenzione ai poeti di tutta Italia, saranno invitati a “leggersi”, a leggere cioè i propri testi, perché poco esiste di più bello di sentire un poeta leggere le proprie liriche.

In alcune puntate per di più vi sarà la sorpresa non solo dell’autore ospite, ma anche l’occasione di ascoltare la traduzione di un suo testo in un’altra lingua, tra le 40 presenti a Ca’ Foscari, a opera degli studenti stranieri del Centro Linguistico di Ateneo.

Tutte le puntate della prima sono disponibili visitando la pagina del programma http://www.radiocafoscari.it/virgole/ a cui si aggiungeranno le puntate della seconda stagione l’indomani della loro messa in onda.

“Virgole di poesia” in streaming

Anna Toscano e Alessandra Trevisan

Un consiglio?

Spegnete la televisione e sintonizzatevi ad ascoltare Virgole di poesia in streming, da oggi ogni mercoledì alle 22.00 in diretta su Radio Ca’ Foscari …. una boccata d’ossigeno.

Basta cliccare QUI

* se non dovesse funzionare, provate direttamente dal sito di Radio Ca’ Foscari