Vincenzo D’Alessio

Orme intangibili di Alessandro Ramberti. Una nota di lettura

Ormecover

Orme intangibili di Alessandro Ramberti (Fara Editore, 2015, prefazione di Vincenzo D’Alessio) è un poemetto strutturato in quartine di endecasillabi, alternate da un verso posto in parentesi che manifesta una sospensione del dettato e della lettura e al tempo stesso si congiunge al corpo del dettato attraverso la rima. Chiude ogni quartina una parola in lingua cinese, di cui Ramberti è profondo conoscitore, con traduzione, oltre a varie citazioni di autori che nella loro diversità, da Camus a Matteo Ricci, si inseriscono in maniera armonica nel testo, contribuendo a dargli una dimensione fortemente sapienziale. Il poemetto di Ramberti, come fa notare D’Alessio nella sua prefazione, assume la forma di un vero e proprio salterio, in cui il riferimento letterario e non solo è da ricercarsi nei Salmi dell’antico testamento attribuiti a Re Davide e che, nell’intenzione dell’autore, accompagna il percorso umano e devozionale di chi scrive. (altro…)