versiumani

FUTURE TRADIZIONI – poeti del Novecento nel cuore di poeti contemporanei (rassegna)



Parte da Lunedì prossimo, e avrà cadenza mensile, questa nuova rassegna 
dal titolo: FUTURE TRADIZIONI - poeti del Novecento nel cuore di 
poeti contemporanei. In ogni incontro un poeta contemporaneo parlerà 
e leggerà  i testi del suo poeta preferito che, nella quasi totalità 
dei casi,  è stato attivo anche nella seconda metà del Novecento.  
In ragione della relativa attualità degli autori proposti e anche per 
il  fatto che siano proprio dei poeti a parlarne, dunque da appassionati  
e ispirati ammiratori, il taglio degli incontri sarà informale e non  
accademico. Direttamente al cuore della poesia.

Ecco l'intero programma:


Informazioni:
info@versiumani.it


Manuela Dago (nuovamente inedita)

torna a trovarci la bravissima poetessa friulana Manuela Dago con altri inediti, lettura consigliata

****

NORD-EST

Nord-est scardinato

e insonne nei tuoi figli

in parenti e in pareti hai calcolato le distanze

e li hai spinti più lontano

.

hai avuto torto a dirti morto:

la miseria non attacca il nostro senso di appartenenza

(e non è mai veramente miseria)

.

attacca quello che si può toccare

come i capannoni

le fabbriche trasformate in centri commerciali

le strade ingrossate

sulle spinte da ovest

telecomandate.

.

Salgo in treno e la febbre mi sale

ho un po’ di nausea

sarà questo dondolare

.

dal mio piccolo paese

e dal mio piccolo guscio

ho saputo sempre restare fuori

.

passare tra i filari con occhi tremuli

mentre la velocità aumenta

mentre qui non cade una foglia

e tutto attorno è un terremoto oltreoceano.

.

Il mio treno è sempre in ritardo

e così  io non lo perdo.

Lascio la stazione

sui binari che i miei occhi al neon

tracciano nella sera.

***

INSENSIBILI ALLE SIRENE

E’ tutto difficile

come trovare le chiavi

di casa la mattina

o perdersi

se non si può partire.

E’ difficile non confondere

il canto di un uccello

con il trillo

di un cellulare

da quando anche loro forse

sono rimasti senza buoni

esempi da imitare.

.

E tutto questo succede

anche perchè noi siamo diventati

insensibili alle sirene

e ci facciamo rinfrescare

la notte dal rumore

del lavaggio delle strade.

***

COSA PENSA LA GENTE

E’ un problema di parole

anche il non poter parlare

il non poter spiegare

spiegare le tue parole

a chi ti sta ad ascoltare.

Quando nessuno mi vede

faccio le cose peggiori

e le faccio a me

è un discorso di educazione

un discorso senza parole.

Avrei bisogno di un titolo di studio adeguato

per dire come mi sento

a uno che fa ricerche di mercato

e mi chiama mentre sto scrivendo una poesia.

Mi piace scrivere

perchè mi piace pensare

così direi all’intervistatore

se non mi mancasse il tempo

ed anche il fegato

per non subire le sue domande.

Vorrei poter decidere io

cosa sentirmi chiedere

vorrei una ricerca di mercato

che chiedesse alla gente

Mi dica, oggi a cosa ha pensato?

Come si sente?

Io risponderei:

Qualcosa di finito

che non conclude niente.

***

DI COSA è PIENA LA LUNA QUANDO è PIENA?

Di Teste vuote volanti

incastrate una all’altra

nel cielo di un “buonasera signorina!”

con gambe segate

fianchi seduti

e braccia slegate.

Di violini

di una alta concentrazione di mandolini

del vapore di tutte le cucine

di promesse mantenute in ritardo.

.

E’ una bolla d’aria

nel cielo d’arsenico.

***

ALTRE FORME DI VITA

Davanti alla porta

una foglia morta

una foglia morta e ritorta

e un gatto che gioca

con la foglia

ecco la foglia risorta.

VERSI UMANI: Bando per MANIFESTI – collana antologica sperimentale – n. 0, “MILANO”

Segnalo con piacere questa nuova iniziativa dei ragazzi di VersiUmani, gli organizzatori delle – ormai – famosissime e bellisisme serate del Libero Spazio di comunicazione poetica  ( al Maga Furla a Milano ogni primo giovedì del mese e da pochissimo anche a Brescia)- microfono aperto – tanta poesia e libertà. Vi consiglio di leggere il bando e di partecipare numerosi. L’associazione VersiUmani rispecchia molto le idee che portiamo avanti nel nostro blog

gianni montieri.

Il gruppo VersiUmani lancia un progetto editoriale chiamato MANIFESTI.

La proposta è quella di unire le poetiche e gli sforzi e dare corpo a una serie di volumi antologici a tema.

L’idea di organizzare i numeri della collana MANIFESTI per argomento è nata da una serie di considerazioni sulla funzione che può svolgere la poesia, come linguaggio specifico, all’interno del dibattito collettivo.

Noi crediamo che il poeta e la sua visione possano ancora farsi guida vaticinante e coscienza critica.

Da qui l’idea di assemblare dei prontuari, dei ricettari, dei vademecum poetici di pronto utilizzo,  nel tentativo di coinvolgere un pubblico quanto più vasto possibile.

Non tanto manifesti poetici quanto manifesti di poesia, mappe ad hoc per esplorare la Nostra realtà.

 

L’invito a partecipare è esteso a tutti.

 

Il primo numero avrà titolo MILANO, perciò regolatevi di conseguenza.

 

Aspettiamo i vostri invii alla mail versiumani@versiumani.it.

Di seguito il bando di partecipazione:

1)  Dal momento in cui VersiUmani propone una nuova tematica è possibile inviare i testi;

2)  Si partecipa inviando da 1 a 3 componimenti originali, di massimo 30 versi (30 righe) ciascuno, all’indirizzo: versiumani@versiumani.it ;

3) Ogni volume si riterrà completo e verrà stampato quando sarà raggiunto un numero sufficiente di testi inviati;

4) Qualora uno o più testi venissero selezionati per la pubblicazione l’Autore verrà contattato all’indirizzo di posta elettronica dal quale i testi sono stati inviati per gli accordi e le autorizzazioni del caso;

5) Saranno scartati automaticamente i testi che si rivelassero non originali o il cui diritto alla pubblicazione risultasse indisponibile.

Data la natura sperimentale del progetto, per i primi numeri si prevede un’edizione underground e artigianale a cura di Versi Umani Edizioni. Se il progetto prenderà piede VersiUmani valuterà se trasformare la collana in libri “veri” e commerciabili ufficialmente, intanto vediamo come va!

VU