Tutte le poesie 1971-2017

I poeti della domenica #412: Biancamaria Frabotta, Il vecchio e il nuovo

 

IL VECCHIO E IL NUOVO

Siamo cresciuti fra funerali…
Così cominciava l’omaggio
di versi decaduti
negli anni della vanagloria
e delle sottigliezze private.
E ora che corta è la fabula
e alte le mura del vicolo cieco
che dileggiavi con grazia viziata
tu che ridere sai della nostra gamba sana
Moretti, mito scontroso della nostra taglia
sulla nostra vita pesa la medesima taglia.

 

da La pianta del pane (2003), ora in Tutte le poesie 1971-2017, Mondadori, Lo Specchio, 2018

I poeti della domenica #411: Biancamaria Frabotta, Gradiva

 

GRADIVA

Tocca terra con la punta del piede.
L’altro, il calcagno esitante, la sdegna
fermentando fra dita distratte il dono
fuori corso d’un sentiero che torna.
La notte non desiste alla festa
– oro illeso oltre l’orlo del buio –
ma di giorno un torpore l’assiste
quasi avesse bevuto un vino pesante.
Se nudi, i piedi
non han la forma del suolo
ma muti antidoti alle cose.
Se compie il male non lo nobilita
né naviga il mare
dove il suo dio non si lascia pregare.
Se s’arriccia all’inevitabile
s’arresta sul ciglio più respirabile
e se le appare nel cerchio una stella
vi legge bandi d’angeli, scampoli d’oroscopi
mai un segno del carattere.
Sulla terra almeno spirano anche i venti.
Sostano gli odori. Regna il fiuto invece
del fiato che Dio non le ha dato.
E se con lei un giorno volesse parlare
sogna il riso della materia inanimata.

 

da La viandanza (1995), ora in Tutte le poesie 1971-2017, Mondadori, Lo Specchio, 2018