Salvatore Quasimodo

#Bolle (di #SamueleFioravanti)

copertina

Bolle.
Se Walt Disney scrivesse poesie in italiano

 

Se, per un gioco di affinità, i cartoni animati della Disney dovessero essere paragonati a poesie italiane – no, l’eventualità è persino troppo difficile da immaginare. È pur vero che Winnie the Pooh compare in un testo di Alba Donati (Tv, in Idillio con cagnolino, 2013) e che Raboni, com’è noto, definì Delio Tessa «il poeta che amava Walt Disney» (“Corriere della Sera”, 10 maggio 1958), tuttavia il connubio tra la poesia italiana e l’animazione statunitense non è dei più sentiti. Persino Raboni sceglieva Proust quando Patri­zia Valduga si dedicava alla lettura di Topolino.
Certo, Paolo Zanotti ambienta a Genova almeno il romanzo postumo Il testamento Disney (2013), ma proprio a Genova era fallito trent’anni prima il progetto di una Disneyland italiana (“la Repubblica. Ge­nova”, 12 dicembre 1984). Dora Markus possiede un topolino d’avorio bianco che purtroppo non è Topolino e, sebbene Dino Buzzati straveda per il buon Paperone (prefazione a Vita e dollari di Paperon de’ Paperoni, 1968), non ha dedicato nemmeno un verso al pennuto.
La collana “Classici della letteratura Disney” ha recentemente ripubblicato tutte le felicissime interpre­tazioni a fumetti del canone poetico nostrano (l’Inferno, l’Orlando, la Gerusalemme), eppure i poeti italiani contemporanei non sembrano ansiosi di ricambiare il favore.
Sì, Anna Banti riscontrava una certa somiglianza tra i personaggi di Calvino e i disegni di Walt Disney (Italo Calvino, in “Paragone-Letteratura”, III, 28, aprile 1952), ma si trattava pur sempre di testi in prosa perché invece, per quanto riguarda la poesia, la sagoma di Topolino compare appena in un verso di Magrelli (Sul nome di un’utilitaria della DDR che in tedesco significa «satellite», in Didascalie per la lettura di un giornale, 1999) – e compare oltretutto come documento dell’«ingenuità estetica» promossa dall’immaginario cute (Carpi, Nota sul cute nella poesia di Valerio Magrelli, in “Sincronie”, XII, 23, gennaio-giugno 2008).
Lo sforzo di rintracciare qualche altro caso di interazione fra i poeti e i cartoni –fosse anche un caso isolato o magari un po’ più lusinghiero– sarebbe comunque vanificato dall’ombra lunga delle condanne pronunciate da Salvatore Settis (Se Venezia muore, 2014) e da Vanni Codeluppi (Lo spettacolo della merce, 2000) nei confronti dei parchi a tema. Disney World è tacciato non solo di esoso consumismo ma di es­sere, a tutti gli effetti, il perverso rovesciamento del centro storico di Venezia o dei passages parigini.
La prosa italiana, insomma, fa del suo meglio e del suo peggio; la poesia pressoché tace.
Con l’articolo E Topolino inventò la letteratura (“Topolino Story”, allegato al “Corriere della Sera”, 30 mar­zo 2005), Paolo Di Stefano ha rilevato quanto siano diffusi gli abitanti di Topolinia nella narrativa ita­liana contemporanea (Veronesi, Mari, Nove…) mentre Giorgio Fontana ha dedicato a Paperopoli un intervento al Festival della Letteratura di Mantova 2016. La maggior parte dei poeti, al contrario, sem­bra evitare il confronto con la Disney. Persino Guido Catalano, che pur non si risparmia nulla, ma pro­prio nulla, liquida paperi e sorci sputando su «un cazzo di film di merda di Walt Disney». (altro…)

Parola e Mito in Emilio Argiroffi. Di Maria Allo

Parola e Mito in Emilio Argiroffi

di Maria Allo

Mi rifugio in te
Isola parola
Cerco la strada
Ardua sul crinale del monte…

 

Emilio Argiroffi ha riassunto nella sua poesia l’aspetto pubblico di uomo impegnato e privato del fine dicitore di versi degli amati classici. Tutta la poesia di Argiroffi è poesia di mito e di luoghi mi­tici. Perciò a volte le sue composizioni sono ripetitive, hanno il sapore delle nenie e seguono un rit­mo incalzante come se tendessero a trasferire suoni e canti della Calabria in una metafora di fatti popolari. Ciò accade perché nella dimensione epica il passaggio delle persone evocate sia e diventi il passaggio di eroi, poiché tali essi sono sia nel positivo che nel negativo, così rappresentati nel ri­cordo di chi li ha conosciuti. Quando si è finito di leggere Gli usignoli di Botonusa rimane l’eco di sillabe dolci e sospiri, unita a echi lenti, lontani aritmici: è la storia, l’epos storico che risale. Il mito roboato sonoramente da tanti verseggiatori è fatto rivivere dalle cose e dai sentimenti, rinasce con­cretamente e dolentemente nel poeta, che porta con sé secoli e secoli. Una poesia popolata di capi­telli, di luoghi archeologici, di morti del passato di canti lontani, di echi biblici. Anche in Madrigale siciliano con alfabeti e tamburi si evidenzia l‘attenzione per il mito, Epicèdio per la Signora che si allontana dedicato all’amatissima madre Caterina Olga Argiroffi Raber, in La grotta di Endimione riprende il celebre mito del giovane che, per aver mancato di rispetto ad Era, dorme un sonno perpe­tuo in una grotta visitato da Selene che di notte lo bacia.

Parmenide

Parola del dio
Sonnecchia sotto l’olivo grigio
Di pietra
Il mare è d’argento e di lavagna
E il castello d’oro
Ha merli di sasso tra le nuvole
E stanze nere nella montagna
E radici infinite
Nel golfo dalle dieci falci
A palinuro…

Questa poesia si pone in bilico fra diversi piani temporali, creando un gioco di rimandi e di richiami non solo al passato in sé, ma anche all’immaginazione del passato, alle sue figure magiche che rivi­vono nelle crepe della modernità, che riaffiorano come fantasmi ancora vivi nella nostra contempo­raneità.

… Canti
Come ritorni
D’anni dispersi
Nella pioggia stasera
A bocale

La voce della poesia, il canto del poeta non può far finta di nulla, persino la luce della luna, a Boca­le, ne è stata contaminata, anche nel ritmo. La passione è il primo motore della poesia, una passione che spesso travalica in indignazione oppure s’impenna nei toni aspri, acri del sarcasmo. E allora alla pietà per le vittime, alla solidarietà per gli oppressi, si mescola l’invettiva, lo sberleffo, il sulfureo sogghigno per i tiranni di ieri e di oggi.

A volte i pupi sembrano
Uomini vere e donne di carne
Ma solo legni tarlati
Ballano su tavole sconnesse
La storia
Del dente per dente
Orlando furioso d’amore
Galopperà sulla luna
Per raccattare sassi neri
E frammenti di fiori di latta
Smarriti da distratti pellegrini

A prima vista, ingannati o affascinati dalla fluidità, dalla sonorità e dal ritmo dei suoi versi, si po­trebbe scambiare Argiroffi per un semplice poeta lirico effusivo. Certo la grande tradizione della poesia lirica, a cominciare da quella greca che, in lui, prima ancora di una acquisizione culturale sembra essere un connotato biologico, non gli è estranea: Argiroffi è poeta colto, anche se riesce a mascherarlo con grande disinvoltura.

Accanto alle citazioni antiche come il frag. 105 di Saffo

Saffo_frammento

[trad. di Salvatore Quasimodo:

Come la mela dolce rosseggia sull’alto del ramo,
alta sul ramo più alto: la scordarono i coglitori.
No, certo non la scordarono: non poterono raggiungerla.]

o Pianto de la  madonna  de la Passione del Figliolo Jesu Cristo di Iacopone da Todi, o anche Emiky Dickinson 1862, lettera ai coniugi Holland, Argiroffi pone il frasario quotidiano con il suo linguaggio retto e colloquiale, accanto ai personaggi del mito pone quello dei fumetti, della cronaca, come l’appello al Governatore dello Stato dell’Indiana del poeta spagnolo Rafael Alberti, poeta dell’impegno civile, simbolo dell’antifranchismo per chiedere la grazia per Paula Cooper, la sedi­cenne di colore condannata alla sedia elettrica per omicidio.

Alberti_testo

Ma il poeta vuole andare oltre il quotidiano, oltre l’effimero del tempo, vuole spezzare la catena dei morti, senza tuttavia che in ciò vi sia un approdo stancamente religioso, dove le morti avrebbero una spiegazione scontata e ritualistica. Tutto questo testimonia il coraggio di chi guarda la realtà senza gli infingimenti retorici delle convenzioni chiesastiche. Argiroffi non ama gli uomini politici, pur essendo egli uno di loro. E ciò appare una contraddizione perché a leggere i suoi versi, gli uomini politici non amano la poesia. Ma egli non è soltanto un uomo politico, è soprattutto un poeta. «Non so che effetto hanno avuto i suoi discorsi sui senatori dell’emiciclo di Palazzo Madama, ma sono certo che se egli avesse parlato in versi, ne avrebbe scosso almeno l’apatia», dice di lui Antonio Spi­nosa.  Prendendo avvio da motivazioni percettive, il polo tematico si configura come punto di riferimento di un procedere della rimembranza sul filo della gradualità di significati che hanno il lo­ro significante nella duplice sfera del privato e dell’inconscio collettivo. Il linguaggio estremamente colloquiale che Argiroffi utilizza lungo l’intero arco dell’avventura poetica esprime una significa­zione in bilico, a metà strada, e in termini di forte efficacia espressiva tra rimembranza, si diceva, e realtà: ne consegue una forte tensione spirituale verso le vittime della Storia, e al con­tempo una im­plicita condanna del protagonismo della storia stessa.

Non una lacrima si vide
Nel mare
Il dolore è chiuso
Nello scrigno di pietra.

È come un lavacro primitivo, nelle turbolenti acque di un fiume in piena. E c’è di tutto in quelle ac­que: ciuffi di erba strappata ai margini, fiori morti, tronchi d’albero. Poeta della parola e dell’immagine, trasferiva nei disegni le impressioni della realtà coniugando in modo sorprendente nei suoi versi splendide metafore con temi sociali. Argiroffi, come dice Dario Bellezza, appartiene a un tipo di cultura in cui la diversità e l’emarginazione non solo sono un fatto sociale ma anche un fatto sacrale, poiché il profondo ideale di questo poeta va ravvisato nell’adattarsi alla classe sacra del povero, inserirsi nel suo essere, dove sposando il partito della diversità viene considerato come primogenito l’uomo del negativo.

«In realtà io ho lavorato per lunghi anni in un posto della terra tuttora condannato alle stigmate e al­le violenze dell’ancestrale, dove bisogna piegare le presunzioni accademiche a uno spessore etnico dell’ambiente nel quale vanno inventate operazioni d’intervento tanto lontane dalle grammatiche della scienza da obbligare a ruoli sciamanitici».

Argiroffi era poeta e medico, aveva costruito la sua vocazione sociale e il suo impegno civile a fian­co delle raccoglitrici di ulive della Piana, a fianco dei poveri e aveva collocato tali casi a fianco dei diseredati del Sud America, aveva elevato a misura universale i dati della sua esperienza quotidiana, così come Pirandello coniugava i casi della Sicilia con la dimensione europea di Bonn.  Come l’esistenza di Orfeo è popolata di belve, di serpenti, di leoni, così lo è anche la poesia di Argiroffi. E del resto una delle sue precedenti raccolte, non poteva avere titolo più esplicito, mi riferisco a I grandi serpenti miei amici. I serpenti sono ancora nel mito del tulipano e ne sono i protagonisti.
Da I grandi serpenti miei amici, che fu la prima raccolta poetica, a Le stanze del Minotauro, fino al­le ultime raccolte, egli ha trasferito nella parola il barocco quasi sfinito e struggente della sua origi­ne siciliana, il senso della morte che nel barocco si annida nella dimensione europea. Ne I grandi serpenti esiste qualcosa d’altro: una dimensione asiatica, il mito non solo greco ma indoeuropeo, come ne Le stanze del Minotauro. Sono le due raccolte che amo di più. Il rapporto col mito è lì in­tenso e carico di allusivi significati, indaga nell’inconscio individuale e collettivo, giunge nel sotto­suolo per riemergere nella realtà putrefatta a tratti ma rinnovata da quel sentimento civile che era il Leitmotiv preciso del riscatto individuale e collettivo.

Figlio
Decidi di andar via
Lo so
Ma non dimenticare il pane
Da spezzare all’ingresso
E il vino non scordare
Da versare
Un sorso per la vita nuova

La memoria poetica di Argiroffi segna la fine di un’epoca, di una civiltà e, in questo crollo, anche le categorie di ordine, di bellezza, di memoria sono destinate a bruciare e a dissolversi, come ne I po­meriggi d’inverno:

I pomeriggi d’inverno

Nella pianura
Ad ascoltare il fiato
Dei simulacri d’argilla
Che affiorano dalla città sepolta
Sotto la foresta
D’argento e di pece degli olivi
Il tempo è bianco di nebbie
Tutto si è spento
Negli abissi
Il fragore di scudi
I tamburi che calarono
Lungo la via sacra del crinale
Il tinnare dei timpani d’epizefiri
Le tube di guerra
Gli zoccoli dei cavalli d’arabia
Il cozzare di daghe
Il vociare accaldato
Dei mercanti d’oriente
Il bramito dei cervi reali
Il chiocciare dei tacchini selvatici
Il grugnito dei cinghiali
L’ululato dei lupi di roghùdi
Le invocazioni d’aiuto dei bimbi sepolti…

Parlando di morte, il poeta celebra la vita, descrivendo la strage di Punta Stilo fa intuire un acuto struggimento per albe bagnate o per paesaggi assolati.
Se questo è il timbro, la temperatura della sua poesia, essa si materializza in costruzioni verbali spesso ardite, qualche volta addirittura spericolate. Queste composizioni sono tagliate per lo più in strofe brevi che si inseguono, s’incalzano con un ritmo ossessivo, che può rastremarsi nella secca scansione di singoli vocaboli, ma per riprendere subito dopo il suo andamento vorticoso, incalzante, e in questo delirio verbale s’insinuano metafore scintillanti, echi di varie culture.La solarità della poesia rispondeva all’elemento greco della sua condizione di poeta, l’oscurità del mito asiatico alla dimensione globale mediterranea della sua natura.
La grazia della sua poesia, come dice Roberto Pazzi, è sospesa fra una tensione pedagogica di natu­ra morale e una resa dell’incanto della bellezza di natura estetizzante.
E nei versi d’amore, Valpadana e Io ti amo, la rutilante ricchezza delle immagini e delle metafore sul filo di un retrogusto dannunziano.

Io ti amo

Dunque
Il pensiero
Turgido penetrante

Cigolante
Gòmena di filibuste
Nelle nebbie

Sulla tolda
Il trinchetto
L’olandese vola
Nei venti della fantasia

Turgidi capezzoli di polene
Fendono ignoti oceani

Il desiderio
Rotola dalla montagna

Ma tu t’arrovelli
Sui minacciosi scheletri
Serrati nel tabernacolo
Dei comandamenti

E la mia carne
Grida…

Si direbbe che in Argiroffi convivano due anime: una solare, mediterranea; l’altra lunare e notturna. Lo sforzo costante e spasmodico era quello di riportare tale contraddizione nella lingua e nella paro­la, e di renderla feconda. La poesia di Argiroffi non è poesia regionale, ma piuttosto universale. E proprio questa sua universalità induce il poeta a immergersi sul terreno affascinante della magia e della speranza.

L’angelo necessario

E verrà l’angelo
Perché egli è necessario
Perché l’angelo è già qui
Dentro di noi

Basterà che ciascuno
Spieghi le ali
Con un gesto d’amore
Con una parola
Con un sorriso…

© Maria Allo

Emilio Argiroffi (Mandanici, 1922 – Taurianova, 28 maggio 1998) è stato un medico, poli­tico e poeta italiano. Senatore del Partito Comunista Italiano per tre legislature; relatore del­la legge sull’inquinamento da rumore e sulla istituzione de­gli asili nido; sindaco di Tauria­nova dal 1993 al 1997. Autore di numerose raccolte di poesie; premiato al Premio Stre­ga; vincitore di numerose rassegne regionali e nazionali.

Vittorio Bodini (1914-1970): alcune poesie

Bodini-Automobile-1936

Vittorio Bodini nel 1927

Poetarum Silva si è già occupato di Vittorio Bodini poeta, con un articolo di Anna Maria Curci (qui) per la rubrica ‘in Apulien’ e un altro di Fabio Michieli (qui), quest’ultimo uscito in occasione del centenario della nascita il 6 gennaio 2014. Oggi posterò alcuni testi per proseguire nella lettura di un autore da riscoprire, ponendo brevemente alcune questioni che meriterebbero un approfondimento altrove.
Nato a Bari, vissuto tra Lecce e Roma, Bodini è una di quelle voci del secondo Novecento che ha radicato profondamente i propri temi poetici in quel Sud-patria che è la Puglia (meglio dire, nello specifico, il Salento) e da cui, come ricorda già Michieli, ha preso le distanze per tutto l’arco della sua vita. Curioso come si possa fuggire una terra entrata così prepotentemente nelle pieghe della poesia; possibile, quanto probabile spiegazione, starebbe negli stessi versi bodiniani «Il Sud ci fu padre / e nostra madre l’Europa» ricordati da Alessandro Leogrande su minimaemoralia. Un Meridione prima madre o ‘madre-prima’, cui sottrarsi tagliando il cordone ombelicale, eppure anche un Meridione-padre che tutto insegna e in cui sempre ritornare per ritrovare il senso, la strada di casa.
Salento come casa dunque, Sud come casa. Potremmo affiancare, come ricorda Michieli, le poesie degli anni Cinquanta di Bodini, ad altri autori coevi tra cui Rocco Scotellaro; mi viene da aggiungere, in questa sede, anche il nome di Goliarda Sapienza, le cui poesie pubblicate a sessant’anni dalla scrittura nel 2013 ma scritte negli anni Cinquanta (sempre Michieli ne ha pubblicato una selezione qui mentre una nota critica si trova qui) non hanno ancora ottenuto la giusta attenzione critica. Sapienza, con i suoi colori (il bianco abbacinante e il giallo), gli odori, i simboli della sua Sicilia (il sangue, il mare, per citarne un paio) si avvicina così tanto all’immaginario bodiniano da esserne quasi sorella; ricordiamo che La luna dei Borboni di Bodini risale proprio al 1952 e la seconda raccolta, Dopo la luna, al 1956. Tra i testi che oggi propongo si vedano i luoghi diversi, vissuti e interiorizzati: oltre alla Puglia, Roma e Palermo.
Ma torniamo all’accenno, molto interessante, di Leogrande, il quale mette in campo l’attività di traduttore e ispanista che Bodini perseguì affiancata a quella di giornalista: sue le prime traduzioni del Don Chisciotte, del teatro di Federico Garcia Lorca, di Francisco de Quevedo. Nell’articolo si ricorda l’epistolario ’54-’60 con l’amico Leonardo Sciascia e l’idea bodiniana di affrontare assieme la direzione di una collana letteraria per l’editore Sciascia che comprendesse pubblicazioni di autori di area mediterranea (catalani, spagnoli, portoghesi ma anche arabi), nell’intento di fare emergere la peculiare anima arabo-ispanica di quella letteratura, molto amata. Precoce e intuitivo, Bodini ricercava nel proprio lavoro la madre-Europa, madre-seconda che aveva formato la sua coscienza. Com’è entrata l’Europa nella sua poesia, dunque? Può trattarsi anche in questo caso di un’illuminazione ma mi verrebbe da dire, attraverso la vicinanza tematica, tramite un richiamo coloristico ad esempio del colore verde, peculiare della poesia di Lorca (che sicuramente Bodini conosceva); il verde è associato dall’autore spagnolo molto spesso alla ‘morte’ o a presagi mortiferi, ed è entrato anche nel titolo e nei temi della raccolta di Salvatore Quasimodo Il falso e vero verde (Milano, Schwarz, 1953) pubblicata negli stessi anni. Ma se, per quanto riguarda Quasimodo, potremmo parlare di poeta-epigono, quando leggiamo la poesia di Vittorio Bodini ci troviamo dinnanzi all’autenticità di una voce che ricerca se stessa al di là degli autori di riferimento (sempre che essi ci siano). La sua poesia sfonda il muro della connotazione regionale precorrendo i tempi, come già in Goliarda Sapienza; il Sud diventa perciò pre-testo di una dimensione vitale molto propria. Afferma infatti Michieli: «in questo apprendistato è come se il poeta avesse bruciato rapidamente un’intera tradizione, anche recente, a lui contemporanea intendo, con l’intento di trovare la propria voce», ‘voce-sola e unica’.

© Alessandra Trevisan

da La Luna dei Borboni e altre poesie (1945-1961)

FOGLIE DI TABACCO (1945-1947)

Sulle pianure del Sud non passa un sogno.
Sostantivi e le capre senza musica,
con un segno di croce sulla schiena,
o un cerchio,
quivi accampati aspettano un’altra vita.
Tutto è evidenza e quiete, e si vedrebbe
anche un pensiero, un verbo,
con il bigio sgomento d’una talpa
correre tra due pietre.

La pianura mirare a perdita d’occhi,
senza case, senz’alberi, senza una lettera:
livello di un’assenza a cui sole si sporgono
capre o spettri di capre morte da secoli,
che brucano le amare giade dell’insonnia,
l’acciaio senza luce d’antiche spade,
quando popoli amari si scontravano
e di sangue tingevano i cieli della preistoria.

Così, se qualche giorno dal sottosuolo
un riso magro scatenato nel vento
di scirocco si stira,
ciò che all’imperturbato cielo e ai corvi
scopre la vanga
sono le dentature di cavalli
uccisi che si rammentano
che dolce festa faceva
quand’era vivo il sangue sulla pianura.

*

ALTRI VERSI (1945-1947)

Lydia Gutiérrez
Caffè Greco, 1945

Teste di serpenti dondolano lentamente
nei caffè dove a Lydia Gutiérrez
non sarebbe bastato il mantello della sua chioma
se con ogni capello avesse potuto salvare la vita d’un uomo.
Gli stucchi delle sale sempre in penombra
(dove l’ora è tappata in una bottiglia verdognola)
sono lo sconsolato limite dei suoi fasti,
il ponte miserabile ai giovani della nostra epoca,
quelli che da ragazzi giuravano non senza rossore
che la musica non era che un suo attributo.
Oh, ditemi dove abita, a quale stanza ammobiliata
io busserò schernendomi del mio batticuore,
nei giorni di pioggia in cui il giallo delle case di Roma
sembra un loro modo curioso di piangere.

*

LA LUNA DEI BORBONI (1950-1951)

Piano si staccano
i tocchi
da un orologio e nuotano
fra pioggia, vento e vetri di finestre.
Le terrazze tamburellano
come teli da tenda
e il grido dei fanciulli:«Aea!» si perde
nelle vie
come pei corridoi
d’un castello assediato.
Inverno assediatore
vecchiaia dell’anno,
mette angoscia nei sensi,
chiude il domani.

Ma lasciamo un momento questa città.
Andiamo nel sonno,
andiamo a vedere che succede.

*

DOPO LA LUNA (1952-1955)

Con la parola nu

Con la parola nu
come un bastone
trovato fra le tombe
– nudità, nulla, nuvola –
attraverso il paese semispento
nel sonno del meriggio.

Un aquilone nu
violetto vola
da una mano invisibile
all’aprile;
un’altra mano fruga
un orto non più grande di una tasca.
Smuove fascine e serpi
un coraggio d’aprile.

Minimo e non eterno,
non ha paura
di nulla e di sorridere
il piccolo nu,
spenzolandosi a volte
dalla stanghe dei carri,
o immaginando sulla secca pianura
dolci fiumi del Nord
dai nomi sdruccioli o tronchi
che verdi rive cortesemente carezzano.
Può essere in ronzio
del nero moscone,
di quelli che son detti di buon augurio,
oppure il nome d’Italia
come un rimorso,
il cauto arrampicarsi del saraceno
sulle rugose coste
o quello della luna sugli ulivi.
Numero e nucleo un equilibrio nu
sonoro e mesto in infiniti fili
attornia come l’aria
questo presente gracile ed immenso.
E quando non bastasse,
questa è la verde vasca
del solfato di rame
e lì sta il cielo
liquido e azzurro!
(chi ha creato il mondo
e le sue nere virtù
nulla ha fatto di meglio
dei colori nei campi.)

*

VIA DE ANGELIS (1956-1960)

San Giovanni degli Eremiti

Vedi come frantuma questa tromba
negra la frase, rovistando i più
oscuri ripostigli dell’amore
e del tempo? O come l’erba
effimera tremando
somiglia al suo concerto?
E tu che pensi,
funerea carne al vento viola,
persa
tra le cupole rosse mussulmane
e il pallore dei ruvidi limoni?
cosa ottiene il tuo sguardo che non sia
silenzio che si fa colore,
colore che si fa scusa mortale?

*

SERIE STAZZEMESE (1961)

La verde noia uccide

I muschi, il capelvenere,
le testoline rosse delle more,
la polla che in silenzio
muove la bocca tremula
come vana figura
che s’allontana in sogno
ogni privata vicenda
hanno disperso. Chiedersi
«a che punto sono con me stesso?»,
non ha senso.
La verde noia uccide
gli idolatrici cuori.
Scivola il sandalo
dal piede,
ghermisce la giacca
un rovo.
Eccomi divenuto
bosco. Sarò
solo un filo fra i tanti
di questo verde arazzo dietro il quale
una pastora invisibile
implora un’invisibile capra.

*

I testi sono tratti dalla raccolta Vittorio Bodini, Tutte le poesie, a cura di Oreste Macrì (Lecce, Besa, 2010). L’edizione delle poesie di Vittorio Bodini a cura e con introduzione di Macrì apparve nel 1972 nella collana Lo Specchio di Mondadori. Ampliata e arricchita nel 1983 per gli Oscar, ora è disponibile soltanto nell’edizione Besa citata.