Radice d’ombra

Roberta Ioli, Radice d’ombra

cop

Roberta Ioli, Radice d’ombra, Italic Pequod, 2016, € 13,00

*

Prolegomena

Il patto era non interrompere l’infanzia.
Nella stagione del circo solare
un anello imbandiva
di promesse la tavola. Era il fuoco
che arde in una periferia qualunque.
Era innocenza. Come poteva
la bambina dei numeri e dei miti
imparare l’arte della gioia
balbettare la propria imprecisione?

Togliere cibo al corpo in fioritura
alle tenere giunture dei tredici anni
era forse devozione sulla via
del perdono. Per quali peccati?
Rapita l’anima, la carne resta creta
indurita agli abbracci, scintilla infine
di quella fiamma prima, di quel negato amore.

*

In un istante dal cratere della luna
precipiti nelle ferite dell’insonnia
e ti chiedi se sia lo stesso cielo
e tu la stessa incauta
creatura che teme la quiete e poi
il fragore cinetico dei giorni.

Siamo tesi all’ascolto
mai interamente compiuto
stretta la feritoia dell’anima
e tutt’attorno, fuori dentro,
la gola di un tempo senza memoria.

*

Sincronie

È la domenica di marzo che annuncia il disgelo
e ridesta con il sole
ogni cosa impolverata nella stanza,
tagli di porte da aprire piano –
la memoria si fa strade e case.

Quando la luce spalanca il sottoscala
ti ritrovo sul greto del mattino.
In una Roma tiepida tra le corse dei treni
mi aspettavi con Gesualdo e i madrigali,
inattuale tu con il sigaro
e la faccia da bambino,
io con la bottiglia di vino mediocre
e di lungo viaggio.
Non chiedevamo niente,
solo quel cielo di storni impazziti
quel sapore di ferro sul binario
staccato da ogni cosa attorno a noi
nell’attesa che si compie e non consuma.

(altro…)