poesia napoletana

Un libro al giorno #20: Salvatore Di Giacomo, “Poesie” (2)

Come ogni anno faremo una piccola pausa estiva rispetto alla programmazione ordinaria, cercando di fare sempre una piccola cosa diversa per ogni estate; quest’anno dal 25/07 al 21/08 (con tre post al giorno) proporremo testi da libri che amiamo particolarmente, sperando di accompagnarvi in vacanza e di aiutarvi a sopportare meglio il caldo. La programmazione ordinaria ricomincerà lunedì 22/08 (la redazione).

Poesie_-_Salvatore_di_Giacomo.djvu

 

da Vierze nuove

 

Si è Rosa ca mme vo’…

 

Nzerràteme, nzerràteme addò stanno

tant’ate, comm’a me, guardate e nchiuse,

addò passano ‘a vita, sbarianno,

pazze cuiete e pazze furiuse.

 

Nchiuditeme pe sempe ‘int’a sti mmura,

e ‘o mastugiorgio mettìteme allato;

p’o mmale ca tengo io ce vo’ cchiù cura:

io so’ stato traduto e abbandunato. (altro…)

Un libro al giorno #20: Salvatore Di Giacomo, “Poesie” (1)

Come ogni anno faremo una piccola pausa estiva rispetto alla programmazione ordinaria, cercando di fare sempre una piccola cosa diversa per ogni estate; quest’anno dal 25/07 al 21/08 (con tre post al giorno) proporremo testi da libri che amiamo particolarmente, sperando di accompagnarvi in vacanza e di aiutarvi a sopportare meglio il caldo. La programmazione ordinaria ricomincerà lunedì 22/08 (la redazione).

 

Salvatore_Di_Giacomo

da Ariette e sunette (1898)

 

Dopo un anno

 

‘O nniro ‘e l’uocchie, mieie, bella, vuie site,

ma site amara e nun ve n’addunate,

e specialmente quanno mme vedite

tanno mme pare ca v’amariggiate;

e pure ‘o nniro ‘e st’uocchie mieie vuie site!

 

Sì! Dint’ ‘o core mio ll’anno passato

Io ve purtava scritta e siggellata;

mo avimmo tutte e duie fatto ‘o peccato,

mo vuie penzate a n’ato… e io penzo a n’ata…

E ve purtava scritta e siggellata! (altro…)