Tag: poesia dialettale

Rosaria Di Donato, Inediti

er zinale er zinale compagno de ‘na vita nun poi buttallo via com’acqua zozza già da l’asilo lo portamo addòsso poi crescenno cambia forma colore ma in millanta lavori ciaccompagna sarva l’abbito è quasi na divisa le mano te ce strusci pe pulille ce… Continua a leggere “Rosaria Di Donato, Inediti”

Franco Loi 1930-2021

Franco Loi 1930-2021   da Poesie d’amore (1974) Aqua lessìva, aqua che nel tòrbedghe va de càndur el zìgn, ‘me se livràss,te rièt dré i mè spall e, verdesina,la pulver sfria di zéder, olt, squasi un sigà,e l’àneda s’inbusca a la frascadae mì, sò… Continua a leggere “Franco Loi 1930-2021”

I poeti della domenica #352: Assunta Finiguerra, da “U vizzje a morte”

  Nge só juorne quanne só ngrefate me mette u tuajerre gialle de bbile nu poche de ciprje a nase e frundile e fazze a sˇcattambigne solitarje U prime avé batoste è proprje Dije pecché ha crejate nu munne delinguende avenne l’universe pe diamante… Continua a leggere “I poeti della domenica #352: Assunta Finiguerra, da “U vizzje a morte””

Fabio Maria Serpilli, poesie da “Mal’Anconia”

Setanta verzi   Cucàle (gabbiano) Vivémo fra dô blu de aqua e d’aria e su sta tera stamo come su na nave o ‘n arioplano Cucàle in mezo al celo cun dô lale                         (ali) E slalo alto fin’al sol lucóre sopro de ogni silenzio… Continua a leggere “Fabio Maria Serpilli, poesie da “Mal’Anconia””

I poeti della domenica #340: Pietro Secchi, Er cane zoppo

Ner giardino sott’a casa mia ce sta ‘n cane zoppo. Er padrone ‘o porta ‘n giro pe’ córe e giocà coll’antri. Li cani bianchi e maroni coreno e se odoreno. Ma lui è ‘n cane nero e co’ quer passo ch’è ‘n affanno se… Continua a leggere “I poeti della domenica #340: Pietro Secchi, Er cane zoppo”

La poesia di Carlo e Massimo Bardella

Quando la poesia resiste: Roma, i luoghi e la storia nella poesia di Carlo e Massimo Bardella Nell’archivio dell’ANPI, nel lungo elenco dei partigiani a Roma, leggiamo queste annotazioni: Carlo Bardella, nato il 4 novembre 1903, partigiano combattente, periodo 8 settembre 1943 – 5… Continua a leggere “La poesia di Carlo e Massimo Bardella”

Renzo Favaron, Diario de mi e de la me luna

Renzo Favaron, Diario de mi e de la me luna, LietoColle 2018 La lettura del Diario de mi e de la me luna di Renzo Favaron è giunta a me con l’invito a ripercorrere la sua opera poetica in dialetto e, in particolare, le… Continua a leggere “Renzo Favaron, Diario de mi e de la me luna”

Salvatore Bommarito, Cantunera sciroccu (rec. di Ombretta Ciurnelli)

  Quando lo scirocco soffia a frevi dâ quarana Cantunera sciroccu di Salvatore Bommarito   Non fa nemmeno sudare, ma stringe dentro un pugno il cuore, scaglia le rondini a rompersi contro la sciara […] seminando sabbia africana in ogni piega della pelle e… Continua a leggere “Salvatore Bommarito, Cantunera sciroccu (rec. di Ombretta Ciurnelli)”

Vincenzo Mastropirro, Notturni

  Vincenzo Mastropirro, Notturni, Terre Sommerse, Roma 2017 Musicista e poeta che si è distinto per le sue raccolte in dialetto, Vincenzo Mastropirro torna alla poesia in lingua italiana (ricordo Nudosceno, LietoColle 2007) in questa raccolta dal titolo programmatico, Notturni, che a sua volta si divide… Continua a leggere “Vincenzo Mastropirro, Notturni”

Sergio Rotino, Cantu maru

Sergio Rotino, Cantu maru, edizioni Kurumuny, collana Rosada, 2017; € 10,00   mai cu te basta cu te a tie mai cu basta a sempre picca ete quiddru ca sempre alli sempre a cine alli muerti se tae mai che ti/ basti che/ ti a/… Continua a leggere “Sergio Rotino, Cantu maru”

Andrea Longega, La seconda cicara de tè

Andrea Longega, La seconda cicara de tè, Ati editore, 2017; € 15,00   Ogni volta che comincio a leggere un nuovo libro di Andrea Longega mi sembra di tornare a casa, per la particolare sensazione che avverto leggendo le sue parole, cercando di capirle alla… Continua a leggere “Andrea Longega, La seconda cicara de tè”

I poeti della domenica #193: Fabio Franzin, Onbre, Meduse

Onbre, Meduse Sen romài de ‘à dea memoria, voltàdhi. Ae nostre spàe passa figure, co’e só inpreste, ‘e só teste basse, onbre lente sora el ‘sfalto, poster che se mòve tremoeànti tel cimento dei muri. Chi ièrei? Còssa pénsei de ‘verne ‘assà co’e só… Continua a leggere “I poeti della domenica #193: Fabio Franzin, Onbre, Meduse”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: