Opplà

Fuori di testo (nr. 20)

L’amante improvviso

Sono un paese di periferia
fammi una sorpresa e mostra la bellezza
io stancherò la mia festa.
Sono l’acqua fitta che cade improvvisa
esci fuori e danza i tuoi grandi fianchi
io ti dirò quanto mi manchi.
Serva padrona signora
della mia voglia si onora
serva padrona del mio amor
improvvisamente ti avrò.
Sono la temuta fiera del villaggio
fai la preda e mostra le tue belle spalle
io stancherò la mia fame.
Sono amante dell’amore all’improvviso
esci fuori e danza i tuoi grandi fianchi
io canterò quanto mi manchi.
Serva padrona signora
nella mia voglia si onora
serva padrona del mio amor
improvvisamente ti avrò.
Sono l’amante improvviso
gioco felice al mio buon viso
serva e padrona del mio sorriso
 
 
 
 
 
Piccola Orchestra Avion Travel
(da “Opplà”, 1993)
 
 

Fuori di testo (nr. 6)

Aria di te

Ah, molesta molesta l’idea che si presta
alla voglia di vederti di nuovo
molesto pretesto che non sarà puntuale
mi compro il giornale e mi siedo ad aspettare

E l’aria sorprende
sorprende i miei piani mandandoli all’aria
all’aria di te che mi sorprende
maldestra, maldestra la mia previsione di farti sorpresa d’amore
mi prendi di nuovo come mi trovo preso dall’aria di te
aria che mi consola senza parola che non sia tua

Ah, sorpreso sorpreso mi sento preteso
dalla voglia di averti di nuovo
modesto progetto d’amore e di letto che
non so cucinare, mi lascio mangiare sentendo l’odore

E l’aria conquista
conquista e sbaraglia il mio desiderio
nato e taciuto dall’aria di te che mi passi di sopra
sapendomi tutto nell’aria di te
mi prendi di nuovo come mi trovo preso dall’aria di te
aria che mi consola senza parola che non sia tua

Aria che mi confonde
che confonde i miei piani mandandoli all’aria
all’aria di te che mi passi di sopra sapendomi tutto
maldestra, maldestra la mia previsione di farti sorpresa d’amore

Ah, molesta molesta l’idea che si presta
alla voglia di vederti di nuovo
molesto pretesto che non sembra serio

 

 

Piccola Orchestra Avion Travel
(da “Opplà”, 1993)