Martone

Reloaded – riproposte natalizie #11: NULLA AL VER DETRAENDO (Martone, Leopardi e la Leda)

Come è già avvenuto la scorsa estate facciamo una piccola pausa natalizia rispetto alla programmazione ordinaria, sfruttando i giorni che vanno dal 24/12 al 06/01 per riproporre articoli che ci sono particolarmente piaciuti o che, secondo noi, meritano un secondo giro d’attenzione. Buone feste e buona lettura, la programmazione ordinaria ricomincerà il 7 gennaio 2015. (la redazione)

 

maxresdefault

Come ha osato Martone sporcare il grande Leopardi abbassandolo a protagonista di un film e come potrà mai un film rendere la grandezza e il genio di Leopardi senza banalizzarlo? Questa è stata la prima reazione, il più delle volte inconsapevole, quasi un riflesso condizionato, di molti addetti ai lavori, poeti, critici letterari eccetera. Al massimo il film potrà essere apprezzato dalle professoresse di Liceo che notoriamente di poesia e letteratura non capiscono niente, se non quelle quattro nozioni che devono ripetere meccanicamente ai loro alunni. No Leopardi no, non lo toccate, lasciatelo nei dipartimenti di filologia, nei convegni, nel nostro privatissimo e snobissimo olimpo bibliotecario dove periodicamente lo possiamo spolverare e commemorare. Perché in fondo ognuno che ha letto e amato Leopardi ritiene di essere il solo ad averlo capito veramente e quindi guai a chi glielo tocca, men che meno se questo qualcuno è un filmetto che per di più sta sbancando il boxoffice. Per non parlare dei suoi detrattori, che non vedevano l’ora di trovar conferma della loro insofferenza verso il grande poeta di Recanati, sbeffeggiando il film cercano di colpire lui, riconsegnandolo ai pregiudizi grevi che tutt’ora lo accompagnano.

(altro…)

Le cronache della Leda #28 – Le mie amiche, la mia pazienza e “Il giovane favoloso”

leopardi

Le cronache della Leda #28 – Le mie amiche, la mia pazienza e “Il giovane favoloso”

XXVIII – A SE STESSO

Or poserai per sempre,
Stanco mio cor. Perì l’inganno estremo,
Ch’eterno io mi credei. Perì. Ben sento,
In noi di cari inganni,
Non che la speme, il desiderio è spento.
Posa per sempre. Assai
Palpitasti. Non val cosa nessuna
I moti tuoi, nè di sospiri è degna
La terra. Amaro e noia
La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo.
T’acqueta omai. Dispera
L’ultima volta. Al gener nostro il fato
Non donò che il morire. Omai disprezza
Te, la natura, il brutto
Poter che, ascoso, a comun danno impera,
E l’infinita vanità del tutto.

(Giacomo Leopardi – I canti)

I critici, quelli che recensiscono in maniera positiva e quelli che recensiscono in maniera negativa, per non parlare del pubblico trasformato in tifosi, dimenticano sovente che quando si parla o si scrive di un film, è di un film che si sta scrivendo o parlando. Anche se il film in questione è basato su avvenimenti storici, o, come nel caso del film che siamo andate a vedere ieri sera io e quelle tre sciagurate delle mie amiche, racconta gran parte della vita di un poeta come Giacomo Leopardi (il più bravo? Raboni sosteneva bisognasse amare Manzoni almeno quanto Leopardi, io preferisco il marchigiano), rimane un film. Uno spettacolo che prevede da parte dello spettatore lo sforzo di uscire di casa, di scegliere il cinema e l’orario a lui più comodi, di aspettarsi molto o molto poco, di vedere una storia raccontata sullo schermo, di vedere volti, espressioni, occhi che si illuminano, costumi, di ascoltare il suono delle voci e di godersi i silenzi, di guardare tutto fino alla fine, fino ai titoli di coda, e poi bestemmiare o sospirare. Prima, però, di dirvi del film, devo dirvi di quelle tre, andare al cinema con loro è ormai molto problematico. La Luisa non ci voleva venire: «Non ti sono bastati tutti gli anni in cui ci hai avuto a che fare?» La Wanda, a sorpresa: «Io vengo, ma vicino a te non mi siedo, sai troppo di Leopardi potresti influenzarmi.» Non ho capito (nemmeno il giorno dopo) su cosa avrei dovuto influenzarla, dato che io quando sono al cinema nemmeno respiro per non disturbare. L’Adriana: «Mi siedo io con te, basta che quella rompiscatole della Luisa si sieda distante da noi.» Stavo quasi per rinunciare e andare per fatti miei, ma mi sono armata di pazienza e siamo andate tutte e quattro.

La Wanda si è presa un posto laterale, tre file più avanti rispetto alla nostra. La Luisa, munita di popcorn e di disappunto, si è seduta nell’ultima fila, alle spalle mie e dell’Adriana. Mentre passavano gli spot pubblicitari ho pensato di ammazzarle e ho anche pensato che Martone avrebbe potuto riprendere noi, per girare un film sul disagio sociale e la permalosità nelle signore anziane. Per fortuna Il giovane favoloso è cominciato e le ho dimenticate.

Il cinema dunque, la narrazione che seppur fatta di biografia deve essere in grado di superarla, di farla splendere. Martone ci è riuscito: Leopardi qui splende. Splende non solo per la luce che ha negli occhi il bravissimo Elio Germano, che dice (mai recita) le poesie come vanno dette accompagnato da un moto interiore che passa attraverso lo schermo e ti inchioda alla poltrona. Leopardi splende con la sua forza e volontà di ribellione. Splende per lucidità, per sprazzi di ironia, per l’intelligenza superiore alla media. Splende perché fa apparire, ancora una volta, il pessimismo (parola vuota, come l’ottimismo) qualcosa di inevitabile, di conclusivo nell’analisi della condizione umana. Splende, quando nella scena del bar di Napoli, si rivolge con autorevolezza e cattiveria verso chi attribuisce la malinconia dei suoi testi alla sofferenza fisica. Splende perché il medico gli vieta di mangiare i gelati e lui non smette, anzi pare goderseli di più. Leopardi splende perché voleva amare e dell’amore conosceva le sofferenze. Leopardi splende quando liquida qualcuno con quella battuta su Alessandro Manzoni: un car uomo. Leopardi splende perché anche al cinema la bellezza delle sue poesie va oltre ogni cosa. Splende come il vulcano che erutta e come la ginestra, e lascia quattro vecchie in lacrime sulle poltrone fino alla fine dei titoli di coda.

Quando siamo uscite nessuna ha parlato, nessuna parola è stata pronunciata fino ai saluti e oggi non le ho ancora sentite.

Leda

Un messaggio – altro- tra gli sfigati: di Silvia Rosa

“Bisogna dare messaggi chiari ai nostri giovani. Se a 28 anni non sei ancora laureato sei uno sfigato”. Ok. Sì. In quanto “sfigata” e dunque con cognizione di causa, Egregio Dott. Martone, Le scrivo qualche pensiero, che tanto non leggerà mai, infatti lo scrivo a me stessa, più che altro, perché dopodomani mi laureo – speriamo – e di anni ne ho 35. E tutto sommato ho deciso che di questa cosa voglio essere felice, come di tante altre che ho portato a termine, anche se non corrispondono o non soddisfano le richieste numerose e pressanti che dall’esterno mi giungono (da che ho memoria) a conformarmi a certi percorsi e logiche, ad essere efficiente, in linea con quanto converrebbe – fare/essere – secondo la mia età anagrafica, il mio sesso, la mia posizione sociale, il mio colore di capelli e compagnia bella.
Dunque, ogni essere umano dovrebbe poter seguire un proprio originale e autentico percorso di vita, per cui ad esempio può capitargli, come è capitato a me, che a 17 anni lasci gli studi e se ne vada a lavorare, si diplomi a 25 e decida di frequentare l’università a 30. Mi sono rotta di sentirmi ripetere che cosa si deve fare ed entro quando: a 18 ti diplomi, a 25 ti laurei, poi lavori poi ti sposi, poi sforni figli, poi, poi, poi…altrimenti non vai bene, altrimenti sei fuori, altrimenti sei uno “sfigato”, un disadattato, uno che non avrà mai successo. Guardi Egregio Martone, mi sono rotta perché in fondo ho sempre creduto a questa cosa qui, sentendomi di conseguenza sempre sbagliata, visto che nella mia vita non ho seguito le tappe prestabilite (ma poi molte persone, a differenza mia, non è che non vogliano seguirle, proprio non possono). Ma prestabilite da chi, queste tappe? Da chi pensa gli individui come oggetti, pezzi di ricambio di un sistema economico e culturale che imbriglia la volontà e i desideri e li piega ai bisogni del sistema stesso, affinché il sistema si riproduca e si mantenga intatto nella sua perfetta algida efficienza. Io penso che se un “messaggio” debba passare ai giovani (che poi chi sono i giovani? Io mi sono rotta pure delle categorie, delle etichette… i “messaggi” sono per tutti, del resto mi scusi, Martone Egregio, i giovani prima di prender decisioni autonome non crescono con adulti che trasmettono loro contenuti fondamentali?), dicevo che se un “messaggio” deve passare, forse, a mio modestissimo e sfigato parere, è che bisogna impegnarsi in quel che si fa, sognare e desiderare, cambiare strada mille volte mentre si cerca di dare una direzione autentica alla propria esistenza, e che il successo non conta se non si è in grado di dare un senso al proprio esistere. È tutto fluido intorno a noi, questa stramaledetta post-contemporaneità non ha un punto di riferimento stabile che sia uno, è tutto flessibilità, cambiamento…però che cazzo, tu devi sempre avere le idee ben chiare, seguire obiettivi (prestabiliti), andare avanti velocissimo verso la meta (prestabilita). Se no sei uno che non ce la può fare.
Egregio Martone, io non ho la più pallida idea di che cosa farò dopo venerdì. Vorrei lavorare (pure se sono troppo vecchia per il mercato del lavoro), e magari fra qualche anno, se potrò permettermelo, vorrei riprendere gli studi – un’altra laurea, chissà, mi piacerebbe – , e vorrei con tutto il cuore scrivere… Non so che cosa mi riuscirà di fare sul serio, ma da adesso in poi voglio vivere me stessa senza sentire che non valgo abbastanza perché qualcuno (soprattutto io) mi giudica in base a quello che ho fatto in ritardo o che non ho fatto, che non sono e che forse non sarò mai, perdendo di me tutto quello che invece sto tentando di realizzare e di essere. Credo che la vera fortuna stia tutta qui.
La saluto e La ringrazio anche, perché alla mia veneranda età non mi pareva tanto bello festeggiare la mia laurea, cioè, mi sentivo in imbarazzo, ma poi Lei mi ha fatto un po’ incazzare, Lei e tutta una serie di persone che giudicano secondo stereotipi coi loro bei “messaggi” delle balle, e adesso mi è cresciuta dentro una strana felicità, e io, “sfigata” o no, di aver studiato, quale che sia la mia età, e anche se non servirà (a) niente e nessuno, son contenta. Oh.