luigi di costanzo

è tempo di libri

Enzo Campi

IPOTESI CORPO

 

Edizioni Smasher – Messina

 

Per acquistare il libro

qui

 

http://www.edizionismasher.it/campi/enzocampi.html

 

 

Il corpo è qui tema dell’indagine e palcoscenico in cui l’io mette in opera un monologo questionante che – poematicamente e teatralmente – si incarna nel corpo del testo e della parola cercando di risolvere (dissolvere?) l’unicità di senso di un doppio movimento che oscilla incessantemente tra il dispendio (come ragione di vita) e il ricominciamento (come unica possibilità di proiezione verso l’a venire). Ciò avviene attraverso la scissione drammatizzata tra forze centripete (pulsione, desiderio, istinto-carne) e forze centrifughe (ragione, indagine e ricerca-alterità).

(dalla prefazione di Natàlia Castaldi)

 

 

 

AAVV

 

POETARUM SILVA

 

Edizioni Samiszdat – Parma

 

Antologia di prosa e poesia a cura di Enzo Campi

Testi di

Alessandro Assiri,  Cristina Bove, Enzo Campi, Giovanni Campi, Natàlia Castaldi, Giovanni Catalano, Stefania Crozzoletti, Glo’ D’alessandro, Luigi Di Costanzo, Gabriella Garofalo, Federica Gramiccia,  Vincenzo Mancuso, Luciano Mazziotta, Silvia Molesini, Arturo Moll, Gianni Montieri,Andrea Pomella, Anna Maria Salvini, Antonella Taravella, Antonella Troisi.

Per acquistare il libro

qui

http://www.pchelp.it/Lara/Negozio/index.html

Silvia Rosa

 

DI SOLE VOCI

 

Edizioni LietoColle – Como

 

Per acquistare il libro

qui

http://www.lietocolle.info/it/rosa_silvia_di_sole_voci.html 

 

Così i versi di Silvia Rosa sono una cronaca del giorno a venire, della conta dei passi che servono per uscire dal fondo di sé per farsi Sola Voce. Il verso chiama una profonda cura del dettaglio e dello stile così come una parola piena, contundente e circolare che si fa carne nuda: il mio Corpo cede peso all’Anima/ e cambia di significato e di sostanza/ nello spazio del discorso/ si appunta come un segno nero/ a margine. Ecco che la nudità diventa la possibilità di decifrare con la pelle la scrittura e il segno del mondo: resta come un coagulo che si distingue dall’anima e accede al Senso. 

(dalla prefazione di Alessandra Pigliaru) 

POETARUM SILVA – L’ANTOLOGIA

AAVV – Poetarum silva – Ed. Samiszdat – Parma

 

Per acquistare il libro senza carta di credito

http://www.pchelp.it/Lara/Negozio/index.html

Poetarum Silva

Antologia di prosa e poesia

a cura di Enzo Campi

Testi di

Alessandro Assiri,  Cristina Bove, Enzo Campi, Giovanni Campi, Natàlia Castaldi, Giovanni Catalano, Stefania Crozzoletti, Glo’ D’alessandro, Luigi Di Costanzo, Gabriella Garofalo, Federica Gramiccia,  Vincenzo Mancuso, Luciano Mazziotta, Silvia Molesini, Arturo Moll, Gianni Montieri, Andrea Pomella, Anna Maria Salvini, Antonella Taravella, Antonella Troisi.

 

Cristina Bove

 

Allora ti avvicini con la bocca

alle cose sentite dire altrove

che non sono le tue

raccogli cenci

spolveri le travi 

– i ragni li farai infelici –

e se pronunci ancora altre parole

otterrai sei monete e due lustrini

di fandonie sgargianti
 

tu non conosci decerebrazione

l’essere solo corpo

– il pesce anfiosso –

il suono delle cellule che cade

transitorio

giù per accenti tonici

emerge da cunicoli

deflagrando crisalidi

– l’atropa sfinge –

separata ristagna e si nasconde

sotto lemmi e cifrari

l’anima mia

per un destino d’ali.

Giovanni Catalano

 

Quando dei volti amati

si perderanno i tratti e resteranno

le stanze senza musica

o nella cenere delle mansarde

le borse di pelle

piene di carte di giornale

accartocciate,

i due cappelli di lana,

un vecchio abete artificiale.

Nemmeno noi

che di questa vita

abbiamo amato gli angoli

e nella notte gli altri

poco prima di svegliarsi.

Persino noi,

la stessa distanza.

Piegati in due

a far combaciare i lembi

tra l’indice e il pollice

e un passo contro l’altro,

in due, in quattro, in otto.

(altro…)

Lettera ad un amico emigrato a Filadelfia, scritta da un emigrante ritornato da tempo a casa, il sottoscritto.

Bagnoli, nu iuorno e’ puppù vers’a metà e’ Dicembre

la skyline di Manhattan e il ponte di Brooklyn

Dear friend mio,

I can’t sta’ senza e’ te, a’ life int’ a ‘sta city of Naples is insopportabile. Per favore, forgive my english, I don’t saccio parlà chiù, too much time è passato a’ quanno I was in London. Però, even if sta’ life is insopportabile because of your assenza, I wanna tell you che ‘sta Naples is migliorata assai, gli unemployed song’ molto aumentati e hanno exceeded o’ nummero e’ gli employed, così tuttu’ quant’ felici e cuntent’ stay at home e nun vanno a’ faticà. E’ cumuli e’ garbage arrivano up o’ first floor de’ palazzi and o’ bad smell is accussì forte ca’ nisciuno tene chiù o’ catarro and everybody is well. O’ mare è semp’ chiù blue, I mean really blue, infatti some scientists hanno discovered che that blue is just o’ bagnoschiuma ca’ ittamm a mare quanno we have a shower, so if you vuò essere veramente pulito e very nice fatt’o’ bagn’a mare e become brand new (esci nuovo). Poi let me tell you nata nuvità: a’ Major, a’ Iervulino herself, ha stutato tutt’e’ traffic-lights, ha abolished e’ semafori! Ma, it’s unbelievable, nun’accadono car accidents anymore! They understood che erano e’ semafori ca’ made a lot of troubles, that’s why e’ napulitani passavano sempre ca’ red light appicciata… Do you know, mò tenimm’ pure o Federalismo e ‘a Devolution (ué, e comm’è!? chest’è proprio inglese… mah!). A friend of mine m’ha spiegato che it means ca’ mò putimm’ murì solo int’ a n’hospital napulitano, did you capito? L’hanno fatto for us, pe nun ce fà murì luntano a Naples. Che good men, ‘sti leghisti! O’ sai, o’ weather è cagnato in Naples, now chiove sempre, we dont’ see chiù o’ sole, but they say che è na’ cosa good: combatte a’ desertification che sta avanzando from Africa, meno male. Pure ‘stu maronn’ e’ cold che fa, hanno ditt’ che fa bbene a’ circolazione do’ blood int’ e vene. Cu’ tutta ‘sta rain, però, e’ city roads stanno chiene e’ buchi, but pure that è good: accussì stanno always a’ accuncià, e we have sempre roads nuove nuove. Ah, dont’ you know n’ata cosa? We stamm’ much better pure ca’ camorra: tutti ‘sti sons of a bitch ca’ sparano ch’e guns…maronn’ quant’omicidi! Ma don’t worry, pure chest’ è na’ good thing: a police e’ lassa fà, so that s’accidono tra di loro, e nuie stamm’ peaceful. Quant’è smart a police, eh? Si tu sapiss’, ‘sta city assumiglia a New York now: nu burdell’e gente (o’ melting pot). Niri (ma proprio niri niri), niri light (niri scagnati), yellow people, cingalesi, russians… Per S. Giacchino’, quant’ ne song’! but e’ neapolitans are tolleranti, you know that. Tutt’e pavements da’ città belong to immigrati, e ce ponno pure sleep all night long. E infatti… Certo, sometimes coccuruno muore because of the cold, ma that è controllo demografico, tutto scientificamente calcolato. Ma non solo: nuie avimm’ lasciato tutt’e jobs chiù e mmerd’ a loro, so that ponno pure work pe nuie, e nun se ponno lamentà, eh no, they can’t. Maronn’, quant’è migliorata Naples a quanno you left! Now excuse me, ma t’aggia lassà: aggia vedé se n’copp a internet me pubblicano na’ strunzata c’aggio scritto right now. Nu sacc’ e’ kisses a tté e famiglia

Take care (statt’ bbuon’).

Your Little Louis (Giggino)

L’INCANTO DELLE PAROLE

DOMENICA   9  MAGGIO  ore 18.00

Galleria d’arte La Metamorfosi

Piazza Fontanesi – Reggio Emilia

 

“L’INCANTO DELLE PAROLE”

 

READING COLLETTIVO  CON

 

VELVET AFRI

ENZO CAMPI

GIANCARLO CAMPIOLI

CLAUDIO BEDOCCHI

NADIA BONEVA

ELENA LUSVARDI

ROSSELLA PENSERINI

  (altro…)