lucertole

Amy Kohn “PlexiLusso”. Recensione

amy cover

Amy Kohn è una cantautrice imprevedibile e multiforme. Il suo stile è stato definito un pop moderno e sperimentale, orchestrale e «sofisticato» (lunakafe.com), senza dubbio trasfigurante, trasognato e irradiante, con riconoscibili riferimenti che si spostano verso altri generi: il rock, il jazz, la musica contemporanea e non solo. Dopo The Glass Laughs Back del 1999 e I’m in Crinoline del 2006, a settembre 2014 è uscito PlexiLusso (https://amykohn.bandcamp.com/), terzo album autoprodotto in cui Amy è autrice delle musiche, degli arrangiamenti, dei testi, canta e suona il piano, le tastiere, l’organo Hammond, la fisarmonica – tra i suoi strumenti d’elezione –, e altri oggetti sonori. Il disco è stato segnalato tra le “best of covers of 2014” da Pitchfork.
La copertina, realizzata dallo studio Non-Format di Oslo con una foto di Merri Cyr (che ricordiamo, ad esempio, per la foto di copertina di Grace di Jeff Buckley, n.d.r.), ha un concept originale che sembra ispirarsi vagamente alle opere di René Magritte (viene in mente Le Chateau des Pyrénées) ma anche all’architettura contemporanea (forse quella di Frank Gehry e Zaha Hadid), in una visione quasi surreale: l’artista compare non in primo piano ma come un innesto nell’immagine, in un gioco di stabile disequilibrio dei soggetti, delle luci e delle ombre. (altro…)

Flashback 135 – Giubberosse

Cronaca del viaggio in una terra sconosciuta tra immagini e parole

Cronaca del viaggio in una terra sconosciuta tra immagini e parole

34

Anche se non parla, si capisce subito che qualcosa lo tormenta. Dopo essere sceso dall’auto, mirando a una porta immaginaria, calcia con forza un sasso. E mentre entrambi attraversano la strada in diagonale, il sasso e lui, di colpo una lucertola esce da un cespuglio. Alzando una polvere leggera li supera in pochissimi istanti e salta addosso al sasso, immaginando una preda in fuga. Lui continua a parlare dei suoi dubbi, i soliti, usando ampi gesti come a ingigantire le cose mentre io continuo a pensare a quella lucertola che, nel frattempo, è scartata di lato tornando a nascondersi in mezzo all’erba. È comparsa dal verde ed è scomparsa nel verde, sollevando polvere e lasciando noi due sospesi tra gesti e domande. Solo quando inizio a rispondere, dopo pochi minuti, la lucertola riattraversa la strada.

foto di Rosa Mangano
© Marco Annicchiarico

Leggi dal primo flashback     –     Leggi il flashback precedente     –     Leggi il flashback successivo