Tag: Jacopo Ninni

Ritorno alle Azzorre

Cecilia M. Giampaoli, Azzorre Neo Edizioni 2020 Di questo libro, uscito molto recentemente per la Neo Edizioni, si è scritto già parecchio e bene. Uno dei termini che più ricorre nelle diverse recensioni è “verità”, fatto quanto mai interessante se pensiamo al presupposto del… Continue Reading “Ritorno alle Azzorre”

Scrivere d’azzardo

Solo adesso mi accorgo che qui su Poetarum Silva mai si è parlato della produzione di Jonathan Lethem. Tento quindi di risolvere immediatamente questa carenza affrontando il suo decimo romanzo, Anatomia di un giocatore d’azzardo (La Nave di Teseo, traduzione di Andrea Silvestri) e… Continue Reading “Scrivere d’azzardo”

Franz Krauspenhaar, Grandi momenti

Franz Krauspenhaar, Grandi momenti, Neo edizioni, 2016, € 13,00 Finirò male. La morte mi raggiungerà, e così imparerò a cercare un passato che non esiste più. Che ora come ora non è mai esistito. L’ultimo romanzo di Franz Krauspenhaar si rivela come una mano aggrappata stretta… Continue Reading “Franz Krauspenhaar, Grandi momenti”

la morte bambina

PORTRAIT OF A CHILD His face is quite peaceful, really, like any child asleep, though the skin is darkened in places, the curved eyelids turgid, part of the ear missing as if bitten off. He lies like a child asleep, on his side, one… Continue Reading “la morte bambina”

I passi sparsi di Hilde March

… All’ombra delle tamerici conficco un dente estratto in anestesia, per ricordarmi che anche questa è casa mia e ritornare … Quando si ha a che fare con la letteratura di viaggio, ci si trova troppo spesso intrappolati in un’aura nostalgica che rischia di… Continue Reading “I passi sparsi di Hilde March”

Tu se sai dire dillo

17-18-19 settembre 2015 Galleria Ostrakon via Pastrengo 15, Milano   La rassegna Tu se sai dire dillo, ideata da Biagio Cepollaro e giunta alla quarta edizione, è dedicata alla memoria del poeta Giuliano  Mesa, scomparso nel 2011. A leggere le sue poesie, oltre a… Continue Reading “Tu se sai dire dillo”

Solstizio

… Da sdraiati avevamo più confidenza e controllo della prossimità; gli sguardi altri temono quella distanza, come se la tua vicinanza alla terra possa graffiarli e allora rimangono sospesi, sollevati nell’aria e danno sempre alla domanda la possibilità di scappare prima di finire risucchiata… Continue Reading “Solstizio”

Janice Kulik Keefer – Riflessioni ucraine

Janice Kulik Keefer, poeta, narratrice e critica letteraria, nasce a Toronto il 2 giugno 1952  da genitori di origine ucraina. Dopo gli studi universitari, completati in Inghilterra e Francia, vive a Toronto. Ha insegnato letteratura inglese e scrittura creativa all’Università di Guelph. È autrice… Continue Reading “Janice Kulik Keefer – Riflessioni ucraine”

Reloaded (riproposte estive) #10: Costanza Quatriglio e l’impresa Terramatta

    Dal 16/7 al 31/08 (il mercoledì e la domenica) abbiamo deciso di riproporre alcuni articoli di qualche tempo fa, sperando di fare ai lettori cosa gradita, buona estate e reloaded (La redazione) *** Accadono fatti importanti la cui narrazione mediatica sempre più… Continue Reading “Reloaded (riproposte estive) #10: Costanza Quatriglio e l’impresa Terramatta”

Adrienne Rich (1929-2012): la responsabilità della parola

“ la politica e la poesia richiedono entrambe l’immaginare radicale del non-ancora, del se-soltanto” In un’ intervista del 1991, Adrienne Rich critica il suo uso della metafora del taglio di diamanti in una poesia di 30 anni prima, The Diamond Cutters (I tagliatori di… Continue Reading “Adrienne Rich (1929-2012): la responsabilità della parola”

Due inediti di Sophie Curzon-Siggers

. VELA DI VITA tenendo spina dura e testa-seme, il petto si gonfia e si curva giù una vela di vita tra le dita, un arco che sospende dentro frecce. lanciata in altezza fa cerchi verso il suolo come l’acqua buttata alla fine d’un… Continue Reading “Due inediti di Sophie Curzon-Siggers”

L’alibi del Bonsai

“Ti racconterò i tempi della pioggia. Evocherò per te l’attimo sospeso in cui, dopo mesi e mesi di calura rognosa, apocalittica, omicida, l’afa raggiungeva il suo picco, il tempo era immobile, il corpo si scioglieva: il big bang era vicino, lo si poteva toccare.… Continue Reading “L’alibi del Bonsai”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: