(in)fedeli trascrizioni

in-side stories #25 – (in)fedeli trascrizioni

Londra 2009 - foto gm

in-side stories #25 – (in)fedeli trascrizioni

Telefonata 1

Il problema è che non danno feedback sulla questione Roma… Dici che non importa? Ma non so, sai… Il fatto è che il feedback ti lascia quel minimo di tranquillità in più… Ma questo lo… Ma questo lo so, li conosciamo, poi mi fido di Eugenia, o come si chiama… Eleonora, giusto. Capisci cosa intendo?… Come dici? Ah, sì sì, appena partita…

(‘sta scema nun s’arricorda manc’ ‘o nom’. Ti puoi uccidere tu e il feedback)

Telefonata 2

Buonasera, ho ricevuto una chiamata da questo numero, intorno alle tre, sono Pastor… Aspetti, non la sento… Dicevo, ho ricevuto una chiamata intorno alle tre da questo numero, sono Pastor… Ah, è lei, sì certo. Perfetto, perfetto. Lunedì alle 9,15 alla stazione di Brescia… Perfetto. Buonasera, buonasera.

(E che palle, mo’ pure quest’altro. Ci mancava Pastor, avimme capit’ stasera non si legge.)

Telefonata 3

Cazzo, ma hai visto il sorteggio?… Che merde no?…Cazzo la Svizzera in un girone facile e noi con l’Inghilterra e Uruguay….Ma no, è evidente, dài, sono stati quei due figli di puttana di Platinì e Blatter, si sono protette le loro, poi noi gli stiamo sulle palle da sempre… Come dici? No, non ti sento, ti sto perden… ecco, perso.

(Ah è vero il sorteggio, fammi dare un’occhiata, tanto non riesco a concentrarmi. Me pare ‘o centralino stasera)

Telefonata 4

Ciao Francesco, dimmi… Ah… Lo sai, lo sai, che non dipende da noi… Ne ho parlato con Salvo D’Auria ieri sera… Certo, capisco l’urgenza… Ma chiaro, questo è cristallino… Bisogna aspettare o abbassare l’offerta… Non ce la fate? Immagino, immagino, ma mettiti nei miei panni Francesco… Francesco… Ma sì, ma sì, ci provo… Ti chiamo lunedì, spero nel pomeriggio… Anche a te, mi raccomando.

(ma devi morire: tu, Francesco, D’Auria e tutt’ ‘a razza toia, scassacazz’)

Telefonata 5

Ciao Michela… no, no, non mi disturbi, dimmi pure… ci vado io, nessun problema… ci vad… come dici?… No, ma poi ti dico io. Guarda, l’Agenzia ha approvato, mercoledì firmiamo…. ah, salutamela tanto. A presto, allora.

(L’agenzia ha approvato, ‘e corna ca tien’)

Telefonata 6

Sono stanco sì, del resto sono al lavoro da stamattina alle sette… Sì, mi fai un favore… A me bastano due panini, semplici, prosciutto crudo… Tipo? … No, tranquilla. Non stare a far mettere chissà che… No, no va bene così, voglio che tu ti prenda il minor disturbo possibile… Lo so… Ah ah ah… Lo so che ti fa piacere, ma sono contento così, prosciutto liscio e via andare… Come orario di partenza mi pare perfetto… Sììììììììì… Luca e Lauretta li hai sentiti?… Perfetto, perfetto… A domattina… No, prosciutto crudo… Ciao, ciao, ciao, ciao, ciao… Ti abbraccio, ciao.

(il minor disturbo possibile, chiste me pare Furio e il prosciutto crudo. Che treno, che treno.)

Telefonata 7

Telefonata in francese, durata due minuti circa.

(nun se capisce niente ma pure scass’ ‘o cazz’.)

 

Telefonata 8

Allora, io chiamo Donato. Adesso. Chiedo a lui le referenze e gli propongo due soluzioni… Non ti sento, Ti ho perso… Eccoti… Pensavo, fossi caduto… Dicevo, Donato lo chiamo io… Certo, le due soluzioni di cui abbiamo discusso in sede… Stai… Sì, tu stai tranquillo… Non ci saranno problemi… Ci sentiamo, sì… Certo, va bene… Dicevo… Ok, ok. Ma Donato è una persona a posto… Dicevo ci sentiamo domenica sera per confrontarci… Uniti, cazzo… Chiaro, chiaro e lunedì mattina pronti alla battaglia… Ah ah ah… Ciao, un bacione, un bacione.

(è arrivato pure l’amaro Montenegro featuring Marias and Shakespeare: “domani nella battaglia: dovete morire.)

Telefonata 9

Si arrangerà, Carlo, è un problema suo, continua a non capire un cazzo, e allora… Esatto… Siamo sulla stessa linea sono cazzi suoi!

(Veramente, sono cazzi miei, da due ore ormai e stamme pure in ritardo. Vi schifo.)

***

© Gianni Montieri

***

Rem – Strange currencies – (Album Monster, 1994)

I don’t know why you’re mean to me
When I call on the telephone
And I don’t know what you mean to me
But I want to turn you on, turn you up, figure you out, I want to take you on

These words, “You will be mine”
These words, “You will be mine” all the time

The fool might be my middle name
But I’d be foolish not to say
I’m going to make whatever it takes,
Ring you up, call you down, sign your name, secret love,
Make it rhyme, take you in, and make you mine

These words, “You will be mine”
These words, “You will be mine” all the time, oh
I tripped and fell. Did I fall?
What I want to feel, I want to feel it now

You know with love come strange currencies
And here is my appeal:

I need a chance, a second chance, a third chance, a fourth chance,
A word, a signal, a nod, a little breath
Just to fool myself, to catch myself, to make it real, real

These words, “You will be mine”
These words, “You will be mine” all the time, oh

These words, “You will be mine”
These words, they haunt me, hunt me down, catch in my throat, make me pray,
Say, love’s confined, oh

***

ASCOLTA IL BRANO