Il ponte del sale

I poeti della domenica #243: Beppe Salvia, Non luci non serene passioni di…

salvia_i begli occhi del ladro

 

Non luci non serene passioni di
nuda vastità dimorano gli uomini,
ma vagabonde mete ed improvvise
rauche voci come fosser nodi

d’un filo che circonda, perimetro,
la rete che pescano; refe, mite
artificio che sospirando filano
arcolai opachi come vetro,

e pur d’umane ammende è colma sfera
ogni speranza, lume nuovo vedo
nel filo nel vetro, dietro la vera
vita la sorte ch’è un sospetto, sete
appagata d’altra sete, serica
brezza che muove cespi dell’erica
minuta; tela che ha perle rosee
luci serene occhi degli umani.

 

© da Beppe Salvia, I begli occhi del ladro, a cura di Pasquale Di Palmo, Il ponte del sale, 2004

Anteprima di “Soffiati via” – di Vito M. Bonito

di Vito M. Bonito

[Esce in questi giorni il nuovo libro di Vito M. Bonito, Soffiati via, per Il ponte del sale. Qui un estratto della silloge.]

bonito

*


le vere persone diluite
avvengono all’alba

fanno a pioggia
i respiri

cadono a mille
dal cielo
a scintille


*


nostra luce
opaca e nostra

chi rimane cosa rimane

più pura umana
cosa

benedizione
selezione
soluzione
salvezza
macellazione


*


allora una
due tre
quattro solo tre
al bisogno
massimo quattro

in cauda miniàs non pregare
cinque non dire
dimentica l’aria
arrenditi all’ira

quattro ogni notte
sempre ogni notte
pediatrica dose
pediatrica morte


*


un velo liquido
fino all’estasi

trafitta
confusa

brace umana

superinfusa

Andrea Longega – Finìo de zogàr

longega

 

Andrea Longega – Finìo de zogàr – ed. Il Ponte del sale 2012

“La soferenza xe una sola. / Nei giovani, nei vèci / nei maschi e nele fémene. / Gavemo tutti el stesso viso / in un lèto de ospeàl.” Questa poesia delicata e struggente apre la parte centrale del bel libro di Andrea Longega, intitolata “El tempo de i basi”. Cuore del libro dedicato alla memoria della madre del poeta, che racconta con una leggerezza che sa di miracolo: la malattia, il ricovero in ospedale, le ore che scorrono inesorabili dal punto di vista del figlio e della madre, l’affetto, l’abbandono, la nostalgia. La musicalità del dialetto veneziano è esaltata dalla precisione dei versi di Longega, la poesia qui accarezza e diventa corpo stesso del lettore, che non può non immedesimarsi e commuoversi. Tutto il libro è retto da un equilibrio perfetto, poesia che emoziona ma che ragiona, l’autore non è mai in eccesso, mai sopra le righe ed è proprio per questo ci tocca nel profondo. La raccolta è un viaggio tra i ricordi: “Me par come / dovesse sempre / sonar el telefono / mi tirar su / e sentir la to vòse.”, soprattutto un’esplorazione, un dentro e fuori, tra la vita interiore del poeta e il mondo che lo circonda. La laguna veneziana, Murano, sono presenti in maniera fortissima, quasi se ne sente l’odore. “El sol contro i cornizoni / sui muri alti de l’Arsenal / e soto xe l’ombra / freda de Novembre / le coverte ligàe co i spaghi / intorno ai motori / vèci de le barche.”  Le stagioni, il loro peso, una bellissima, irrinunciabile malinconia, tutto contribuisce a comporre il mosaico di Andrea Longega, un “tutto” detto a voce bassa. Vivian Lamarque nell’introduzione al libro scrive: “Vanno e vengono come le onde del mare i versi di Andrea Longega”. Si resta legati a queste pagine, presi dalla forza di una lingua universale come lo sono i dialetti, le radici, come la salsedine che ti resta addosso dopo il primo bagno a inverno appena scontato, che pizzica ma che non vorresti togliere.

©Gianni Montieri

***

***

Da picolo no go mai scavalcà i mureti
né slargà da sóto le redi
par entrar ne i orti a rubar l’ua
o i àmoli rampegà su i alberi.
E sì che l’orto quelo più grando
lo gavevo là – de là da i véri
alti de la fornasa – ma dopo le quatro
a giugno niente me fasseva saltar
zo tra le erbe alte, restavo invense
a vardar dentro
ne i forni el fògo, a ‘scoltar
quel so bel rumor che imaginavo
dovesse far anca de nòte le stéle
e tuto intorno i scagni, i séci, le càne lustre
e nel cantón dove i se spogiava
le canotiere, le savàte nere de i operai
el straniamento par la prima volta
davanti a le copertine tacae su i muri
le pagine de i Skorpio,co le done nue.

Da piccolo non ho mai scavalcato i muretti | né slargato da sotto le reti | per entrare negli orti a rubare l’uva | o le susine arrampicato sugli alberi. | E sì che l’orto più grande | l’avevo là – di là dai vetri | alti della fornace – ma dopo le quattro | a giugno niente mi faceva saltare | giù, tra le erbe alte – restavo invece | a guardare dentro | nei forni il fuoco, ad ascoltare | quel suo bel rumore che immaginavo | dovessero fare di notte anche le stelle | e tutto intorno gli scanni, i secchi, le canne lucide | e nell’angolo dove si spogliavano | le canottiere, le ciabatte nere degli operai | lo straniamento per la prima volta | davanti alle copertine attaccate sui muri | le pagine di Skorpio,con le donne nude.

***

Sédese giorni a Venessia miss Nancy
with the dollar very weak te vedo
incantàda davanti ai quadri in giro
par ciése e musei ti disi a 81 ani
sarà par l’ultima volta ma chi lo sa
ti me par cussì bela miss Nancy
in the morning having breakfast
co le man che te trema
al Floriàn.

Sedici giorni a Venezia miss Nancy | with the dollar very weak ti vedo | rapita davanti ai quadri in giro | per chiese e musei dici a 81 anni | sarà per l’ultima volta ma chissà | mi sembri così bella miss Nancy | in the morning having breakfast | con le mani che ti tremano | al Florian.

***

«Dighe che ‘l vada pian

che me manca ancora un ocio»

De matina presto in batèlo
le done se dà
el truco sul viso
ingrotoìe dal fredo le briga
svelte co specéti e penèli
e mi là davanti sentà
speto che riva
el momento crucial
co le ga da tirar – contro onde
e atràchi sbagliai –
drita quela riga fina
a la base de i oci.

Di mattina presto in motoscafo | le donne si truccano | il viso | intirizzite dal freddo armeggiano | svelte con specchietti e pennelli | e io là di fronte seduto | aspetto che arrivi | il momento cruciale | quando devono tracciare | – contro onde | e attracchi sbagliati – | dritta quella linea sottile | sotto gli occhi.

***

Forse da picolo
i me tirava su par el còlo
invense che par sóto i scagi
forse xe sta tuto quel umido
le matine presto a pescar
gambe e brassi
a mògie nei ghèbi

ma me so messo a girar
de nòte par l’isola
(sóra i ponti me fermo
un poco a vardar)

«ti farà la fine
de un can senza parón»
me ga dito un pèr de volte
mia mama a oci bassi
prima de star mal.

Forse da piccolo | mi tiravan su tenendomi per il collo | invece che per sotto le ascelle | forse è stato tutto quell’umido | le mattine presto a pescare | gambe e braccia | immerse nei canali || ma mi sono messo a girare | di notte per l’isola | (sopra i ponti mi fermo | un poco a guardare) || «farai la fine | di un cane senza padrone» | mi ha detto mia mamma | un paio di volte a occhi bassi | prima di star male.

***

::::::::::::::::::::::::::::::::::a Diego

In fondo al campo
porsèi e cani serai insieme
da drio le rédi, più zo le galine
a rassolar tra le piere,
tra le gambe el gato rosso
co na recia scortegada e intorno la casa,
la vècia dise, le péste de la vólp
e ‘l pensier de l’orso.

Tuto un inverno
– na vita? – che xe un miracolo
fato solo de bestie
e de neve, e mi che so bon solo
a pensar e veder
che le savàte bele
de feltro ai pìe, qua fora,
a far fatùre, ghe deventa nere.

In fondo al campo d’erba | cani e maiali chiusi insieme | dietro le reti, più giù le galline | a razzolare tra le pietre, | tra le gambe il gatto rosso | con l’orecchio scorticato e intorno alla casa, | la vecchia dice, | le orme della volpe | e il pensiero dell’orso. || Tutto un inverno | – una vita? – che è un miracolo | fatto solo di bestie | e di neve, e io che riesco solo | a pensare e vedere | che le ciabatte belle | di feltro ai piedi, qui fuori | a far mestieri, le diventano nere.

***

Che stupido l’ocio del poeta
che co ti te alzi dal lèto
finìo de zogàr
de ti varda i pìe bianchi
el segno
de i calzéti su le caviglie.

Che stupido l’occhio del poeta | che quando ti alzi dal letto | finito di giocare | di te guarda i piedi bianchi | il segno | dei calzini alle caviglie

***

Ancora quasi a quaranta ani
fasso le scale drio de ti.
La braga che se alza ad ogni scalìn
te segna la gamba magra, gamba de chi
ga fato poco sport, e mi – diverso
anca in questo – sèro la fila,
drio de ti.

Ancora quasi a quarant’anni | salgo le scale dietro a te. Il pantalone che si alza ad ogni scalino | ti segna la gamba magra, |gamba di chi | ha fatto poco sport, ed io – diverso | anche in questo – chiudo la fila, | dietro a te

***

Nota: questa recensione fu pubblicata in origine sulla rivista QuiLibri nel 2012