François Nédel Atèrre

François Nédel Atèrre, Poesie da “Limite del vero” (La vita felice, 2019)

 

Credimi, non so bene se somigli
all’animale cauto di montagna
con l’occhio vivo, o al verme che saltella
sopra una foglia, a un dorso di farfalla,
l’amore che conosco. Di recente
gli ho dato un nome per chiamarlo in strada.
Io lo misuro in tutto ciò che gira
mancando di qualcosa, nelle corde
attorcigliate per ormeggi vuoti,
nell’erba stropicciata, in un pallone
bucato ai ferri di un balcone storto.
E tu nemmeno sai di cosa parlo.
Sfrontato, in mezzo all’orto, è appeso al ramo
e ignora piogge e colline dorate
dopo il tramonto. Ha una buccia sottile,
lucida, sorvegliata dalle fronde.
Se passi, prova a coglierlo. È quel frutto
scampato alla raccolta, che ha più succo.

 

 

È sopra il muro il memento, per poca
cosa che sia, del giardino di casa:
un pezzo di mosaico. Gli anni buoni,
imparalo, hanno i loro riti. Vanno
per strade torte, nell’acqua dei rivi
schiumosa, per le crepe dei mattoni.
Te li ritrovi coi vestiti nuovi
lungo le scale, a volte sulla porta
socchiusa. Fingono di non vederti.

(altro…)

PoEstate Silva #26: François Nédel Atèrre, tre inediti

Morandi, natura morta

 

A sera – il tempo nostro sfatto, andato –
sarò l’odore delle sedie, il sole
caduto sul terrazzo, il legno chiaro
del tavolo da pranzo.
Tutte cose
lasciate senza colpa a qualcun altro,
tagliole senza denti, dove il grano
maturo si fa paglia, fondo al nido.

 

Che strana fissità, sopra il terreno
hanno i palazzi e gli alberi. La luce
mancando all’improvviso, nella strada
salda il suo vecchio debito ai colori:
così l’azzurro di piastrelle, il verde
di nuove foglie trasparenti, il giallo
di lampade sui muri, tra i dipinti
chiedono verità. Qui si prepara
qualche altra cosa, non detta, e finestre
schermate dalle tende già lo sanno. (altro…)

François Nédel Atèrre: sei inediti

 

Spogliati dalla pioggia, hanno lamelle
sottili che rilucono, rilucono.
Gli alberi magri, col dorso bagnato
sono creature acquatiche, a novembre.

30.11.17

 

*
Sono dorate e immobili, le cime
agli alberi nel giorno della festa.
Ingenua e aerea, sta una boa nel cielo
come un pianeta sui fili sospesi,
e chiede conto della sua prigione.
Nessuno passa. per la strada sgombra
c’è solo un mulinello di cartacce.

25.12.17

 

*
Si bagna appena l’azzurro, poggiando
sul mare tra i palazzi. Ogni altro scherzo
del cielo avviene in alto, sui lampioni.

Scende quieta la sera, e non le credi.

21.11.2017

 

(altro…)

#PoEstateSilva #24: François Nédel Atèrre (Francesco Terracciano), Inediti

Posso dire, di me, che camminare
per le strade degli altri mi è piaciuto,
che fosse nebbia o sole. Come tutti
ho preso qualche treno, alla stazione
altri ne ho attesi, pieni di persone
nervose, che tornavano da un viaggio.
I miei ritratti, in semplici cornici
-ch’ero bambino, in altri appena nato
stanno sopra le mensole di casa
niente mosaici d’oro, niente croci
giganteggianti in cupole tagliate
che il sole fa brillare, dai rosoni.

Volendo precisare, ho speso molto,
scelto con cura tutti i miei vestiti
libri ed oggetti, cambiato dimora
-una, ricordo, aveva le finestre
sopra il canale, amata dalle barche
che entravano con l’ombra nelle stanze-
ma niente che era mio offendeva gli altri.
Per altri versi, rimanevo a casa
sacrificando giornate di sole
qualche altra l’ho goduta, per la strada
coi vecchi amici, con persone nuove.
Altro non serve, credo, di sapere.

26.03.2017

*

Elegia per Lucifero

Non ho memoria del volo, ma ancora
so riconoscere la scia nell’aria,
la resistenza, tra le onde di azzurro
che si condensa in lamine, nel cielo.
Non sanno, questi sversatoi, di stagni
ghiacciati, della pece che ribolle
ma tutto quello che brucia, sui lati
gomme e grovigli, manda fumo nero.
Potrei allungare l’ombra, disgustare
sputando insetti e vertebre d’argilla
ma preferisco saltare, con magri
felini tra le biche, in mezzo all’erba.
Mi manca oggi la luce, ma non quella
del dio nascosto, che un tempo mi amava:
mi adira, di non leggere la grazia
sui volti umani che dovrei dannare.

07.05.2017

*

E tu mi chiedi ancora le passioni
e l’avvenire, che non è avvenuto
avaro, dopo tutto questo tempo.
Cavalli alati, foreste abitate
dalle creature giovani del mito
in assemblea operosa, i nove cieli
che il frassino sorregge, gli elfi chiari
la luce intensa dei grandi disegni.

Io ho imparato a tornarmene a casa
dopo il lavoro, come passeggiando
per un giardino, facendo la strada
che taglia in due la cima dei palazzi.
Mi bastano i rami del pioppo, i fiori
semplici e forti, che spuntano al ciglio
di un muro basso, per calmare il peso
di ogni magnifica bugia sul petto.

Più tardi, so che troverò i miei libri
sul tavolo, come li ho lasciati
la sera prima, il paralume sghembo
che fa risplendere soffitto e muri
di segni d’aria, qualcosa da bere.
Le mie care ombre, sedute in soggiorno
sempre eleganti, per l’ora di cena
saranno lì ad attendermi, in pensiero.

12.02.17

*

La bella gente se n’è andata tutta.
La luce delle lampade si è spenta.
È misterioso, il bagliore del cielo.

Adesso può risplendere, la sera.

25.01.17

Francesco Terracciano (François Nédel Atèrre/Francis Norleigh/Francesco Miti) è nato a Napoli l’undici agosto 1967.
Dopo la maturità scientifica, ha studiato Economia presso la “Federico II” di Napoli, dove ha lavorato come Assistente fino al conseguimento della laurea.
Si è trasferito a Venezia nel ’97, dove è stato impegnato, nel tempo concesso dal lavoro principale, in progetti teatrali e letterari.
Ha collaborato con associazioni culturali e riviste locali, pubblicando un libro di poesie “Phonè” (1992, Cultura 2000 Editrice RG), un libro di racconti “Il Salice Bianco” (1996, Tip. La Nuova Editrice NA).
Dal 2001 è tornato a Napoli, dove risiede attualmente. Lavora in banca.