Elisa Alicudi

Nati negli anni ’80 – Elisa Alicudi

………….C’è una sete terrifuga, uno spessore in corpo,

come se Sisifo rotolasse la terra.

Allora l’aria si è fatta acqua e i cieli,

scrollandosi il cemento, hanno liberato pesce in scatola.

Sopra le nostre teste guizzano sardine

e tubi di produzione incidono comete.

C’è alta marea, domani capovolta sul suo asse

la terra incontrerà di nuovo il sole.

.

*


L’uomo del futuro

.

Il corpo ha lamine e animelle.

A ben vederlo è una cassa a percussioni

dove rimbalza l’eco del silenzio,

è il moto di elettroni

in cellule a vapore.

Quando è in casa,

è il respiro binario

o il rantolo degli alimentatori,

sente perfino gli ultrasuoni

dei LED alla loro estinzione.

È dentro già da un secolo

al vuoto l’uomo del futuro.

.

*

.

Il vento spazza la luce che è intorno ai pozzi.

L’alito condensa in silenzio di vita

sotto il deserto, dove i nomadi

raschiano l’umido con mani e coltello.

Non lontano i tecnici drillano al suolo con asta e trivella,

il pozzo è spento, gli insetti avanzano, le mani

sono all’esterno, aspettano la scoperta di un liquido denso.

I nomadi vengono da molto lontano,

i tecnici vengono per conto di molto lontano.

I nomadi pensano: i pozzi vomitano strane sostanze,

i pozzi d’altri non hanno acqua, ma incendio.

Vedono un liquame greggio.

I nomadi assalgono con lama e vento

e sgozzano i tecnici nel traum del deserto.

.

*

.

Dialogo dei detriti

.

Lattina: vedi come si scioglie in oscure lastre

………….tocca l’asfalto e s’immerge

Sigaretta: quando non c’era elettricità era più chiara,

…………….ci spegneva o ci

…………….rifletteva

Lattina: vi teneva compagnia, ma ora vedi

………….come scompare tra i fumi,

………….ora si scioglie

………….viene verso di noi

………….sento che m’ossido

………….ora viene e ci mangia

………….con la sua bocca di cristallo

Sigaretta: s’è fatto scuro. O s’è spenta

……………o siamo dentro

Lattina: dentro la neve?

Sigaretta: nella gola della luna.

.

.

.

Elisa Alicudi (1980) collabora alle attività del gruppo sparajurij e alle sue propaggini editoriali, come la rivista letteraria Atti impuri (sia off che on www.attimpuri.it) e la collana Maledizioni per l’editore No Reply. Partecipa a letture in giro per l’Italia. Sue poesie sono apparse in alcuni blog letterari. È traduttrice dal russo. Progetto in corso: traduzione di poeti moscoviti contemporanei.