Daniela Liviello

Su “Litanie dell’acqua” di Daniela Liviello

Daniela-Liviello-Litanie-dellacqua-copertinapiatta

I testi che leggiamo qui oggi sono tratti da Litanie dell’acqua (Lietocolle, 2012) di Daniela Liviello. La sua è da subito al nostro orecchio una poesia che ha molto a che fare con quell’etica della comprensibilità del Novecento che continua la linea che è stata di Bertolucci e di molti altri autori. Dice bene Stefano Donno nella prefazione al volume a proposito dell’autrice e dei suoi temi, che se da un lato guardano a quel Sud di Vittorio Bodini, ad esempio, dall’altro ne prendono completamente le distanze grazie a un dire contemporaneo che fa della terra d’origine uno spazio che si potrebbe definire “corporeo”. Questo Sud ricorda quello dei versi corporei di Goliarda Sapienza e Rocco Scotellaro, ad esempio, e le immagini, tuttavia, sono visioni odierne in cui permane qualcosa di primigenio, come l’acqua del titolo. Anche lo stesso sostantivo “litanie” ossia “invocazioni o preghiere”, richiama un senso atavico dello ieri che riverbera nell’oggi.
Versi tanto delicati quanto ricchi, quelli di Daniela Liviello, che svelano l’intima e profonda appartenenza alla sua terra, il Salento. Sa emozionare a richiami profumati, al nitido mormorio del mondo in cui lei è cresciuta, dando forma alla coscienza di un vissuto in quella sua terra ma non solo. Interiormente il suo pensiero resta al margine, ma si fa analisi ancor più amorevole e presente.
Profumi aspri e suoni amati, attesi e conosciuti come anche una sola goccia a cadere può essere.

Abbandonare
Accettare
Amare

È ferita dichiarata, e lascia un vortice di pensiero che soffia e scuote l’urlo ben nascosto tra i suoi versi.
Lo strazio della calura, la spossatezza del non dichiarato e la nostalgia, schiumano tra i suoi versi che scivolano senza chiasso lungo muretti a secco, in un percorso amorevole eppure rancoroso, come solo l’amore sa essere.
Dal suo iniziare ci avverte già, con maestria, quanto “ogni goccia è mare/da traversare”.

© Clelia Pierangela Pieri e Alessandra Trevisan

.

***

Le strade in fondo sono tutte uguali
percorse nel buio
con pesante passo di valigia stretta
legata a fili del sonno traversato ogni notte.
A lato sta lo strapiombo del mare.
Se le strade sono sogni che sdogano
qui la neve non è più soffice del volo
d’un passero tra i limoni.
Resta l’occhio di una finestra in fondo
ad ogni via
una voce un suono chiama
a restare.
E di tanto in tanto una pioggia
sommessa
e ogni goccia è mare
da traversare.

.

(altro…)