Chiamate telefoniche

Una frase lunga un libro #16 – Roberto Bolaño: Puttane assassine

puttane

Una frase lunga un libro #16 – Roberto Bolaño: Puttane assassine. Adelphi, 2015 – Traduzione di Ilide Carmignani. €18,00 – ebook €9,99

I suoi occhi erano, come dire, potenti. Fu quello l’aggettivo che mi venne in mente allora, un aggettivo che evidentemente non nasceva dall’impressione reale che i suoi occhi lasciavano nell’aria, sulla fronte di chi riceveva il suo sguardo, una specie di dolore fra le sopracciglia, ma non trovo aggettivo che funzioni meglio. Se il suo corpo tendeva, come ho detto, a una rotondità che gli anni avrebbero finito per concedergli pienamente, i suoi occhi avevano qualcosa di affilato, di affilato in movimento.

Parafrasiamo questo brano. Ad esempio: Le sue parole sono, come dire, potenti. Riuscite a seguirmi? Bene, allora continuiamo. Ê questo  l’aggettivo che mi viene in mente sempre, un aggettivo che evidentemente non nasce dall’impressione reale che le sue parole lasciano nell’aria. E poi, lasciandone fuori un pezzetto: una specie di stupore fra le sopracciglia (fra gli occhi, nella mente, nell’anima, in un posto molto nascosto, il “laggiù” di ogni lettore), ma non trovo aggettivo che funzioni meglio. Vado avanti ancora un po’, facciamo in modo che Roberto Bolaño la recensione se la scriva da solo. Lascio fuori un altro pezzetto e concludo: le sue parole hanno qualcosa di affilato, di affilato in movimento.” Ecco. Come vedete, oltre ad aver parafrasato questo splendido passaggio tratto da uno dei racconti di Puttane assassine, ho anche cambiato i tempi verbali. Perché le parole di Bolaño, potenti o affilate, non possono essere esaminate con tempi verbali al passato, perché vive, costantemente. Vive e nuove. Affilate in movimento. Le parole di Bolaño mutano sotto i nostri occhi, si modificano, variano d’intesità a ogni lettura. Il tempo verbale più corretto, per parlare dello scrittore cileno, è il futuro. È da lì che viene, è da lì che ha scritto il suoi libri.

(altro…)