Benvenuti Filippo

in-side stories #11- Benvenuti Filippo

biennale arte 2011 - gm

In-side stories #11 – Benvenuti Filippo


Si procede con una breve descrizione del soggetto:
Il soggetto si chiama Benvenuti Filippo, nato a Rovigo il 25/12/1963, residente a Milano in via Sardegna, civico 12. Il soggetto svolge lavoro di programmatore informatico presso la ditta Bookware srl di Cusano Milanino. Il soggetto lavora spesso da casa, non ha rapporti di amicizia con nessuno dei suoi colleghi. Vive solo. Il soggetto è laureato in Ingegneria. Il soggetto è di media statura. I capelli sono biondo cenere, radi sulla fronte. Segni particolari, nessuno. Il soggetto veste sempre con pantaloni  di taglio classico, di due colori soltanto: grigio scuro e beige. D’estate porta camicie a maniche corte, a righe, e la canottiera. D’inverno indossa camicie a righe, maglia cosiddetta della salute e giacche a due bottoni, leggermente fuori moda. I colori delle giacche sono beige e grigio scuro. Si segnala in un’occasione l’uso di un giacca blu. Il soggetto attualmente non ha relazioni sentimentali. Il soggetto gode di ottima salute.

Si procede nell’elencare alcune frasi pronunciate dal soggetto: Quelle due non sanno educare il cane e lo fanno pisciare sul pianerottolo, per forza sono lesbiche. Conosco un sacco di donne dell’Est perché le vado a cercare nei loro bar. Non mi piacciono i balconi in comune, perché devo stendere i miei panni dove li stendono gli altri? Perché qualcuno dovrebbe usare le mie mollette? L’amministratore di condominio cerca costantemente di fregarmi. Irina l’ho lasciata perché aveva un figlio, non mi so affezionare ai figli degli altri. Aveva quindici anni meno di me, ucraina bellissima. Andrei anche alla lavanderia a gettoni ma mi fa schifo, lì lavano le loro cose i negri. Uso solo il doccia schiuma della Vidal, gli altri mi fanno schifo. La schiuma da barba vado a comprarla in Svizzera, qua costa troppo. Oggi al bar hanno servito quattro rumeni prima di me, l’ho fatto notare. Alla Conad il gelato costa molto meno, l’ho detto alla cassiera dello Sma. La prima volta che esci con una non puoi portarla in un museo, devi portarla a cena. La cena per due costa. Comunque mi piacciono quelle dell’Est perché sanno la differenza tra l’uomo e la donna. Ieri sono stato tre ore in un negozio di elettrodomestici perché hanno l’aria condizionata. Mi piace il tennis femminile, la negra anche ieri ha vinto. Il raptus per gelosia lo posso pure capire.

Si procede con la descrizione di alcune attività svolte dal soggetto: Il soggetto tiene in casa moltissimo materiale pornografico, si ritiene che il soggetto guardi film porno molto frequentemente. Il soggetto mangia quasi sempre in casa. Una volta al mese prende la pizza al trancio in un posto vicino all’abitazione. Il soggetto passa molto del suo tempo libero nei supermercati. Il soggetto non va mai al cinema. Il soggetto ascolta musica definita neomelodica napoletana. Il soggetto quando va al mare ci va da solo. Il soggetto mantiene una fitta rete di contatti con donne dell’est europeo. In particolare con: Russe, Ucraine, Polacche e Rumene. Il soggetto ama ballare il valzer. Il soggetto un paio di volte al mese si porta a casa una prostituta brasiliana. Il soggetto non entra nei bar gestiti da cinesi. Il soggetto non pratica alcuno sport. Il soggetto una volta alla settimana partecipa a letture collettive della Bibbia. L’oratore cambia tutte le settimane.

Si procede a una rapida descrizione dell’appartamento del soggetto: Piccolo ingresso, spoglio. Solo un attaccapanni di quelli che si usano in ufficio. A destra dell’ingresso una piccola cucina moderna, completa di elettrodomestici. Il colore dei pensili è viola. Il salotto è arredato da un solo mobile a parete, al centro del mobile un televisore a schermo piatto. Nessun libro. Nessun divano. Al centro della stanza una sola sedia di alluminio. Bagno lineare. La camera da letto è bianca. Il copriletto e le tende sono leopardate.

Si procede con la descrizione della maniera in cui è stato trovato il soggetto: Il soggetto è stato ritrovato il giorno 25/03/2008, all’interno del Supermercato Esselunga di Via delle Forze Armate in Milano, dai primi dipendenti arrivati per la riapertura. Il soggetto, in apparente stato confusionale, è stato ritrovato completamente nudo, seduto dentro il banco del pesce. Il soggetto aveva appoggiato sul pene un filetto di sgombro. Sul pavimento è stata rinvenuta una scatoletta di filetto di sgombro aperta e vuota. Provenienza del prodotto: russa. Il soggetto ripeteva le seguenti parole ad alta voce: «Non l’ho uccisa, non l’ho uccisa, sono stato bravo, anche questa non l’ho uccisa.»

Si procede al racconto dell’affidamento del soggetto alle cure dell’unità psichiatrica dell’Ospedale Maggiore di Milano: Il soggetto è stato prelevato dalle forze dell’ordine, coperto con una tuta ginnica, condotto all’Ospedale Maggiore ed affidato all’unità psichiatrica. Il soggetto non ha opposto alcuna resistenza. Il soggetto è in una camera definita protetta ed è sotto sorveglianza. Ha detto che al momento non intende parlare con nessuno e che deve riflettere. Ha chiesto che gli fossero portati degli abiti da casa sua, l’agenda telefonica, la schiuma da barba della marca prediletta, un rasoio, un docciaschiuma Vidal. Ha voluto che i medici e gli infermieri lo rassicurassero sul fatto che in quel letto non avessero mai dormito negri o cinesi.

***
© Gianni Montieri

***

CCCP – Curami (Album :1964-1985 Affinità-divergenze fra il compagno Togliatti e noi del conseguimento della maggiore età, 1985)

Curami curami
prendimi in cura da te
curami curami
che ti venga voglia di me
curami curami
verranno al contrattacco
con elmi ed armi nuove
verranno al contrattacco
ma intanto adesso curami
solo una terapia
solo una terapia
verranno al contrattacco
con elmi ed armi nuove
curami curami curami
curami curami curami

***
ASCOLTA IL BRANO