Tag: articoli controvento

Facebook: libertà di pensiero o di censura? Un fatto. (post di Natàlia Castaldi)

Facebook, ovvero il grande fratello a portata di click … Gente comune, probabili o futuri assassini, movimenti politici e civili, fascisti, anarchici, comunisti, ballerine e veline, escort e puttane, fedifraghi di ogni sesso, età, religione, Chiesa, Stato, servizi segreti, artisti ed aspiranti tali, frustrati,…

Ernesto Sabato – Final de una (r)esistencia (post di natàlia castaldi)

Avrei voluto saper trovare parole come queste per salutarlo, lo hanno fatto due amici di noiseFromAmerika, Michele Boldrin e Ne’elam, che ringrazio. nc ______________ Al morire, questa azione infattibile che si compie obbedendo, [si] succede più in là della realtà, in un altro regno….

La Costituzione sanguina (post di natàlia castaldi)

Art. 33. L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza…

La Libia e L’Italia – di Michele Boldrin (post di Natàlia Castaldi)

I fatti libici sono noti. Chi volesse un aggiornamento basta che visiti Al Jazeera. Sono anche noti a tutti l’inazione ed il silenzio del nostro governo, rotto solo negli ultimi due giorni da due interventi. Primo quello del presidente del consiglio, che ha giustificato il…

talking about a revolution (post di Natàlia Castaldi)

“Non ho sentito Gheddafi. La situazione è in evoluzione, quindi non mi permetto di disturbare nessuno” No, non è fantascienza, sono le parole del Cavaliere che, invitato a prendere posizione in merito alle repressione delle rivolte in Libia, preferisce non disturbare il Colonnello. In effetti, la…

CASO RUBYSCONI: IL TRABOCCHETTO DI GIULIANO FERRARA E LA POLITICA – di Marco Brando

Giuliano Ferrara – ex comunista diventato berlusconiano passando per il craxismo – è stato negli ultimi anni portabandiera dei teocon (cattolici conservatori e/o atei devoti) e di conseguenti crociate contro la fecondazione assistita, il testamento biologico, la legge che regola il ricorso all’aborto e…

Né puttane, né madonne, solo donne (e uomini) – di Michele Boldrin

Fossi stato a Venezia sarei andato a Campo Santa Margherita. 1. Il personale è politico. Su nFA lo andiamo ripetendo da sempre, ma vale la pena insistere. In un sistema liberale di democrazia rappresentativa il “principale” (elettori) delega all’”agente” (parlamento ed esecutivo) dei poteri…

Una sana Norimberga no? – di Michele Lupo (post di Natàlia Castaldi)

Ne sentivamo la mancanza. Poi, in questo paese che a volte ti verrebbe di sognare luterano, severo, bergmaniano, finalmente è arrivata: lei, la salvatrice, l’emancipatrice, la vera femmina che non muore mai, che non è quella che scende in piazza (ma le piazze nei…

[divagazioni controvento] – “pezzi mancanti” – di Stalker (post di natàlia castaldi)

A volte succede, fai un ordine e l’oggetto desiderato ti arriva con pezzi mancanti. Solo che Daniele Franceschini non era un divano ordinato all’Ikea, ma un giovane uomo finito nelle galere francesi  per aver clonato una carta di credito da giocarsi al casinò. In fondo…

Giuseppe Patella, Vita e morte dell’intellettuale postmoderno (post di Natàlia Castaldi)

Presento qui un articolo di Giuseppe Patella, pubblicato nel 2008 sulla rivista online “Agalma”, sul quale si potrebbe -o dovrebbe- riflettere non poco. Il link alla rivista è http://www.agalmaweb.org/index.php * «La tentazione di Siracusa» Se consideriamo la attuale progressiva irrilevanza degli intellettuali, la loro scarsa influenza sui…

The privilege of the grave (post di natàlia castaldi)

Mark Twain nel 1905 scriveva un saggio su libertà di pensiero, parola ed opinione il cui titolo ne esplicava sin dal principio l’amaro ed ironico contenuto: The privilege of the grave, Privilegio tombale. Per Twain, infatti, la libertà di parola è solo un’illusione perché…

18 settembre 1942 di Sotera Fornaro (post di natàlia castaldi)

18 settembre 1942 –  Berlino centro. ‘Niente paura, niente paura’ – la voce mi martella dentro,  mi impone di sorridere, mi tiene dritta  schiena e  sguardo, come se non avessi notato i due uomini all’ angolo della  Sebastianstrasse, il loro trench scuro – calpestano…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: