Anna Serrato

2:5 du-com-plice – reading poetico: domenica 4 e lunedì 5 marzo – Reggio Emilia (post di Natàlia Castaldi)

“Io parlo al mio doppio. Il doppio non vuole gemelli e mi risponde”.

Dello stare al mondo. Del tempo e del luogo come diversivi per crearsi al mondo, fuoriusciti dalla fabbrica, dall’industria delle barre d’identità, si può essere viaggiatori solitari o sociali, si possono avere occhi nitidi o sguardi induriti, per tornare nel Sé del mondo. Dal centro al misero spigolo, si sta comunque al mondo. E il corpo è donna o uomo e il suo doppio, la sua anima diversa non fa mai un plurale, perché gli addendi umani restano singolarità.

___________________________

[Ndr.: e buon compleanno, Antonella Taravella!]