Andrea Leone

Andrea Leone, Ricongiungimento (inedito)

berlin6

Recente vincitore del Premio Internazionale di Letteratura Città di Como per la poesia edita, Andrea Leone ci regala questo inedito. La ragione del Premio è contenuta nella seguente dichiarazione ufficiale: «In una lingua fatta di ripetizioni e liturgie, l’autore alza il suo canto folle, la sua invocazione perché un altro mondo abbia luogo, perché risplenda un’altra verità, la terribile verità della condizione umana, l’orgoglio coraggioso della nostra solitudine e del nostro essere creature».
Con questo inedito, Ricongiungimento, Leone procede da Hohenstaufen (L’arcolaio, 2016), proseguendone la traiettoria disegnata, che in lui continua a disegnarsi. Una congiunzione e una conferma di orizzonte e di visione, «dove è iniziato/ l’intero entusiasmo». (CP)

Ricongiugimento

Dico il Dio giovanissimo.
Dico il nuovissimo
spettacolo, calcolo,
il beato massacro,
il miracolo spietato,
il mio esercito esatto.

Canto in alto il calendario,
la prima data di tutto,
fondo l’anno,
chiamo i nuovi
convivi invisibili,
contemplo il compleanno
del giovane contagio,
ritorno al fuoco
dove conosco,
oso il corpo luminoso.

Inizio la scienza,
invito la prima
vita definitiva
alla frana divina.

Invento l’incendio,
esalto il racconto e il metronomo,
formo il nuovo crollo.
Evento perfetto
stermino.
Figlio dell’anno d’acciaio
avanzo in un altro
attacco matematico.

Salvo il diario,
le sue infinite
lingue antiche,
ferite dove sto per fiorire.

Metallo ed attimo appaio
compleanno del secolo,
anniversario del genio,
splendore crudele,
creature e distruzione.

Eseguo il mio infinito spavento.
Creo il mio sterminio simultaneo.
Divento il palco dove è iniziato
l’intero entusiasmo.

Sto spaventando
le carneficine eccelse,
le cronache elettriche dell’essere.
Sto diventando
un altro teatro.

Raccontato dal compito esatto
sto ricordando
ciò che accadrà in questo attimo.

Vita
finalmente spietata,
stai per diventare la data massacrata
da un’ algebra esatta,
l’allarme dell’arte,
l’allarme dell’istante,
le beate età della strage,
le pagine della mia immagine,
le algebre salve,
gli spaventati
istanti ritrovati,
il nuovo
corpo del capolavoro.

Adesso, nel martello, io sono
gli animali degli annali,
i diari drammatici,
gli infiniti felici,
i palcoscenici dei secoli,
una febbre di feste concrete,
una febbre di regole perfette,
una febbre nel celebre
cielo di idee dell’essere,
le mie scene segrete,
le mie prime
enciclopedie degli incendi,
l’estasi di esempi,
tutti gli spaventi adolescenti,
e gli Dèi
che hanno amato ancora una volta.

.

“Salgo sul palco che un giorno ho contemplato”. Hohenstaufen, di Andrea Leone

hohenstaufen

 

Venti poesie, un distillato. Una fermezza speciale nel testo, una forza che deriva, io credo, da un tremore a lungo appartenuto all’autore. Una poesia “grossa”, vasta, alta e solenne, quella di Hohenstaufen, larga, capiente: un dettato che possiede senz’altro molta grandezza, e molta vertigine. La scrittura di Leone ha in questo un fascino terribile, e invita continuamente, profondamente, all’analisi del testo, quasi richiamasse il lettore in un vortice analitico, piena di festa e di sacrificio com’è, capace come in pochi casi di una voce che non si risparmia: «Invado i documenti e i demoni, il metro e l’esito, il sepolcro e l’esordio».
L’oggi del mondo si fissa nel presente delle epoche passate: lo spirito moderno (l’eco di Hölderlin); l’età medievale (gli Hohenstaufen appunto, i duchi di Svevia imperatori e re di Sicilia tra XII e XIII secolo); l’antichità soprattutto, la sua prospettiva che in noi continua a riformarsi, quella luce nella quale ci troviamo costantemente risospinti: «Non so chi tu sia,/ mia età nuovissima./ Non so quale Dea/ stia preparando la mia età antica». L’intendimento dell’autore è questo: legare anni, età, epoche, ere.
Un’opera d’arte ci fa pensare, sempre. Ci sono immagini e termini in questo libro che sono categorie della mente, che “spietatamente”, vorrei direi, fanno da collante poematico: Dèi, teatri, matematica e musica (la musica, assolutamente, i suoni che emergono ad esempio in questo passaggio: «Sto per essere/ abbandonato al sacro/ massacro del calendario e del miracolo»). E poi nascite e dinastie, sentenze, mattatoi, mentre s’inscena di continuo la rincorsa tra esordio ed estinzione.
Già, s’inscena: è una messa in scena infatti, quest’io. In teatro, sul palco, la pronuncia dell’io è l’unica via per poter rappresentare il mondo, sembra volerci dire Leone, l’unico sguardo che può mettere a fuoco il noi e il voi del mondo. Un io-linguaggio, la costruzione del linguaggio che è la casa dell’essere.
Ci sono due luoghi indicati con precisione, Martina Franca, Pizzo del Vento, Viale Jenner, Via del Duomo. Ma c’è di più, di più ampio e di difficile definizione: c’è l’Europa, c’è l’Occidente dietro e dentro quest’io, un io alato che si muove nel tempo e nello spazio, un io sovrano che incorona. Non a caso in copertina campeggia la Siegessäule di Berlino, la Colonna della Vittoria che svetta nel Tiergarten.
È una voce che non si risparmia, dicevo, quella di Leone. Si nota un uso ripetuto del vocativo, quei «vocativi incantati e terribili», come giustamente evidenziato dalla preziosa prefazione di Lorenzo Chiuchiù, e con il vocativo vediamo l’iterazione, l’anafora e la costruzione progressiva del verso, i motori di questa poesia. Un esempio: «Questo è l’innamoramento./ Questo è il monumento del momento./ Questo è l’immens / segreto che recito». O ancora, più chiaramente: «O storie/ o storie delle colpe/ o storie delle colpe io vissi/ o storie delle colpe io vissi per estinguervi». Un nascere e un rinascere ininterrotti, meccanismo all’interno del quale troviamo non nascosta la lezione di un maestro come Milo De Angelis, del quale a tratti assume il medesimo respiro. In versi come: «L’adolescente, immortale/ nelle frane della frase» o in una formulazione come: «corte marziale dell’istante», lo sentiamo quel respiro, lo riconosciamo bene, insieme ad altre lezioni, antiche e sempre nuove e mai scontate, che l’autore ha imparato e porta in sé. Per nascere nuovamente, certo: «esaltato dal sacro// spettacolo in cui nasco», scrive. E rinascere, in un passato pronto a iniziare, in un presente che è sempre stato, ed è «il miracolo contemporaneo».

Cristiano Poletti

Andrea Leone, Il suicidio di Holly Parker

a l

Il suicidio di Holly Parker, Ventizeronovanta editore, 2016, € 12.00

«Giudicare se la vita valga o non valga la pena di essere vissuta, è rispondere al quesito fondamentale della filosofia», scrive Camus. Lo stesso quesito decide anche della letteratura: se in gioco non c’è la vita, allora non è che decorazione e chiacchiera. Il suicidio di Holly Parker di Andrea Leone (Ventizeronovanta editore, 2016) costruisce una sorta di tribunale che chiede l’impossibile: chiede ragioni alla vita.
È la storia dell’incontro fra una ragazzina, Holly Parker, e Wilhelm Friedrick, uno scrittore creduto morto. È la lucidità come unica parola d’ordine, l’adolescenza che sembra aver vissuto tutto, il cielo vuoto del fato moderno. Per la giovane «le frasi del libro di Friedrick erano come spari, le parole erano come frustate esatte, tragiche frustate esatte, staffilate». Il libro di Friedrick ha definito «una volta per tutte il nostro tempo», è «il giudizio universale sugli uomini». E le parole di Leone sono mimesi di questo giudizio scagliato sugli uomini come una maledizione. La scrittura di Leone ha una vis giuridica, affermativa, come se la frase uscisse dal novero di possibilità subito scartate: impossibile abbellire, manipolare, rendere suasiva Ananke.
La forza costrittiva delle parole mina la vita, non perché la indebolisca, ma perché la espone a forze indifferenti alla sua salvaguardia: da Dostoevskij a Céline l’autodistruzione è forte almeno quanto l’autoconservazione. Friedrick fa sapere che si suiciderà, la ragazzina ha come unica ragione di vita la morte dello scrittore, che coinciderà con il suicidio di lei. E prima la lunghissima, velenosa, confessione di Friedrick. Confessione che ha i tratti di un automatismo psichico: lo scrittore, scrive Büchner, «non collega nella sua immaginazione come gli pare ciò che i signori chiamano la bella natura e che, per dir la verità, non è altro che natura sbagliata. Egli prende posizione – e poi deve per forza fare quel collegamento». Il collegamento è la forma, lo stile, che tenta di arginare lo sfacelo: «L’esistenza non è che una forma complessa di putrefazione, una putrefazione pensante. Alcuni muoiono con la testa, e diventano pazzi, altri muoiono con il corpo, e diventano cadaveri». Giudicare se la vita valga la pena di essere vissuta, per Il suicidio di Holly Parker, significa affrontare «un processo che si perde, qualunque cosa si faccia e chiunque uno sia» (Thomas Bernhard). Sembra che solo «la negazione dell’essere, il niente, possa essere senza limiti» (Zibaldone 4177). Per Andrea Leone restano solo «accessi di perfezione, accessi di dissoluzione attraverso l’esistenza, attraverso il referto, attraverso il gelo eterno, attraverso l’inferno». Il tribunale esiste solo per condannare.

Lorenzo Chiuchiù

Andrea Leone – Lezioni di crudeltà – (alcuni estratti)

***

Il tempo ora è loro,

il tempo è dei giovani

nobili morti di questa

gelida Grecia del nord.

Indicibilmente giovani,

sempre più giovani.

Essi attendono la nostra bellezza.

Spasmodicamente attendono.

Ascoltano ogni rumore, ogni voce.

La bellezza concessa che spaventa

il tuo solo anno notturno,

la leggenda che loro non sanno

di essere stati.

Un giorno o un anno in attesa.

O decenni. O secoli

La loro guerra dell’eccelsa

primavera li vide

folli di ritorni e di crudeli protocolli

convinti a partire.

***

Hanno orrore di se stessi.

Non dicono il loro nome.

Si guardano allo specchio

e non si riconoscono,

invisibili ai primaverili inviti assidui.

Se qualcuno li chiama

essi dicono

che si tratta di un altro.

Lo schianto ha dimenticato.

Il loro letto è per sempre disfatto,

partiti in fretta

alla stagione della perfezione.

Niente, neppure

la firma sul primo quaderno

o il ragazzo raggiunto a Bologna

una sera d’estate

nessuna immagine dell’intollerabile

malattia mortale incessante

riusciì più a trattenerli.

***

Per un anno, in silenzio

guardarono incantati le nostre mani

ascoltarono i nostri più feroci

discorsi del desiderio, discorsi del martirio.

E si spaventarono in alto per tutto l’anno,

noi non vedevamo

la loro storia dell’eta che ammala,

e nel loro breve

libro ebbe inizio il sacrificio del respiro.

***

Niente è più giovane della fine

la morte è la nuova

malattia di chi non è ancora

apparso ad un impero imperfetto;

la vita, tragedia che si incendia, è vecchia.

Gli anni iniziali degli amanti non furono

più calcolati,

le nuove aule delle cose

non furono più attraversate.

I racconti del diluvio e del convivio

i compagni del gelo nel cervello del tempo

i cari deliri del dovere

furono, insalvabili, abbandonati.

***

A chi è soltanto un nome

noi vorremo ridare

il foulard verde,

il bicchiere di vino,

il costume della nuotatrice

che vince, sale, vuole.

Tutti voi ricordate.

Ti festeggiarono.

All’apparire del più crudele

anno di sole ti festeggiarono:

incendiarono le vecchie pagine della strage,

e nel giorno del definitivo

delirio scrissero il nome.

***

Lo spasmo sovrano del calcolo

il delirio matematico

il sipario si aprì

sull’irripetibile

estasi dell’esattezza,

follia di geometrie rapidissime.

La bella tragedia

l’idea estrema

compì l’eterna

commedia del coraggio,

l’immortale, infantile

scossa della storia

nella scuola dello scandalo

ci sospinse oltre la soglia.

***

La bella età resuscitò i morti.

Convinse i risorti.

Convinse l’incessante

erede delle scienze estreme.

Trattenne queste tenebre dell’erede

febbre millimetricamente,

disse la vertigine dell’origine

in queste ultimissime geometrie

del tremendo incendio giovanile;

spasimo estremo del battesimo

parlò ancora nel nostro concreto risveglio,

accadde durante la delirante

estate delle algebre dissacrate.

Poesie di Andrea Leone tratte da “Lezioni di Crudeltà” Poiesis Editrice 2010

EAUX D’ARTIFICE