ArchiVolti

Archivolti #4: First we take Manhattan

È più di un anno che questo libro occhieggia dal comodino nelle pause delle mie letture frammentate, stanando città per città, quasi fosse una guida per viaggiatori consapevoli più che un saggio. Quindi, innanzitutto mi devo scusare con C. Armati (e ringraziarlo), l’editore che me lo aveva gentilmente inviato confidando in un mio interesse e una mia lettura. Eccomi qui solo adesso, ma avevo bisogno di tastare con mano quanto descritto in questo breve ma denso saggio e cercare di ricostruire tra memorie di viaggio, studio e letteratura il percorso storico, antropologico, urbanistico e geografico che viene direttamente o indirettamente attraversato in questo testo. Torno adesso da New York, ho passeggiato per Chelsea e il Lower East Side sono stato a Brooklyn e ho attraversato Gowanus, Williamsburgh e ho visto. Ecco quindi che, “presa Manhattan”, mi decido a scriverne partendo proprio da qui perché First we take Manhattan – la destrucciòn creativa de las ciudades è il titolo in lingua originale del libro con un palese omaggio alla poetica Coheniana, ma finezza probabilmente incomprensibile ai più e quindi ci/mi tocca accontentarsi dell’efficace quanto fredda traduzione “Città in vendita”.
Attraversamento, quindi, perché di questo si tratta. Il saggio non è una fredda denuncia statistica di quanta parte di mondo sta devastando la “gentrificazione”, ma è un vero proprio viaggio che inizia in un taxi con Bob Dylan attraverso le sue Desolation row e attraversa Manhattan, Barcellona, Saragozza, Parigi, Londra, Madrid, per arrivare a Berlino (then we take Berlin…) e mostrarci come la politica della “lotta al degrado” sia stata in realtà sempre l’alibi per smantellare sistemi e reti sociali che erano parte integrante di un territorio per puntare così al profitto e trasformare quartieri un tempo popolari in luoghi di passaggio per lo shopping o la vita notturna o creativa (penso a Chelsea che ora ospita gallerie d’arte e locali alternativi). Fin qui tutto (purtroppo) normale, ma questo libro va più a fondo, e attraverso una ricerca puntuale e multidisciplinare ci svela con un non troppo velato disincanto come sia successo tutto ciò e come sia possibile che in un quartiere un tempo malfamato, popolare come la Malasaña, oggi tu possa trovare una pasticceria per cani. Qui non si tratta più di ragionare su un tessuto urbanistico storicizzato e antropizzato e sul suo diritto a esistere (un nostro esempio locale è il quartiere attorno a San Pietro abbattuto da Mussolini per aprire la retorica prospettiva di via della Conciliazione), ma è la presa d’atto di come il tessuto urbano di ogni città sia elemento funzionale esclusivamente al profitto economico e come il principio dell’abitare non si concili più con un’idea di rete locale e di relazioni. (altro…)

ArchiVolti #3: Nanni Angeli, La ‘janna a Lianti

Non sono rari gli studi sull’architettura “tradizionale”. Spesso hanno un fine semplicemente documentario per tracciare un “inventario” della memoria a fini conservativi museali. Altri tipi di ricerche invece tendono a riscoprire la dimensione dell’edilizia “rurale” per recuperare quegli aspetti architettonici che si sono sviluppati nell’ambito di strutture sociali ben definite attraverso usi, comportamenti, relazioni e (forzatamente) linguaggi, ma il più delle volte rimangono legati a un limitato contesto regionale etnografico e risulta impossibile arrivare alla definizione di un “corpus” che sia base per una riprogettazione anche normativa nell’ambito della ricerca paesaggistica. Nel 1979 esce per la CLUP edizioni “La costruzione del territorio, uno studio sul Canton Ticino”, un importante testo a cura di Aldo Rossi, Eraldo Consolascio e Max Bosshard in cui si evidenzia l’importanza della conoscenza del patrimonio storico-architettonico al fine di preservare le peculiarità di un territorio storicamente costruito. Lo studio in questione partiva da una ricerca della Scuola Politecnica Federale di Zurigo che applicava diverse metodologie tra cui quella dell’inventario del “Heimatschutz”, al fine di salvaguardare i cosiddetti “Landschaftsbilder” (quadri paesaggistici). Il testo, che analizza le abitazioni rurali e di montagna dell’Engadina nel loro essere struttura urbana complessa, rivela via via la necessità di andare oltre la conservazione “mnemonica” del paesaggio e approfondisce così le evoluzioni tipologiche di un paesaggio che si modifica attraverso dinamiche ben più complesse. Quaranta anni dopo ancora si sente fortemente la necessità di ricerche strutturate sul sistema paesistico e non mancano esperienze di ricerca, analisi, mappatura o addirittura laboratoriale (il caso dell’associazione Lhi Mestres che si occupa del recupero della tradizione costruttiva rurale dell’alta Val Varaita). Uno studio che merita sicuramente una sua valorizzazione (oltre il fine documentaristico etnografico) è quello portato avanti da Nanni Angeli, fotografo sardo che tra il 2010 e il 2011 si è occupato di una ricerca sulla struttura dello Stazzo, unità abitativa rurale e cellula socio-economica della società contadina gallurese fino alla prima metà degli anni 60, al fine di mostrarne ancora la sua originalità e interesse, pur avendo perso, in molti casi, la propria funzione originaria. Il lavoro di Nanni Angeli, La ‘janna a lianti (La porta a levante) è un racconto fotografico che entra nelle dinamiche evolutive di una società che ha adeguato la funzione della struttura da luogo tradizionalmente abitativo a casa di sosta temporanea (pastorizia per esempio) o villeggiatura. (altro…)

Archi volti #2 – Del buon abitare: Marco Simonelli

Rimasero soltanto i muri esterni
la facciata era un viso stralunato,
le finestre due orbite svuotate

 

 

 

 

 

È un’architettura di presenze consolidate quella che ci fa intravedere Marco Simonelli nella sua raccolta Le buone maniere uscita nel 2018 per Valigie rosse. Un’architettura bella solida, protettiva e abitabile perché drammaticamente esile nei suoi confini interni.

È come se a dividerci ci fosse
un foglio bianchissimo quasi trasparente

Ma è proprio in questa labilità che si esprime la forza, la durata, la permanenza di ogni atto quotidiano domestico.
Le relazioni umane nella poesia di Marco Simonelli potrebbero non avere “limite” o distanza se non dovessero passare attraverso elementi esterni, robusti, insindacabili, assoluti. Elementi che al cospetto di una struttura così complessa come una “casa”, non possono essere umani. Un cassetto antico se aperto può svelare segreti che destrutturano ogni forma di autorevolezza umana. Ma gli oggetti no, non rischiano allo stesso modo. L’acqua al massimo può raffreddar
si nel microonde, i pupazzi sono oggetti transizionali che rimangono a difendere il fortino di una storia intima che non è mai rêverie, ma necessità di mantenere dei confini. Gli oggetti nel frattempo non muoiono, non invecchiano, sono sempre lì a ricordarti quello che eri e per questo non vanno mai buttati ma piuttosto nascosti in soffitta.
La struttura del verso, robusta scandita da metriche precise come vuoti e pieni in un’architettura neoclassica mantiene consolidate le distanze protettive dentro-fuori ma si sviluppa al suo interno secondo rituali che si predispongono all’incontro, alla visita sporadica, ai ritorni.
Nella casa-libro di Marco Simonelli, oggetti e corpi sono complici nella costruzione e nel mantenimento delle relazioni. Ecco quindi le “buone maniere”, non un codice comportamentale tra individui, ma modalità di interazione attraverso gli oggetti che immutabili nel loro essere materiale, si presentano nella loro immanenza, osservatori di un’umanità in crescita ma sempre su una soglia, in attesa di visite, di eventi, di scoperte, di iniziazioni e gli oggetti stanno lì a definire le regole del gioco, a stabilirne i tempi per poi rintanarsi testimoni di riti iniziatici e pronti a rinchiudersi per difendersi dall’incostanza esterna, da possibili e plausibili devianze da ciò che non è “buona maniera”.

Inutili i livori ed i rancori
quelli dentro ti hanno chiuso fuori

© Iacopo Ninni

 

Marco Simonelli, Le buone maniere, Valigie Rosse 2018

ArchiVolti #1: Alessandro Mendini

Avrei voluto iniziare questa nuova rubrica in  maniera ben diversa, ma la recente scomparsa di Alessandro Mendini mi ha forzatamente imposto la scaletta. Da una parte ritengo doveroso iniziare con un omaggio a chi mi è stato maestro e ha lasciato una traccia significativa nel mio lavoro, ma dall’altra, ed è sicuramente importante al fine di questa nuova nostra rubrica, va riconosciuto ad Alessandro Mendini il merito di aver rivoluzionato il sistema e il codice narrativo dell’architettura, riportando la “parola” ad essere parte integrante del progetto ben oltre l’idea di slogan, aforisma o manifesto. È anche importante scriverne per evitare che il suo rapporto con la narrazione – o come lui spesso diceva “la letteratura” del progetto – si affossi sull’immagine oramai iconica della “Poltrona di Proust”.
Alessandro Mendini dal 1970 al 1976 è direttore di Casabella ed è attraverso questo canale (in seguito Modo e Domus) che diventa il protagonista del dibattito culturale che negli anni ’70 si approcciava a un faticoso e lento abbandono degli stilemi e dei protocolli progettuali del Movimento Moderno. Gli editoriali di quel periodo, sotto forma di poesia, pensieri, dubbi sono raccolti in Architettura Addio (Shakespeare & company, 1981), testo poi
trasformato in una performance teatrale di Antonio Syxty (Manifatture Teatrali Milanesi, 2018). Solo tredici anni dopo, un’eternità se commisurata all’evoluzione progettuale e culturale del designer in quel lasso di tempo, scrive tra i “Frammenti” che costituiscono l’introduzione al testo Atelier Mendini, una utopia visiva:

Le decorazioni sono come i pesci nel mare, ci sono anche se celati alla nostra vista. L’ornamento è positivo perché è l’elemento narrativo che anima l’oggetto freddo e tautologico. Ciò che si dà come puramente funzionale, ciò che non è ornato, perde in letteratura, togliendo racconto all’oggetto, se ne evidenzia la tecnica in quanto povertà.”

Una ri-marcatura così forte dell’idea di ornamento in quanto elemento narrativo apre quindi una serie di riflessioni su ciò che ha significato, nel bene e nel male, il passaggio dal rigore “loosiano” e dal rapporto disegno-funzione, eredità di A.Castiglioni, alla narrazione postmoderna di cui Mendini è stato sicuramente consapevole artefice (rimando a questo proposito a un interessante articolo di R. Barilli su Art Tribune). Ma contemporaneamente appare evidente questo bisogno di dare all’oggetto (sia casa o caffettiera) un ruolo narrativo fortemente antropologico e sociale (se non affettivo). Il designer è artefice di questa narrazione, l’oggetto deve presentarsi come “io narrante di un romanzo” che comunica oltre l’aspetto meramente funzionale, attraverso il suo essere percepibile. Del resto, ancora oggi, uno dei più grandi equivoci in cui si cade quando si parla di architettura è il ritenere esclusivamente il “funzionale” come categoria estetica assoluta. E scrivo questo mentre sfoglio le fotografie dei progetti dell’Atelier Mendini e mi soffermo sui particolari del museo di Groningen e nello specifico sulla torre, luogo destinato a ospitare i depositi del museo, che si presenta come un compatto aureo scrigno fiabesco, così come scrigno è la “casa”, tema fondamentale su cui spesso ritorna  l’esperienza progettuale di Mendini.

La casa può essere lo scrigno della nostra memoria oppure il magazzino dove si accumulano mobili sbagliati e residui inutili… la casa: luogo di vita e morte vera, e assieme luogo di vita e morte apparente. Gli oggetti sono testimoni, gli strumenti di scena: frullatori, sgabelli, bottiglie, tappetini, vasi di fiori, personal computer… il catalogo in scala reale tanto della nostra poesia e dedizione, quanto della nostra esigenza e ambizione. È tra queste difficoltà antropologiche, tra questo deposito di bicchieri di cristallo, si inserisce il problema dell’architetto.” (da “La Poltrona di Proust, architettura, arte, design e altro”, pp. 36, 37)

 

© Iacopo Ninni

A. Mendini, Architettura Addio”, Shakespeare & company, 1981
A. Mendini, la Poltrona di Proust, architettura, arte, design e altro, Tranchida editori, 1991
R. Poletti (A cura di), Atelier Mendini, un’utopia visiva, Fabbri editore, 1994
A. Mendini introduzione a Cosedicasa, I. Ninni, Dotcom press, 2017

Immagini:
– Alessandro Mendini con la luce notturna Campanello, 2016. (Ph. Roberto Gennari Feslikenian)
– Groninger Museum