Una domenica inedita #29: Poesie di Giuseppe Settanni

 

la ragnatela appesa al ramo del castagno
e i capelli genuflessi

il passaggio è aperto ma
sembra un varco sottile
dove si passa solo al buio

la bocca si è sciolta tempo fa
nei vigneti di mio nonno
bruciati dalla fatica

un invito
a cui ora non so più rispondere

 

 

come giustificare la nostra
disarticolazione?

ci profondiamo in formalismi
ci soppesiamo
possibile che non ci scuota
il desiderio di rapina?

è matematica distante, il nostro amore
staticità
potrebbe durare secoli
e non aprirsi mai

 

 

accusalo per le sovrapposizioni di fragilità
e non strapparti la mandibola a morsi
per una colpa imprecisa

la colla attacca le vibrisse
che ti scuoiano lentamente
mentre il fuoco si spegne sotto il sole

le punture dei rebbi sono troppo sottili
per non farsi sentire

hai fame di delicatezza
sommergiti

 

 

te l’avevo detto
che dovevi soffocarla nel sogno
la tua metà imprecisa

evitare il contagio
ti sembra poco?

il platano davanti a te
ha una cavità:
potresti nasconderti
in quello spazio umido

 

 

uno a uno
prendono commiato

oggi è il turno dello zio
e il presepe perde un altro pezzo

a volte
credo che dovremmo rinnegarci
o annegarci

 

 

arriveranno martedì
in un involucro di polietilene
protetti

da millenni
ci mandavano solo cartoline
ma ora scrosteremo il loro intonaco

troveremo argilla
sotto i dipinti?

subito dopo andranno via
– i signori elargiscono con parsimonia –
anche se forse non immaginano
cosa possa creare un incontro

 

 

sta crescendo, si vede

parole a scatti
poco coordinate
ma mirate

e stacca le calamite
come se avesse già capito
che bisogna recidere
prima di farsi amare

 

 

risposta ineccepibile
prima o poi dovremo pur soffocare
senza striature

carta d’identità violata
avevo le lentiggini in bocca
e un sano desiderio di colori

promettimi
che guarirai dai tuoi no

è più facile assecondare
riesce bene anche a me
specie quando comprendo l’attacco
delle vipere

infondiamoci a vicenda postulati non credibili
così potremo affondare
stando a galla

 

 

né avremmo potuto affievolirci
nelle inesattezze del dormiveglia
o prima di un salto attutito

al saluto non riesco a credere,
è quello che si attacca sulle unghie
a mantenermi in vita

torna presto
prima di adesso

 

 

più di quanto io riesca
a deglutire
con i denti insanguinati

il corridoio, una scia che va
e viene
tra odori fecali e scissioni

a una cicatrice di distanza
dall’ultima salvezza

il tormento affama, afferra
con artigli da simulatore

limitare i danni

appassirsi

 


Giuseppe Settanni, nato a San Giovanni Rotondo nel 1981, vive a Fano (PU). Laureato in Giurisprudenza, è avvocato e docente universitario. Ha pubblicato il romanzo Nero (Edizioni Palomar, 2010) e la silloge poetica Blu (Edizioni Ensemble, 2019; Premio Anselmo Filippo Pecci). Suoi testi sono pubblicati su vari blog e siti letterari, tra i quali «Poesia del nostro tempo», «La presenza di Erato», «Margutte», «Inverso – Giornale di poesia», «Poliscritture», «Poetry factory» e «Le stanze di carta».

Un commento su “Una domenica inedita #29: Poesie di Giuseppe Settanni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: