I poeti della domenica #474: Gabriela Fantato, i tre gradi dell’invocazione

 

i tre gradi dell’invocazione

signora di ogni angolo acuto
madre degli acciaccati ai fianchi
(di tutti quelli che hanno un foro
aperto a picco dentro al mondo)
vieni con le braccia a tenaglia e latte
alle molte mammelle

sorella di una polvere a tastoni
che copre dal freddo chiara ogni ferita
dammi quel niente della lingua
nel sangue che mi scorre
(il tuo fiato sa il filo della vita
e le paure altre ai giorni)

vieni bambina scura della notte
con le tue lune nel tacco
e le labbra rosse da ragazza
dimmi il passo su, alla stellla
e la voce dei solchi nella mano
tra le dita strette al mondo che mi tiene

 


© Gabriela Fantato, Moltitudine (poche storie certe e numerate), in Poesia contemporanea. Settimo quaderno italiano, Marcos y Marcos, 2001, p. 106

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: