Raffaela Fazio, Differenza (inedito)

Franz von Stuck, L’altalena, olio su tela (1898), ora nel Museo Villa Stuck a Monaco di Baviera

Differenza
(per S.)

A volte appare
la nostra differenza, tradita appena
da un peso
altrove irrilevante, da un foro al centro
della partitura.

È quando mi sollevo
per un niente
dal tempo, da tutto ciò che tiene
e mi dissolvo
dentro un non-suono, un luogo
in cui non sono, forse
né conta cosa avviene

e tu rimani al suolo
il sole nella carne
lo sguardo acceso
dal battito futuro
nei polsi
l’urtarsi di frequenze
la stretta alle tue tempie
di quello in cui non smetti di sperare.

Oggi si è aperto
di nuovo
un intervallo di misura.
E io non muoio (credo)
per paura. Oggi se muoio
è per capienza.
È come dire:
mi basta questo, è tanto
˗ la notte è pari al giorno, bella.
Non c’è più aggiunta:
la parte è già pienezza.

Ma tu non esitare:
desidera più aria, ultima corda.
Sospingila più avanti.
Fa’ che io senta la nostra differenza
come si ascolta il battito nel petto.
Sii questo assenso
più teso, più sonoro
al mio silenzio.

© Raffaela Fazio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: