Giorno: 5 Mag 2019

I poeti della domenica #354: Eugenio Tomiolo, [E vivi se ti vol restar vivente]

 

E vivi se ti vol restar vivente,
E va sui prà dei fiori e erbe basa,
E verità precluse a ti ti aceta.
Va, camina, ora, varda farse el mondo
Al disegnar coreto o divin modo.
State a la bona indove ride el tuto,
Godite el fresco e godite l’arsore.
No credar d’essar solo, tuto vive,
Canta e rissona sona e ti ricanta.
Quel che distribuisse el sa e parte.
Da su’ sta mura buta tuta l’uva
Susà furà sugà scura de ave.

[E vivi se vuoi restar vivente] E vivi se vuoi restar vivente | E va sui prati dei fiori ed erbe bacia. | La verità precluse a te tu accetta. | Va, cammina, prega, guarda farsi il mondo | Al disegnare corretto o divin modo. | Statti alla buona dove ride il tutto, | Goditi il fresco e goditi l’arsore. | Non credere d’esser solo, tutto vive, | Canta e risuona suona e ti ricanta. | Quel che distribuisce sa le parti. | Da su questa mura butta tutta l’uva | Succhiata rubata asciugata scura di api.

.

© Eugenio Tomiolo da Inediti in Poeti dialettali del Novecento, a c. di Franco Brevini, Torino, Einaudi, 1987

I poeti della domenica #353: Eugenio Tomiolo, [Deme ancora da pecar, un fià vu deme]

 

Deme ancora da pecar, un fià vu deme,
e ve prometo ancora, po’, de obedir,
che del gninte de ‘sto mé pecar
lassarà ‘sto mé pìe la strissa in tera
cô i me strassinarà a la promessa.
Mì no so, né vu donca savaré
e xé proprio zontar dime al mistero.
Forse pecar xé tentar ‘na nova.

[Datemi ancora da peccare, un respiro datemene] Datemi ancora da peccare, un respiro datemene, | e vi prometto ancora, poi, di obbedire, | che dal niente di questo mio peccare | lascerà questo mio piede la striscia in terra | quando mi trascineranno alla promessa. | Io non so, e nemmeno voi dunque saprete | se è appropriato aggiungere norme al mistero. | Forse peccare è tentare una notizia.

© Eugenio Tomiolo da Osèo gemo, Milano, Scheiwiller, 1984 in Poeti dialettali del Novecento, a c. di Franco Brevini, Torino, Einaudi, 1987