Giorno: 29 aprile 2019

Archi volti #2 – Del buon abitare: Marco Simonelli

Rimasero soltanto i muri esterni
la facciata era un viso stralunato,
le finestre due orbite svuotate

 

 

 

 

 

È un’architettura di presenze consolidate quella che ci fa intravedere Marco Simonelli nella sua raccolta Le buone maniere uscita nel 2018 per Valigie rosse. Un’architettura bella solida, protettiva e abitabile perché drammaticamente esile nei suoi confini interni.

È come se a dividerci ci fosse
un foglio bianchissimo quasi trasparente

Ma è proprio in questa labilità che si esprime la forza, la durata, la permanenza di ogni atto quotidiano domestico.
Le relazioni umane nella poesia di Marco Simonelli potrebbero non avere “limite” o distanza se non dovessero passare attraverso elementi esterni, robusti, insindacabili, assoluti. Elementi che al cospetto di una struttura così complessa come una “casa”, non possono essere umani. Un cassetto antico se aperto può svelare segreti che destrutturano ogni forma di autorevolezza umana. Ma gli oggetti no, non rischiano allo stesso modo. L’acqua al massimo può raffreddar
si nel microonde, i pupazzi sono oggetti transizionali che rimangono a difendere il fortino di una storia intima che non è mai rêverie, ma necessità di mantenere dei confini. Gli oggetti nel frattempo non muoiono, non invecchiano, sono sempre lì a ricordarti quello che eri e per questo non vanno mai buttati ma piuttosto nascosti in soffitta.
La struttura del verso, robusta scandita da metriche precise come vuoti e pieni in un’architettura neoclassica mantiene consolidate le distanze protettive dentro-fuori ma si sviluppa al suo interno secondo rituali che si predispongono all’incontro, alla visita sporadica, ai ritorni.
Nella casa-libro di Marco Simonelli, oggetti e corpi sono complici nella costruzione e nel mantenimento delle relazioni. Ecco quindi le “buone maniere”, non un codice comportamentale tra individui, ma modalità di interazione attraverso gli oggetti che immutabili nel loro essere materiale, si presentano nella loro immanenza, osservatori di un’umanità in crescita ma sempre su una soglia, in attesa di visite, di eventi, di scoperte, di iniziazioni e gli oggetti stanno lì a definire le regole del gioco, a stabilirne i tempi per poi rintanarsi testimoni di riti iniziatici e pronti a rinchiudersi per difendersi dall’incostanza esterna, da possibili e plausibili devianze da ciò che non è “buona maniera”.

Inutili i livori ed i rancori
quelli dentro ti hanno chiuso fuori

© Iacopo Ninni

 

Marco Simonelli, Le buone maniere, Valigie Rosse 2018

Anna Toscano, Al buffet con la morte

al-buffet-con-la-morte-563153

Al buffet con la morte, l’ultimo libro di Anna Toscano – poetessa, editor, critica e fotografa – edito da La vita felice (2018), con postfazioni di Antonella Cilento e Nadia Terranova, si presenta già dal titolo come una vera e propria meditatio mortis, che però assume un tono non di monito tragico e assoluto, ma di riflessione dolente e pacata che coglie la morte, la sua aleggiante incombenza, in momenti diversi e a volte stranianti, come in una sonata, di ventisei brevi movimenti, in cui vi è la presenza di un basso continuo, che accompagna temi che nel loro inseguirsi si alternano in primo piano. Le prime poesie, che restituiscono il senso del titolo del libro, colgono la morte in un momento familiare e intimo, quello del pranzo casalingo, che è metafora degli affetti più cari, dei legami di sangue.

C’era sempre la morte
a tavola con noi
stesa sul tavolo
col suo dito ossuto
faceva cadere qualcosa
sempre sul tovagliolo
di mio papà.

(altro…)